Chiesa

di Giampaolo Centofanti

La questione del papato

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nella Chiesa si parla di solidarietà, di ecumenismo, di fratellanza, di sinodalità, ma vi è un problema grande che non facilita tali percorsi. Si tratta della questione del papato. Come stimolare una crescita libera e autentica delle persone e dunque anche un autentico scambio e dunque una più vera fratellanza, la sinodalità e via discorrendo se poi la gerarchia, i media cattolici, le università pontificie, tutto l’apparato deve ripetere pedissequamente il pensiero del vicario di Cristo regnante?

Tra l’altro in un’epoca di pensiero unico rischiando di finire per avallarlo. Quanto è importante stare bene alla larga da logiche di sistema che dominano col silenziamento di fatto di ogni libera partecipazione e persino con la calunnia e ogni forma di persecuzione.

Pare necessario individuare i punti essenzialissimi della fede e poi lasciare a ciascuna realtà di esprimersi, certo nei criteri della fede stessa. Il papato a servizio dei carismi nella Chiesa e non dominatore. Ciò potrebbe comportare il rischio di un infragilimento della compagine cattolica rispetto ai poteri terreni? Forse al tempo dell’ascesa degli stati nazionali tale pericolo era maggiore ma oggi nel tempo del globalismo omologato dei potenti del virtuale la difficoltà maggiore sembra venire da un forzato uniformismo interno.

I codici, le parole d’ordine schematiche, gli istituzionalismi culturali che rendono un optional la libera e condivisa investigazione del vero, favoriscono poi e anche sono favoriti dalla base filosofica del pensiero unico: l’astratto, svuotante, razionalismo, il tecnicismo a tutto campo. Mentre, fin dalla scuola, la libera crescita identitaria ed il solo allora autentico scambio possono giovare alla ricerca di una più autentica ed equilibrata, viva, crescita personale.

La Chiesa può divenire un profondo lievito di maturazione in una società che va sempre più verso il crollo, lo svuotamento totale, il rendere ciascuno mero, isolato, consumatore perso in una massa anonima.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/12/2021
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Eutanasia, in Vaticano la Nuova Carta: giro di vite

Hanno scritto che “Francesco apre al fine-vita”, mentre tutta la notizia consiste nell’annuncio (!) di una revisione della Carta degli Operatori Sanitari, la quale sarà resa pubblica nella giornata mondiale del malato (11 febbraio, a Lourdes). Si tratta di un aggiornamento che chiarisce punti controversi

Leggi tutto

Storie

Gente che è stata muta

Meno sbarchi significa oggettivamente meno morti in mare e meno business sulla pelle dei migranti.  questo governo come Popolo della Famiglia non abbiamo mai fatto sconti, ma nel caso specifico il comportamento è quello corretto e chi protesta e fa sceneggiate è attivato dallo stesso cinismo, fa solo campagna elettorale. A noi interessa parlare di bene comune in materia di immigrazione e lo si fa solo tornando a istituire i flussi, trattandoli per quote a livello europeo, facendo arrivare i migranti integrabili per via aerea o con i corridoi umanitari, spazzando via il business dei mercanti di uomini in Africa e anche in Italia. Salvando così davvero migliaia di uomini, donne e bambini da morte certa nel Mediterraneo e ancora di più nel deserto che molti non riusciranno mai ad attraversare. E andando a prelevare dai Paesi africani migranti che siano veramente in stato di bisogno, perché quattromila euro a uno scafista li può dare solo chi appartiene al “ceto medio” africano e per questo il 90% di chi sbarcava sulle nostre coste negli anni passati era composto da maschi adulti. Troppi dei quali capaci poi di delinquere anche in forma organizzata (la mafia nigeriana è solo uno degli esempi, la fitta rete degli spacciatori tunisini, algerini e marocchini ne è un altro) in collaborazione con le forme nostrane di criminalità specie nel Sud Italia ma non solo.

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

Chiesa

Papa all’Angelus: “Sentiamoci bisognosi del Signore”

Papa - All’Angelus, Papa Francesco invita a riflettere sulla tenerezza di Dio che si fa più presente proprio nei momenti più difficili della nostra vita. Non solo il cristiano deve servire i piccoli, ma deve identificarsi con loro. “Sapersi bisognosi di salvezza, afferma, è indispensabile per accogliere il Signore. Credersi autosufficienti è un’illusione, un inganno.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano