Media

di Raffaele Dicembrino

Giornalisti: abbiate il coraggio di raccontare la Verità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Comunicare, nella professione che svolgete, significa, in fin dei conti, trasmettere i significati spesso reconditi dei fatti, e non tanto le proprie idee”. Lo ha sottolineato nella Messa di Natale celebrata per i dipendenti del Dicastero per la Comunicazione il cardinale Mauro Gambetti, vicario generale del Papa per la Città del Vaticano e membro dello stesso Dicastero. Nell’omelia pronunciata all’altare della Cattedra della Basilica Vaticana, il porporato ha preso spunto dalle Letture odierne e dall’Annunciazione narrata dal Vangelo di Luca per proporre una riflessione sui diversi modi in cui ci si può approcciare al Natale. Può essere una festa di luci, di strenne, regali, pranzi e cene, o “un appuntamento per rinnovare i legami più cari, riscoprire sentimenti di prossimità e di tenerezza nel nome di un Bambino che è figura della vita nascente in ogni luogo, in ogni tempo”, oppure ancora “può esser l’evento capace di mutare la sorte dell’umanità, della storia personale di chiunque incontri il mistero della vita sempre nascente di Dio che si rivela nel Bambino Gesù, come nell’Eucaristia”.

Ma perché il Natale sia compreso in questa luce, perché non ci si fermi semplicemente alla festa o ai buoni sentimenti, ha aggiunto il cardinale Gambetti, occorre una mediazione, occorre essere mediatori - come sono stati Maria, Giuseppe, gli angeli, i pastori, la stella - e aver fatto proprio il messaggio, il significato che l’evento contiene: Per raccontare i fatti, - ha detto - per raccontare il Natale, occorre aver conosciuto il Natale, cioè averlo conosciuto in senso biblico, averne fatto un’esperienza intima e di comprensione dell’evento”.

Per il cardinale Gambetti ci sono tre atteggiamenti che andrebbero assunti per essere dei buoni mediatori, dei buoni comunicatori: “non porsi con una sorta di chiusura e di saccenteria davanti alle situazioni e ai fatti”, ma essere come Maria, “che ha un cuore aperto - aperto alle sorprese di Dio - frutto di un desiderio sempre vivo di conoscere la verità, un desiderio sempre vivo di pienezza, di vita e d’amore”; “lasciarsi attraversare dall’evento, dalla rivelazione, attraversare innanzitutto nelle viscere, lasciandosi anche turbare nelle emozioni, nei sentimenti, negli affetti” e cercare di comprendere, cercare il senso della verità, mettere in campo l’intelligenza della ricerca; infine obbedire alla verità, alla parola evento, mettersi al servizio di qualcosa, di un fatto, di una rivelazione, per trasmetterla ad altri. Per essere buoni mediatori, buoni comunicatori, sintetizza infine il cardinale Gambetti, occorre essere come Maria; per vivere il Natale nella sua pienezza, per raccontarlo, nella vita, in casa, in famiglia, attraverso i media, occorre “essere Maria”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/12/2021
2506/2022
Ss. Guglielmo da Vercelli e Massimo di Torino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ladaria: l’obbedienza è ancora una virtù

Per la prima volta da quando occupa lo scranno del loro ufficio, il successore di Ratzinger, Levada e Müller all’ex Sant’Uffizio si è raccontato: lo ha fatto con un’intervista rilasciata a Vatican News, e finalmente il mondo ha conosciuto il sorriso affabile di Luis Ladaria Ferrer. Al centro del colloquio soprattutto la questione di come si possano conciliare nella fede libertà e obbedienza.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

Chiesa

Le vere parole di Gesù.

Nel cammino della storia, nella Chiesa, lo Spirito ci conduce tendenzialmente sempre più all’essenziale del discernere concreto, divino e umano, del Gesù dei vangeli. Un percorso dunque dove ciò che non è strettamente essenziale può venire lasciato ad una libera interpretazione che dunque non impegna la fede comune.

Leggi tutto

Chiesa

Papa all’Angelus: “Accendere il cuore con la preghiera”

All’Angelus della prima domenica di Avvento, il Papa invita i fedeli a vigilare ed a pregare per custodire il cuore dall’accidia spirituale, che spegne l’entusiasmo missionario e la passione per il Vangelo

Leggi tutto

Chiesa

Cantalamessa: la Chiesa non sia un castello chiuso

Il predicatore della Casa pontificia ha tenuto in Aula Paolo VI, alla presenza del Papa, la terza predica d’Avvento riflettendo sul ruolo di Maria nella Chiesa:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano