Media

di Raffaele Dicembrino

Giornalisti: abbiate il coraggio di raccontare la Verità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Comunicare, nella professione che svolgete, significa, in fin dei conti, trasmettere i significati spesso reconditi dei fatti, e non tanto le proprie idee”. Lo ha sottolineato nella Messa di Natale celebrata per i dipendenti del Dicastero per la Comunicazione il cardinale Mauro Gambetti, vicario generale del Papa per la Città del Vaticano e membro dello stesso Dicastero. Nell’omelia pronunciata all’altare della Cattedra della Basilica Vaticana, il porporato ha preso spunto dalle Letture odierne e dall’Annunciazione narrata dal Vangelo di Luca per proporre una riflessione sui diversi modi in cui ci si può approcciare al Natale. Può essere una festa di luci, di strenne, regali, pranzi e cene, o “un appuntamento per rinnovare i legami più cari, riscoprire sentimenti di prossimità e di tenerezza nel nome di un Bambino che è figura della vita nascente in ogni luogo, in ogni tempo”, oppure ancora “può esser l’evento capace di mutare la sorte dell’umanità, della storia personale di chiunque incontri il mistero della vita sempre nascente di Dio che si rivela nel Bambino Gesù, come nell’Eucaristia”.

Ma perché il Natale sia compreso in questa luce, perché non ci si fermi semplicemente alla festa o ai buoni sentimenti, ha aggiunto il cardinale Gambetti, occorre una mediazione, occorre essere mediatori - come sono stati Maria, Giuseppe, gli angeli, i pastori, la stella - e aver fatto proprio il messaggio, il significato che l’evento contiene: Per raccontare i fatti, - ha detto - per raccontare il Natale, occorre aver conosciuto il Natale, cioè averlo conosciuto in senso biblico, averne fatto un’esperienza intima e di comprensione dell’evento”.

Per il cardinale Gambetti ci sono tre atteggiamenti che andrebbero assunti per essere dei buoni mediatori, dei buoni comunicatori: “non porsi con una sorta di chiusura e di saccenteria davanti alle situazioni e ai fatti”, ma essere come Maria, “che ha un cuore aperto - aperto alle sorprese di Dio - frutto di un desiderio sempre vivo di conoscere la verità, un desiderio sempre vivo di pienezza, di vita e d’amore”; “lasciarsi attraversare dall’evento, dalla rivelazione, attraversare innanzitutto nelle viscere, lasciandosi anche turbare nelle emozioni, nei sentimenti, negli affetti” e cercare di comprendere, cercare il senso della verità, mettere in campo l’intelligenza della ricerca; infine obbedire alla verità, alla parola evento, mettersi al servizio di qualcosa, di un fatto, di una rivelazione, per trasmetterla ad altri. Per essere buoni mediatori, buoni comunicatori, sintetizza infine il cardinale Gambetti, occorre essere come Maria; per vivere il Natale nella sua pienezza, per raccontarlo, nella vita, in casa, in famiglia, attraverso i media, occorre “essere Maria”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/12/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Società

Utero in affitto? No grazie!

Il bambino, che durante la propria gestazione viene cullato dal ventre materno e che impara a riconoscere i rumori che lo circondano (la voce della mamma sicuramente, ma anche la voce del papà e dei fratelli), i sapori che lo nutriranno (e che vengono filtrati grazie al liquido amniotico che ingerisce) e le emozioni che vive chi lo sta ospitando (il ruolo dei neurormoni è ritenuto fondamentale per lo sviluppo fetale), si lega moltissimo alla madre. Grazie agli studi che sono stati compiuti e che oramai danno per scontato tutto un mondo fatto di relazione tra madre e nascituro, è stata messa a punto tutta una serie di accorgimenti clinici che si basano sul “dialogo” e sulle interazioni fisiche che sono vitali per il nascituro.

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Chiesa

Le celebrazioni del Papa a novembre

Tra gli altri appuntamenti di novembre del Papa, la Messa per la Giornata mondiale dei poveri, istituita da Francesco nel 2016 a conclusione del Giubileo della Misericordia

Leggi tutto

Chiesa

#10familytips. Il Dicastero per la famiglia

Lanciata la campagna social per contribuire a focalizzare l’attenzione pastorale sulla formazione e l’educazione dei bambini in famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Cantalamessa e l’Avvento

Nelle meditazioni per l’Avvento, il predicatore della Casa Pontificia intende “mettere in luce lo splendore interiore della Chiesa e della vita cristiana”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano