Media

di Raffaele Dicembrino

Giornalisti: abbiate il coraggio di raccontare la Verità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Comunicare, nella professione che svolgete, significa, in fin dei conti, trasmettere i significati spesso reconditi dei fatti, e non tanto le proprie idee”. Lo ha sottolineato nella Messa di Natale celebrata per i dipendenti del Dicastero per la Comunicazione il cardinale Mauro Gambetti, vicario generale del Papa per la Città del Vaticano e membro dello stesso Dicastero. Nell’omelia pronunciata all’altare della Cattedra della Basilica Vaticana, il porporato ha preso spunto dalle Letture odierne e dall’Annunciazione narrata dal Vangelo di Luca per proporre una riflessione sui diversi modi in cui ci si può approcciare al Natale. Può essere una festa di luci, di strenne, regali, pranzi e cene, o “un appuntamento per rinnovare i legami più cari, riscoprire sentimenti di prossimità e di tenerezza nel nome di un Bambino che è figura della vita nascente in ogni luogo, in ogni tempo”, oppure ancora “può esser l’evento capace di mutare la sorte dell’umanità, della storia personale di chiunque incontri il mistero della vita sempre nascente di Dio che si rivela nel Bambino Gesù, come nell’Eucaristia”.

Ma perché il Natale sia compreso in questa luce, perché non ci si fermi semplicemente alla festa o ai buoni sentimenti, ha aggiunto il cardinale Gambetti, occorre una mediazione, occorre essere mediatori - come sono stati Maria, Giuseppe, gli angeli, i pastori, la stella - e aver fatto proprio il messaggio, il significato che l’evento contiene: Per raccontare i fatti, - ha detto - per raccontare il Natale, occorre aver conosciuto il Natale, cioè averlo conosciuto in senso biblico, averne fatto un’esperienza intima e di comprensione dell’evento”.

Per il cardinale Gambetti ci sono tre atteggiamenti che andrebbero assunti per essere dei buoni mediatori, dei buoni comunicatori: “non porsi con una sorta di chiusura e di saccenteria davanti alle situazioni e ai fatti”, ma essere come Maria, “che ha un cuore aperto - aperto alle sorprese di Dio - frutto di un desiderio sempre vivo di conoscere la verità, un desiderio sempre vivo di pienezza, di vita e d’amore”; “lasciarsi attraversare dall’evento, dalla rivelazione, attraversare innanzitutto nelle viscere, lasciandosi anche turbare nelle emozioni, nei sentimenti, negli affetti” e cercare di comprendere, cercare il senso della verità, mettere in campo l’intelligenza della ricerca; infine obbedire alla verità, alla parola evento, mettersi al servizio di qualcosa, di un fatto, di una rivelazione, per trasmetterla ad altri. Per essere buoni mediatori, buoni comunicatori, sintetizza infine il cardinale Gambetti, occorre essere come Maria; per vivere il Natale nella sua pienezza, per raccontarlo, nella vita, in casa, in famiglia, attraverso i media, occorre “essere Maria”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/12/2021
2201/2022
San Vincenzo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Giornalisti, giornaliste e la mamma a cui il bambino ha diritto

Giornalisti e giornaliste solo apparentemente fanno lo stesso lavoro.

Leggi tutto

Chiesa

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

Scuola ed educazione, lavoro e povertà, sicurezza e migranti: sono solo alcuni dei temi (secolari) toccati dal documento finale prodotto dalla Conferenza Episcopale Italiana al termine della riunione autunnale del Consiglio Permanente. Per il resto si è toccata, fra le altre, la questione squisitamente liturgica della diffusione dell’ultima edizione del Messale Romano.

Leggi tutto

Società

La bioetica per tutti, parla Giorgia Brambilla

Moglie, mamma, madre di bimbi piccoli e prima ancora ostetrica. Poi la passione per la bioetica che diventa ricerca e insegnamento, e infine il manuale con Rubbettino

Leggi tutto

Chiesa

Acqua, olio, pane, vino

La “pastorale” di Gesù è una continua scoperta per chi ritorna sempre con la vita al vangelo. Gesù non parla continuamente di vizi capitali da estirpare in un perfezionismo formale. Ma tende a far scoprire ad ogni persona di essere compresa, amata, perdonata. Di poter respirare libertà a pieni polmoni

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco incontra i religiosi greci

Papa Francesco incontra vescovi, religiosi, sacerdoti e catechisti nella cattedrale cattolica di San Dionigi: “Benedite la piccolezza, non ci è richiesto lo spirito della conquista o lo splendore mondano”.

Leggi tutto

Chiesa

Honduras: “Non c’è Natale senza Cristo”

L’episcopato dell’Honduras augura ai cattolici e a tutti gli uomini di buona volontà un Natale di pace e speranza, invitandoli ad essere solidali con chi soffre.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano