Società

di Giuseppe Udinov

L’Austria legalizza il suicidio assistito

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Grazie al voto favorevole di tutti i partiti di governo (Popolari e Verdi) e di opposizione (Socialdemocratici e Liberali) e il solo no della destra nazionalista del Fpö, il Parlamento austriaco ha legalizzato il suicidio assistito per i pazienti maggiorenni affetti da malattia terminale oppure cronica e fortemente debilitante senza prospettiva di guarigione. La volontà di farsi aiutare medicalmente a darsi la morte dev’essere esplicitamente dichiarata e poi confermata dopo 12 settimane prima di procedere alla pratica di morte volontaria, previo parere favorevole di due medici, uno dei quali specialista in cure palliative. Si esclude l’eutanasia così come l’accesso ai minorenni. La decisione del Parlamento segue di un anno la sentenza con la quale la Corte costituzionale austriaca aveva dichiarato illegittima la parte del Codice penale che punisce con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque aiuta un’altra persona che glielo chieda a uccidersi perché una simile disposizione violerebbe l’autodeterminazione dei cittadini. I giudici avevano fissato la fine del 2021 come termine perché il Parlamento recepisse la sentenza prima che la parte di legge cassata decadesse. La legge sul suicidio assistito entra in vigore il 1° gennaio.

Durante il dibattito parlamentare i vescovi austriaci avevano fatto sentire la loro voce, preoccupati da «carenze inaccettabili» nelle garanzie della legge per prevenire abusi, denunciando che la deriva austriaca stava ricalcando quella di tutti i Paesi nei quali la procedura di morte volontaria è stata legalizzata: «In brevissimo tempo – aveva dichiarato il presidente monsignor Franz Lackner, arcivescovo di Salisburgo – il caso eccezionale diventa una normalità socialmente accettata e l’esenzione dalla pena un diritto esigibile». La Conferenza episcopale austriaca aveva contribuito al confronto politico chiarendo che la Chiesa «si impegna con tutte le sue forze per la protezione globale della vita». Tra le lacune rimproverate alla legge, la mancata previsione nel collegio medico della figura di uno psichiatra. Al centro delle critiche della Chiesa austriaca il fatto che la legge rende praticabile e non perseguibile praticamente qualunque suicidio. La legge asseconderebbe «l’illusione che l’unica forma di vita che valga la pena di essere vissuta sia una vita piena e attiva, una vita “del fare” e di conseguenza ogni forma di mancanza o malattia è vista come un fallimento che non può essere tollerato».

Un giudizio confermato nella nota diffusa subito dopo il varo della legge, nella quale Lackner, pur riconoscendo «gli sforzi del legislatore per proteggere le persone dalla fretta e dall’errore» e per la «prevenzione del suicidio», ha espresso l’auspicio che a morire non siano i cittadini ma la legge «se noi come comunità di solidale riusciamo a impedire a chiunque in Austria di farne uso».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/12/2021
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Storie

Prete coraggio

Mercoledì notte a Reggio Calabria: un gruppo di 7 giovani ha aggredito un anziano sacerdote cardiopatico, Don Giorgio Costantino, che ora è in coma all’ospedale e rischia la vita. L’autodemolizione
dell’Occidente continua nel tradimento delle nuove generazioni, cui si nega Dio, patria e famiglia. E questi sono i risultati, coerenti con il disprezzo della vita umana e con l’immoralità

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “No all’ideologia nella Chiesa”

Durante la Messa celebrata a Santa Marta, il Papa ha esortato a non concepire la fede con condizione. Le due figure della Chiesa, oggi: la Chiesa di quegli ideologi che si accovacciano nelle proprie ideologie, lì, e la Chiesa che fa vedere il Signore che si avvicina a tutte le realtà, che non ha schifo

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano