Storie

di Mario Adinolfi

IL MESSAGGIO “NATALIZIO” DEL FINALE DI GOMORRA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In articoli come questi è obbligatorio iniziare con l’allerta spoiler, visto che riveleremo il finale di una serie televisiva. Un finale che però

tutti conoscono e non da venerdì 17 dicembre 2021, quando Sky Atlantic ha mandato in onda gli ultimi due episodi della quinta e conclusiva stagione di Gomorra. Tutti hanno sempre saputo che l’unico finale possibile della serie era la morte di Genny e Ciro, come peraltro muoiono anche loro con un agguato sulla spiaggia i due protagonisti di Gomorra il film, quello girato da Matteo Garrone nel 2008. Gli sceneggiatori della serie hanno fatto morire uccisi tutti i personaggi, anche quelli “nati” solo nell’ultima stagione da Maestrale a Munaciello, fino alla vedova vendicativa del Galantommo. Alla fine nessuno s’è salvato, neanche il magistrato integerrimo che si “sporca” venendo a patti con la camorra per salvare il figlio preso prigioniero. L’unica eccezione, il messaggio d’amore molto natalizio che lascia Gomorra è la fuga della “donna con bambino” che “cercando un altro Egitto” proveranno a costruire un proprio futuro lontano dalla violenza camorristica: Azzurra e il piccolo Pietro si allontanano in barca dalla fatale spiaggia, conquistando insieme alla vita forse anche la libertà grazie al sacrificio virile del papà del bambino, di Gennaro che resta per cadere compagno d’armi fino in fondo di Ciro che sta per perdere l’appellativo di Immortale. Nel paradosso di Roberto Saviano, che contro l’idea stessa di famiglia ha vergato parole pesantissime, ora l’opera che lo consegna all’immaginario collettivo è risolta attraverso un bene, una salvezza, incarnata dalla maternità che a tutto si dispone pur di salvare il supremo bene: i nostri figli. Saviano non ha capito di aver disegnato un finale che è un vero e proprio inno alla famiglia, all’estremo sacrificio che è animato solo da quel legame di sangue che lui dice di voler estirpare dalla società del futuro, ma è in realtà inestirpabile anche dall’opera che lo consegna a una permanenza nella memoria a cui senz’altro la serie Gomorra è destinata. Genny e Ciro, splendidi e terribili padri guerreggianti, muoiono per salvare il nucleo di ogni futuro possibile: la (Ma)donna col bambino. E buon Natale, così, anche a chi contro la bellezza della (sacra?) famiglia ha provato a giocare tutte le sue carte intellettualistiche, finendo poi per contraddirsi perché la verità è testarda. Grazie Gomorra, è stato bello seguire questi anni di avventure peraltro in una lingua che è quella delle mie origini profonde. È stato tutto un evocare. E in alcuni passaggi uno spiegare. Non è stato un esercizio inutile.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/12/2021
2609/2022
Ss. Cosma e Damiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Nicola Bux :“la Chiesa in balia del mondo”

Don Nicola Bux, teologo, sfida politica e Chiesa dopo il documento (poi ritirato) dell’Ue contro il Natale cristiano: “l’Ue odia l’Europa cristiana”.

Leggi tutto

Società

A Natale spesa a tavola da record, 113 euro a famiglia

E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixe’ sulle tavole di Natale, presentata in occasione dell’Assemblea nazionale dell’organizzazione agricola. Sotto l’albero anche il record dell’export alimentare Made in Italy che, solo per il periodo di Natale, raggiunge i 4,4 miliardi di euro, in aumento dell’11%.

Leggi tutto

Società

Adinolfi: a Sanremo regna l’ideologia

La sproporzione clamorosa tra cantanti gay (o gayish o bisex o fluid) a cui è stato consentito di tutto pur di proporre in maniera chiara e dura che l’ideologia gender è vincente rispetto al numero di cantanti etero tutti confinati nell’area ‘vecchi’, non rispecchia in nulla la società italiana. Ma che scrivo a fare. Sono riusciti a farvi diventare così coglioni da non capire che non esistono poteri buoni”, conclude, citando De Andrè.

Leggi tutto

Politica

Torino, primo grande Comune in Italia“ Amico della Famiglia”.

Torino, primo grande Comune in Italia“ Amico della Famiglia”. Alcune priorità che l’amministrazione locale, per il momento, non prevede,

Leggi tutto

Politica

FARSI NEUTRALI PER ARRIVARE ALLA PACE

In tv, in radio, nel dibattito pubblico ho provato a portare un po’ di ragionevolezza ripetendo che questa guerra ha un’origine nelle malefatte naziste compiute prevalentemente dagli ucraini nel Donbass, colpevoli quanto il Putin invasore del 2022. Non ci sono i buoni e i cattivi. Ci sono due autocrati che lottano per l’affermazione del proprio potere

Leggi tutto

Politica

Mandelli: per cambiare Alessandria serve il Popolo della Famiglia

Angelo Mandelli, candidato sindaco ad Alessandria per il Popolo della Famiglia, segnala “quanto scontata sia la politica amministrativa portata avanti da una giunta che ben poco ha fatto per la città”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano