Politica

di Mirko De Carli

DDL ZAN: I PRIMI A NON CREDERCI SONO LORO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ogni tre per due Enrico Letta rilancia la bandiera (ormai decisamente scolorita) del ddl zan: quando ci sono trame tra il centrodestra di governo e parti del fu centrosinistra il segretario dem agita lo spettro dell’omofobia per alzare la temperatura parlamentare e deviare dalle questioni che contano. Ci sono partite che scottano: elezione del nuovo Presidente della Repubblica, voto sulla manovra finanziaria e organizzazione degli accordi elettorali in vista delle elezioni politiche sempre più prossime. Il Partito Democratico, stante gli attuali numeri parlamentari, non ha alcuna golden share e ha un’unica strada: gonfiarsi il petto per apparire più “consistente” di quello che effettivamente è. Per questo “usare” strategicamente il mondo lgbt come scudo per nascondere le proprie debolezze appare, ad un ex democristiano come Letta, un diversivo valido e appetibile.

Il testo del ddl zan è stato bocciato in aula al Senato e quindi non ha più alcun ragion d’essere una sua riproposizione: un testo diverso richiederebbe tempo per essere presentato e l’opzione di rispolverare dalla naftalina il ddl Scalfarotto appare come una scelta decisamente in salita in quanto iniziativa dal sapore “renziano” che non alletta per niente i democratici (che hanno il dente avvelenato con il loro ex segretario). Per questo motivo dico: i primi a non crederci sono loro. Non hanno i numeri, non hanno un nuovo testo pronto da sottoporre alle critiche puntuali degli altri partiti della maggioranza parlamentare che sostiene Draghi e che ha bocciato il ddl Zan e non ci sono spazi per inserire questo dibattito nuovamente nel calendario dei lavori d’aula “ingolfati” da altre urgenze non rinviabili.

Le prospettive di arrivare ad una nuova legislatura senza più pericoli di un’accelerata improvvisa rispetto alla follia del reato di omofobia sono reali e concrete. Un dettaglio, fondamentale, va comunque sottolineato e non sminuito: qualsiasi accenno di trattativa che tentasse di intavolare il Partito Democratico su questo fronte il centrodestra, soprattutto quello governativo, lo respinga con forza. Quando si parla di questioni ideologiche che vogliono limitare la libertà di pensiero imponendo reati di opinione che odorano da leggi fasciatissime nessun accordo è praticabile. Il Popolo della Famiglia parla chiaro ribadendo che nessuna alleanza è possibile con coloro che cedono su questo fronte, per noi decisivo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/12/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

DOPO L’OMOFOBIA TOCCA ALLA DROGA LIBERA E ALL’EUTANASIA

Possiamo vincere le battaglie sulle questioni essenziali che sono alla base del nostro impegno civile: quanto accaduto durante il voto sul ddl Zan al Senato della Repubblica dimostra che le minoranze ben organizzate e convinte sul piano valoriale possono sconfiggere maggioranze ideologiche e supponenti.

Leggi tutto

Politica

Preparatevi si vota a Giugno

Il voto a Giugno sembra essere sempre più vicino

Leggi tutto

Società

La “civiltà” dei piagnistei e l’emergenza.

«La cultura del piagnisteo è il cadavere del liberalismo degli anni Sessanta, è il frutto dell’ossessione per i diritti civili e dell’esaltazione vittimistica delle minoranze.», così Robert Hughes in “La cultura del Piagnisteo

Leggi tutto

Politica

Viale Mazzini: i vertici Rai sotto pressione

I baci gay, Luxuria “maestra” e Bertolucci senza censure in prima serata sono solo antipasti: il nuovo corso a guida gialloverde prepara per La Grande Storia documentari celebrativi dell’anniversario del primo Gay Pride. La presenza dei cattolici è così rarefatta da risultare ormai tecnicamente irrilevante (e non rilevabile). Non saranno le petizioni online a far cambiare le cose.

Leggi tutto

Politica

Il Consiglio d’Europa chiede transizione di genere per bambini

Il rapporto del Consiglio d’Europa sollecita poi l’introduzione di «legislazioni antidiscriminazione» sull’identità di genere agli Stati che non le abbiano ancora approvate

Leggi tutto

Società

L’INSOPPORTABILE PIAGNISTEO DEI PANCIAPIENA E I LORO SUBDOLI INTENTI

In questi giorni tutte le prime donne della nota lobby filomassonica si sono messe a piagnucolare per l’esito negativo della votazione al senato sul liberticida DDL Zan. Gli duole parecchio il fatto di non essere riusciti a schiaffarci nelle patrie galere, non riescono a farsene una ragione. Ma non demordono e si sono messi alacremente a cannoneggiare smascherando i loro subdoli intenti. Abbiamo vinto una battaglia ma non la guerra, occorre proseguire nella lotta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano