Storie

di Ilaria Sorrentino

A Ravanusa “tutto è compiuto”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Fratelli, se Dio è per noi, chi può essere contro di noi? Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme a lui?” le parole della seconda lettura dei funerali di Stato a Ravanusa sono consolazione. Consolazione come momento per ripartire da Dio. Ed è questo il momento di puntare all’eternità. Sperare contro ogni speranza è il segreto per poter trovare un senso dove un senso non c’è.

Un funerale amaro. Un funerale difficile. Un funerale partecipato. Un funerale per chi spera nonostante tutto perché la morte improvvisa di dieci persone colpisce tutta la comunità: ognuno viene toccato nell’affetto, nel senso di impotenza, nel dolore in quanto umani in grado di entrare in sintonia con il dolore altrui, e ci spinge a riflettere, a interrogarci, a ricercare un senso nella perdita. Ogni parola del vescovo Alessandro Damiano sono un momento di riflessione perché la “morte” in questi casi non riuscirà mai ad essere naturale, mai. È vero con lei, prima o poi, tutti dobbiamo fare i conti. Ma quando entra così prepotente da distruggere il nostro sereno, il nostro quotidiano, la nostra storia, tutto appare incomprensibile. Tutto porta alla disperazione. Le parole del vescovo arrivano dritte e tuonano nel silenzio di Ravanusa, sono parole forti, una denuncia chiara che abbraccia una comunità ferita: “L’esplosione non ha dato scampo. Si è fatto buio nella vita di Samuele, che pur non avendo fatto in tempo a nascere era già uno di noi. Un grembo è diventato tomba. Si è fatto buio nelle famiglie che hanno sperato fino all’ultimo nel miracolo e si è fatto buio nella comunità di Ravanusa che ha perso un pezzo di sé e ha perso anche la possibilità di sentirsi al sicuro, con un sottosuolo che si è rivelato pericoloso, con strutture precarie. Si è fatto buio nell’intero paese che ha seguito le fasi di una tragedia che una maggiore responsabilità e un controllo più attento avrebbero forse potuto evitare”. La conclusione è un invito a metterci in cammino, un invito a ricominciare: “Ci chiediamo, che senso ha tutto questo. Come voi non ho una risposta ma voglio cercarla nella fede”.

A Ravanusa in una frazione di secondo, di quel terribile sabato, abbiamo imparato che non sempre le cose vanno come vorremmo ma quello che appare come la fine, spesso è solo un nuovo inizio per ripartire puntando al cambiamento. È necessario cambiare rotta. È necessario puntare lo sguardo a “chi tutto può”. È necessario che la politica punti il suo “fare” al bene, operando con realismo e prudenza, senza fare promesse che non si possono mantenere. Occorre un cambio di passo molto più radicale rimettendo a tema il significato dell’azione pubblica avendo a cuore l’umanità di una comunità che vuole chiarezza e SICUREZZA. È necessario che la politica diventi terreno del possibile, non del frastuono e dell’irrazionale.

È necessario che non cali il sipario su Ravanusa perché quelle macerie, quei volti non devono essere dimenticati. La vera testimonianza è quella di Eliana, moglie di Giuseppe Carmina. Le sue parole sono entrate come una spada nel cuore di tutti. Parole semplici che tolgono il fiato: “Guardiamo alle cose che durano per sempre. In un attimo tutto è andato via. Giuseppe era il mio tutto. Ma è arrivata una forza sovrumana, una serenità interiore che solo Dio può dare. La casa è vuota, le nostre bambine chiedono e piangono, il letto è diventato grande. La croce è pesante. I miei suoceri per me erano altri genitori. Ma non maledico Dio, continuo a ringraziarlo. Ho la certezza che Giuseppe e i miei suoceri sono in un posto migliore. Siamo nati e non moriremo mai. Per tutti noi questa sia una certezza”. Il suo è un invito all’amore, all’amore eterno, all’amore cristiano, quello che non delude. Un invito a spostare la nostra bussola, il nostro sguardo al vero bene. In questo tempo di angoscia, di disperazione, di lutto, di lacrime, la fede è quella consolazione che ti fa ripartire e ti mette in cammino.

Un invito che mi riporta alle parole di Papa Francesco: “si tratta di non scappare dalla Croce, ma di rimanere lì, come fece la Vergine Madre, che soffrendo insieme a Gesù ricevette la grazia di sperare contro ogni speranza”. Grazie Eliana. Grazie perché ci ricordi che la fede è dialogo, è riprendere quel cammino che può sembrare amaro ma che profuma di speranza.

Oggi Ravanusa è un cuore che batte all’unisono, un abbraccio pieno d’amore per Selene, Giuseppe e il loro bimbo, per Angelo ed Enza, per Liliana e Calogero, per Giuseppe, per il professore Carmina e per la moglie Carmela ma soprattutto per le loro famiglie. “Non è qui, è Risorto”, un invito a riprendere la nostra vita puntando alla speranza. Un invito ad uscire dai sepolcri del dolore avendo e portando nel cuore il vero amore.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/12/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve ancora di più

Il centrodestra ha convenuto che sarà il M5S a esprimere il presidente della Camera (Roberto Fico), mentre toccherà a Forza Italia la seconda carica dello Stato (candidata probabile Anna maria Bernini). Giorgia Meloni è ridotta al ruolo di comparsa dopo aver accarezzato il sogno di diventare presidente della Camera nel solco di Fini. Si apre una stagione in cui per i cattolici ci sarà spazio solo nel segno di un’autonomia politica valoriale.

Leggi tutto

Storie

Giù le mani dai bambini

Signor Guadagno io glielo dico da madre, non menta ai bambini. Lei non ha il diritto di farlo. Né chi glielo consente ha il diritto di farglielo fare. I bambini sono detentori di tutti i diritti e hanno il diritto di vedere la felicità che c’è nella forza di chi ha preso la propria sofferenza e ne ha fatto un miracolo di bellezza. Io non La critico, signor Guadagno, perché nessuno può permettersi di farlo senza conoscere una persona in modo confidenziale, per ciò Le chiedo solo un favore: lasci stare i bambini. Loro devono giocare e devono poter sognare tutta la bellezza della loro vita. Non devono essere tediati da chi racconta sofferenze a meno che non si tratti di qualcuno che ha trovato, nella propria condizione ingiusta, un modo per fare del bene e per tendere al bene.

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Storie

Sandokan era un vescovo italo-spagnolo

Sandokan il pirata creato da Emilio Salgari era un vescovo!  Infatti le memorie di Carlos Cuarteroni, di Cadice, ispirarono a Emilio Salgari le avventure del pirata. Secondo quanto ricostruito Emilio Salgari, era un attento topo di biblioteca, nelle cui mani capitò un incredibile rapporto presentato a Papa Pio IX nel 1849. Quando lo lesse, credette sicuramente che gli fosse caduto un dono dal cielo tra le mani. Il contenuto di quel rapporto erano le memorie di un marinaio spagnolo che dopo mille incredibili avventure era diventato frate trinitario e Prefetto Apostolico, e si dedicava a lottare contro il traffico di schiavi nel Borneo, a Sumatra e in Malesia.

Leggi tutto

Chiesa

Il discernere sinodale

«Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!». Il sensus fidei del popolo cristiano non è invenzione di qualche teologo ma ne parla Gesù stesso nei vangeli. Ma come cogliere una sintesi di esso? Forse il punto è proprio lasciare al complesso del popolo, in cammino con Dio, nel mondo, lo sviluppo della fede. Dunque accettandone le tensioni, gli intrecci.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano