Società

di Nathan Algren

Piemonte: è allarme nascite

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel 2020 il Piemonte ha perso 36.272 abitanti. Il numero dei morti è stato più che doppio rispetto al numero dei nuovi nati: un dato drammatico, aggravato dal Covid, che neanche i flussi migratori riescono a bilanciare. Un dato che disegna per il futuro una regione di vecchi, dove si nasce sempre meno.

Le culle vuote non sono un fenomeno solo piemontese, sono una piaga nazionale, ma in Piemonte l’invecchiamento della popolazione risulta particolarmente accentuato, se è vero che ogni sei persone anziane (oltre i 65 anni) si conta ormai appena un ragazzo sotto i 15 anni (la media nazionale è di un ragazzo ogni cinque anziani).

La deriva della popolazione si trascina da anni, è oggetto di sporadiche iniziative legislative per il sostegno alle nascite, animata però dall’azione politica del Popolo della Famiglia, ma complessivamente viene subìta passivamente dal sistema Paese, senza vere controffensive che arrestino e invertano il trand negativo. In un Piemonte abitato prevalentemente da persone anziane, con pochi giovani e pochi adulti in età da lavoro, il sistema delle pensioni diventerà insostenibile, così come risulterà temeraria la gestione della rete sanitaria e assistenziale.

Nel suo rapporto annuale sui dati demografici del Piemonte l’Istat parla di «dinamica demografica recessiva»: se nel 2019 la popolazione piemontese contava 4.311.217 individui, nel 2020 siamo scesi a 4.274.945 (-0,84%). Si tratta di dati più o meno in linea con quelli nazionali: l’Italia, in un anno, ha perso 405.275 individui (-0,7%) e resta ormai ben al di sotto dei 60 milioni di abitanti, a 59.236.213.

Secondo dati Ires, nel 2020 in Piemonte sono nati solo 27 mila bambini, mai così pochi. Per la prima volta i nati sono risultati meno della metà del numero dei decessi. Rispetto al 2019 il calo è stato del 3%: 900 bambini in meno. Rispetto al 2011 la flessione appare del 28% (10.700 nascite in meno nell’arco di un anno). Per cogliere le dimensioni dell’emergenza basta pensare che negli anni Cinquanta del Novecento nascevano in Piemonte 40 mila bambini all’anno e negli anni Sessanta, quelli del baby boom, si giunse a 65 mila nascite. Ora siamo a 27 mila (6,3 ogni mille abitanti, erano 8,7 dieci anni fa).

Il calo della popolazione piemontese è una tendenza che neanche i flussi migratori riescono a contrastare. Nel 2020 gli stranieri residenti nella regione subalpina sono aumentati di appena 5.343 unità rispetto all’anno precedente (417 mila le presenza complessive): sono numeri bassi a confronto della Lombardia (+ 41 mila stranieri), del Veneto (+ 23 mila), dell’Emilia-Romagna (+ 25 mila) o della Toscana (+ 28 mila). Gli immigrati preferiscono vivere in altre regioni d’Italia, segnalando un altro fattore negativo del Piemonte: il declino industriale, che ha chiuso aziende, cancellato posti di lavoro, rallentato il mercato occupazionale. Anche il declino economico contribuisce al calo demografico.

Fra le cause del calo di nascite c’è il progressivo assottiliamento della popolazione femminile in età fertile, solitamente calcolata nella fascia d’età 15-49 anni. Se nel 2010 le donne piemontesi potenzialmente fertili erano 971 mila, nel 2019 sono scese a 832 mila (-14%). Per un regolare ricambio delle generazioni occorrerebbe la nascita di 2,1 figli per ogni donna, ma ne 2019 il numero medio dei figli si è attestato a 1,27. Quasi una donna su quattro (23,3%) è senza figli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/12/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

I media e le parole

I mezzi di comunicazione di massa tendono a svuotare il senso delle parole e senza senso di diventa pazzi, come quel personaggio di Dylan Dog che senza senso del linguaggio finisce suicida

Leggi tutto

Politica

Due anni dopo

Chi è interessato a dare continuità operativa alla mobilitazione avviata due anni fa, per uscire dalla dimensione di quella che sarà altrimenti una sconfitta continua, deve battersi politicamente sul territorio al fianco del Popolo della Famiglia. Un milione di voti alle elezioni politiche che si terranno tra qualche mese, dopo che avremo raccolto le centocinquantamila firme necessarie per presentarci in tutti e cento i collegi in cui il territorio nazionale è suddiviso dalla nuova legge elettorale (almeno 1.500 firme a collegio), rappresentano un traguardo assolutamente a portata di mano. Unisciti subito a noi diventando un tesserato del Pdf. L’iscrizione al Popolo della Famiglia costa 50 euro per il 2017 - liberi di fare donazioni superiori, chi versa almeno 500 euro è socio sostenitore e ottiene in regalo l’abbonamento annuale digitale al quotidiano La Croce - e si regolarizza con un bonifico al conto intestato a POPOLO DELLA FAMIGLIA che ha il seguente IBAN: IT88M0103003241000000354618 del Monte Paschi Siena, agenzia Roma 41. Si può in alternativa inviare un vaglia postale a POPOLO DELLA FAMIGLIA piazza del Gesù 47 00186 Roma. L’avvenuta iscrizione deve essere comunicata al sempre più decisivo coordinatore nazionale Nicola Di Matteo con una email a [email protected] che provvederà all’invio materiale della tessera).

Leggi tutto

Media

Associazione Stampa Romana - Intelligonews chiude: a casa e senza tutele tutti i lavoratori

Librandi alla fine di ottobre ha comunicato alla redazione la fine dei giochi. Gli accessi si sarebbero ridotti, ma non al punto tale da giustificare una repentina chiusura. Nonostante l’editore negli anni avesse sfruttato il lavoro dei colleghi, avendo fatto poco e nulla per regolarizzare le posizioni contrattuali e previdenziali.
La lettura dei bilanci ci racconta invece tuttora una storia di assoluta sostenibilità dell’impresa editoriale. Forse ha inciso di più la collocazione di Librandi all’interno del partito democratico.

Leggi tutto

Chiesa

Un Incontro con Franco Nembrini

La Traccia” è il nome di un particolarissimo istituto scolastico, fondato trent’anni fa dall’educatore bergamasco noto per le sue trasmissioni su Dante e su Pinocchio. Vi si tengono ben undici giorni di festa, con altrettante sere: in una di queste abbiamo incontrato “Franco” per una lunga chiacchierata

Leggi tutto

Politica

Legittima difesa: una legge inutile e dannosa

In dirittura d’arrivo il voto finale della Camera dei deputati sulla legge che cambia la legittima difesa secondo le istanze portate avanti da Matteo Salvini. Ieri sono stati votati i primi 6 articoli, con l’assenza di 35
deputati pentastellati considerati in dissenso. Dopo il voto scontato di oggi il testo tornerà al Senato per l’approvazione definitiva, prevista per il prossimo 28 marzo, se non ci saranno sorprese.

Leggi tutto

Società

Così la Francia scivola verso la GPA

«Una GPA realizzata all’estero non può di per sé impedire il riconoscimento di un legame di filiazione in Francia con la madre d’intenzione». Così la Corte di Cassazione francese ha convalidato ieri l’adozione di due gemelli nati nel 2000 da madre surrogata californiana da parte di Sylvie e Dominique Menesson. È stato il concetto di “intenzionalità genitoriale” a decidere la sentenza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano