Società

di Giuseppe Udinov

L’Austria legalizza il suicidio assistito

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Grazie al voto favorevole di tutti i partiti di governo (Popolari e Verdi) e di opposizione (Socialdemocratici e Liberali) e il solo no della destra nazionalista del Fpö, il Parlamento austriaco ha legalizzato il suicidio assistito per i pazienti maggiorenni affetti da malattia terminale oppure cronica e fortemente debilitante senza prospettiva di guarigione. La volontà di farsi aiutare medicalmente a darsi la morte dev’essere esplicitamente dichiarata e poi confermata dopo 12 settimane prima di procedere alla pratica di morte volontaria, previo parere favorevole di due medici, uno dei quali specialista in cure palliative. Si esclude l’eutanasia così come l’accesso ai minorenni. La decisione del Parlamento segue di un anno la sentenza con la quale la Corte costituzionale austriaca aveva dichiarato illegittima la parte del Codice penale che punisce con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque aiuta un’altra persona che glielo chieda a uccidersi perché una simile disposizione violerebbe l’autodeterminazione dei cittadini. I giudici avevano fissato la fine del 2021 come termine perché il Parlamento recepisse la sentenza prima che la parte di legge cassata decadesse. La legge sul suicidio assistito entra in vigore il 1° gennaio.

Durante il dibattito parlamentare i vescovi austriaci avevano fatto sentire la loro voce, preoccupati da «carenze inaccettabili» nelle garanzie della legge per prevenire abusi, denunciando che la deriva austriaca stava ricalcando quella di tutti i Paesi nei quali la procedura di morte volontaria è stata legalizzata: «In brevissimo tempo – aveva dichiarato il presidente monsignor Franz Lackner, arcivescovo di Salisburgo – il caso eccezionale diventa una normalità socialmente accettata e l’esenzione dalla pena un diritto esigibile». La Conferenza episcopale austriaca aveva contribuito al confronto politico chiarendo che la Chiesa «si impegna con tutte le sue forze per la protezione globale della vita». Tra le lacune rimproverate alla legge, la mancata previsione nel collegio medico della figura di uno psichiatra. Al centro delle critiche della Chiesa austriaca il fatto che la legge rende praticabile e non perseguibile praticamente qualunque suicidio. La legge asseconderebbe «l’illusione che l’unica forma di vita che valga la pena di essere vissuta sia una vita piena e attiva, una vita “del fare” e di conseguenza ogni forma di mancanza o malattia è vista come un fallimento che non può essere tollerato».

Un giudizio confermato nella nota diffusa subito dopo il varo della legge, nella quale Lackner, pur riconoscendo «gli sforzi del legislatore per proteggere le persone dalla fretta e dall’errore» e per la «prevenzione del suicidio», ha espresso l’auspicio che a morire non siano i cittadini ma la legge «se noi come comunità di solidale riusciamo a impedire a chiunque in Austria di farne uso».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/12/2021
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

ARGENTINA - Si prepara la beatificazione dei Martiri del Zenta

La storia dei martiri risale all’anno 1683, quando nella valle del Zenta, a 3 chilometri da Pichanal, nella cappella di Santa María, si consumò il martirio del sacerdote Pedro Ortiz de Zárate, argentino, vicario di Jujuy, del sacerdote gesuita italiano Antonio Solinas, entrambi missionari, e dei loro compagni creoli e aborigeni (due spagnoli, un mulatto, un nero, una donna indigena, due ragazze e 16 aborigeni).

Leggi tutto

Chiesa

Il cardinale Koch: l’ecumenismo, “monastero invisibile”

Nel saluto rivolto al Papa dal cardinale presidente del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani, al termine dei Vespri a San Paolo fuori le Mura, il cardinale Koch ribadisce che solo una teologia “capace di inginocchiarsi davanti al mistero” avvicinerà alla piena comunione

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco annuncia il Giubileo 2025

Per Papa Francesco il giubileo del 2025 sarà segno di rinascita dopo le sofferenze della pandemia

Leggi tutto

Politica

TRA UN ANNO, IN PARLAMENTO

Mario Adinolfi: “Oggi il Popolo della Famiglia compie 6 anni. Coloro che erano presenti al Palazzetto delle Carte Geografiche all’assemblea costituente del partito erano trecento, siamo diventati trecentomila (219.654 certificati dal voto delle politiche 2018, quando non ci conosceva nessuno) puntiamo al milione”

Leggi tutto

Chiesa

Francesco in visita a Benedetto

Benedetto XVI il prossimo 16 aprile, Sabato Santo, compirà 95 anni. Il Papa emerito è nato, infatti, il 16 aprile 1927 a Marktl am Inn in Baviera.

Leggi tutto

Storie

Fugge dall’ospedale e devasta una chiesa

È fuggito dall’ospedale dove si trovava in evidente stato confusionale, dopo aver preso a pugni un medico. Prima di essere rintracciato dai poliziotti e ricoverato nel reparto di psichiatria, ha però fatto in tempo a devastare una chiesa. Protagonista della vicenda, svoltasi a Livorno pochi giorni fa, è un ex calciatore con trascorsi agonistici fra i professionisti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano