Società

di Nathan Algren

Piemonte: è allarme nascite

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel 2020 il Piemonte ha perso 36.272 abitanti. Il numero dei morti è stato più che doppio rispetto al numero dei nuovi nati: un dato drammatico, aggravato dal Covid, che neanche i flussi migratori riescono a bilanciare. Un dato che disegna per il futuro una regione di vecchi, dove si nasce sempre meno.

Le culle vuote non sono un fenomeno solo piemontese, sono una piaga nazionale, ma in Piemonte l’invecchiamento della popolazione risulta particolarmente accentuato, se è vero che ogni sei persone anziane (oltre i 65 anni) si conta ormai appena un ragazzo sotto i 15 anni (la media nazionale è di un ragazzo ogni cinque anziani).

La deriva della popolazione si trascina da anni, è oggetto di sporadiche iniziative legislative per il sostegno alle nascite, animata però dall’azione politica del Popolo della Famiglia, ma complessivamente viene subìta passivamente dal sistema Paese, senza vere controffensive che arrestino e invertano il trand negativo. In un Piemonte abitato prevalentemente da persone anziane, con pochi giovani e pochi adulti in età da lavoro, il sistema delle pensioni diventerà insostenibile, così come risulterà temeraria la gestione della rete sanitaria e assistenziale.

Nel suo rapporto annuale sui dati demografici del Piemonte l’Istat parla di «dinamica demografica recessiva»: se nel 2019 la popolazione piemontese contava 4.311.217 individui, nel 2020 siamo scesi a 4.274.945 (-0,84%). Si tratta di dati più o meno in linea con quelli nazionali: l’Italia, in un anno, ha perso 405.275 individui (-0,7%) e resta ormai ben al di sotto dei 60 milioni di abitanti, a 59.236.213.

Secondo dati Ires, nel 2020 in Piemonte sono nati solo 27 mila bambini, mai così pochi. Per la prima volta i nati sono risultati meno della metà del numero dei decessi. Rispetto al 2019 il calo è stato del 3%: 900 bambini in meno. Rispetto al 2011 la flessione appare del 28% (10.700 nascite in meno nell’arco di un anno). Per cogliere le dimensioni dell’emergenza basta pensare che negli anni Cinquanta del Novecento nascevano in Piemonte 40 mila bambini all’anno e negli anni Sessanta, quelli del baby boom, si giunse a 65 mila nascite. Ora siamo a 27 mila (6,3 ogni mille abitanti, erano 8,7 dieci anni fa).

Il calo della popolazione piemontese è una tendenza che neanche i flussi migratori riescono a contrastare. Nel 2020 gli stranieri residenti nella regione subalpina sono aumentati di appena 5.343 unità rispetto all’anno precedente (417 mila le presenza complessive): sono numeri bassi a confronto della Lombardia (+ 41 mila stranieri), del Veneto (+ 23 mila), dell’Emilia-Romagna (+ 25 mila) o della Toscana (+ 28 mila). Gli immigrati preferiscono vivere in altre regioni d’Italia, segnalando un altro fattore negativo del Piemonte: il declino industriale, che ha chiuso aziende, cancellato posti di lavoro, rallentato il mercato occupazionale. Anche il declino economico contribuisce al calo demografico.

Fra le cause del calo di nascite c’è il progressivo assottiliamento della popolazione femminile in età fertile, solitamente calcolata nella fascia d’età 15-49 anni. Se nel 2010 le donne piemontesi potenzialmente fertili erano 971 mila, nel 2019 sono scese a 832 mila (-14%). Per un regolare ricambio delle generazioni occorrerebbe la nascita di 2,1 figli per ogni donna, ma ne 2019 il numero medio dei figli si è attestato a 1,27. Quasi una donna su quattro (23,3%) è senza figli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/12/2021
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ringraziamenti, risposte, preghiere

In molti hanno commentato la nascita del Popolo della Famiglia, soggetto politico in vista delle amministrative: qui alcune osservazioni in replica

Leggi tutto

Politica

In estrema sintesi

La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.

Leggi tutto

Politica

Davvero fate firmare ancora gli impegni ai partiti?

Rivolgiamo un appello accorato al voto per il Popolo della Famiglia alle elezioni del 4 marzo 2018. Il tempo dell’ingenuità (speriamo sia solo quella) è finito. Se nel 2018 non si affermerà una forza politicamente con un consenso significativo sul tema della tutela reale dei diritti della famiglia naturale, della cultura della vita, della ripresa economica fondata su una forte ripresa della natalità incentivata dal reddito di maternità e dalla riforma fiscale del quoziente familiare, allora daremo mano libera per cinque anni a quei partiti che governano praticamente insieme dal 2011 avendo prodotto il disastro che è sotto gli occhi di tutti.

Leggi tutto

Storie

Vive ancora l’artigianato locale?

La domanda è più che lecita in quanto l’economia di piccole e medie imprese sul territorio soffre la concorrenza della grande distribuzione. Ma dove sta la vera “convenienza” per il consumatore?

Leggi tutto

Politica

L’ALTERNATIVA POPOLARE CHIAMATA PDF

Un’articolata spiegazione sulla posizione del Popolo della Famiglia sul congresso di Verona, che anzi partendo dalla questione del WCF cerchi di dipanare le ragioni dell’ostilità ormai stagionata di quanti vorrebbero veder scomparire il PdF per appaltare con tutt’agio il mondo cattolico alla Lega.

Leggi tutto

Politica

Ribaltare l’uso delle risorse

Il reddito di cittadinanza è stato un provvedimento del governo gialloverde, il Conte Uno, fortemente voluto come provvedimento bandiera dall’allora ministro per lo Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che andò addirittura da Bruno Vespa ad annunciare agli italiani “l’abolizione della povertà”. Sul videowall di Porta a Porta mentre il capo politico del Movimento Cinque Stelle garrulo pronunciava quella grottesca frase campeggiava la scritta: “780 euro a cinque milioni di italiani”. In realtà era poco più della metà a meno di un milione di persone

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano