Società

di Roberto Signori

Usa la pillola per abortire arriva via posta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il governo americano ha tolto, in maniera permanente, le restrizioni per accedere alla pillola abortiva. La decisione della Food and Drug Administration, l’agenzia federale, permetterà di ricevere il farmaco direttamente per posta, invece di doversi presentare di persona in farmacia, mostrando la richiesta del medico.

E la stessa richiesta potrà essere spedita a casa dopo un consulto in video chat, senza presentarsi nello studio medico o in ospedale.

Il provvedimento è destinato a scatenare polemiche, perché arriva nel momento in cui la Corte Suprema dovrà decidere se annullare una delle sentenze più importanti della storia americana, la Roe v. Wade del ’73, da cui è nato il diritto all’aborto a livello nazionale.

Con la decisione della Fda, il ricorso alla pillola diventerà sempre più accessibile per quelle donne che non potranno affrontare un viaggio, come nel caso del Texas dove è vietata l’interruzione di gravidanza dopo le prime sei settimane, per andare in un altro Stato e sottoporsi a intervento, oppure anche solo per farsi visitare.

In Texas, da settembre, i medici abortisti possono essere incriminati. In alcuni Stati la ‘tele-visita’ è vietata. Con la decisione dell’amministrazione federale le donne potranno avere un appuntamento in remoto con il medico, il quale potrà prescrivere la pillola abortiva mandando poi la ricetta direttamente a casa per posta.

Questa opzione acuirà le divisioni nel Paese, sempre più polarizzato. Sono attese decine di ricorsi in tribunale. In diciannove Stati, soprattutto nel Sud e nel Midwest, le visite in remoto, attraverso il video-collegamento, sono vietate.

I gruppi abortisti, secondo le previsioni, si batteranno per rendere sempre più facile l’accesso alla pillola. Ma allo stesso tempo è probabile che, per contrastare la decisione dell’amministrazione Biden, vengano approvate negli stati conservatori leggi ancora più restrittive.

Lo scontro tra il presidente Joe Biden e gli Stati conservatori adesso si sposterà sulla pillola, il cui uso - secondo i dati dei Centri federali sanitari, i Cdc - è in forte aumento. Il 54 per cento degli aborti entro le prime dieci settimane è avvenuto attraverso il ricorso ai farmaci.

Stati a tradizione liberal come California e New York, che hanno da tempo rinforzato l’accesso all’aborto, probabilmente approveranno provvedimenti per facilitare l’arrivo della pillola via posta.

Gruppi antiabortisti hanno già attaccato la Casa Bianca, accusandola di voler favorire il ricorso all’aborto a casa, “senza un controllo diretto del medico”.

La Food and Drug Administration ha difeso la propria decisione, spiegando di esserci arrivata al termine di una analisi dei “dati scientifici, la letteratura medica e le informazioni fornite da gruppi di sostegno” a favore e contro l’aborto.

L’agenzia federale ha inoltre spiegato che le farmacie potranno cominciare a distribuire la pillola Ru-486, il cui uso è stato legalizzato dal 2000, non appena riceveranno la prescrizione da un medico certificato.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/12/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il prolife Tom Price Segretario della Salute USA

Un ortopedico sostenitore della March for Life è stato posto al dicastero federale per la Salute

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: costruire un sistema di sicurezza collettiva

La Pontificia Accademia delle Scienze pubblica una lunga dichiarazione sulla prevenzione della guerra nucleare, elencando i rischi che essa porterebbe all’intera umanità

Leggi tutto

Politica

Chi ha paura del medico obiettore?

Scandalizza solo chi osa il proibito: ricordare che sin dal concepimento si è in presenza di un essere umano, unico e irripetibile, e che ucciderlo significa fare il male

Leggi tutto

Chiesa

No alla comunione dei divorziorisposati

Parlando ai vescovi cileni in visita ad limina il pontefice ha risposto ad alcune loro domande su sinodo e aborto. Chiarando più punti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano