Società

di Roberto Signori

Eutanasia, il 15 febbraio 2022 la consulta deciderà sul referendum

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte Costituzionale terrà il prossimo 15 febbraio l’udienza sull’ammissibilità del referendum sull’eutanasia. La notizia, diffusa dalla segretaria dell’Associazione radicale Luca Coscioni, Filomena Gallo, è stata confermata dalla Consulta. Il quesito referendario, che ha raccolto oltre un milione 200mila firme, punta all’abrogazione parziale dell’articolo 579 del Codice penale che oggi sanziona come reato l’«omicidio del consenziente», ovvero l’uccisione di chi ne fa richiesta.

L’obiettivo dichiarato del referendum è la legalizzazione dell’eutanasia, ma nel caso in cui il referendum si svolgesse e avesse il successo sperato dai promotori si otterrebbe la possibilità di togliere la vita a chiunque lo chieda senza alcun vincolo o controllo previo, a cominciare dall’accertamento della reale volontà della vittima. Un vuoto normativo che, in attesa di un eventuale intervento del legislatore per colmarlo, creerebbe una situazione di fatto fuori controllo, come hanno fatto notare diversi giuristi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/12/2021
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Eutanasia, il cristiano sta con Ippocrate

Il giuramento dei medici è di oltre 2500 anni fa: «Non somministrerò ad alcuno, neppure se richiesto, un farmaco mortale, né suggerirò un tale consiglio».

Leggi tutto

Società

Obiettivo 100 per cento medici obiettori

Silvio Viale si è vantato, “da medico”, di uccidere bambini. Un approccio contraddittorio consente la soppressione della vita umana nel grembo materno in nome di altri diritti. L’Italia in questo senso è un
avamposto: la stessa legge 194, all’articolo 9, riconosce il diritto all’obiezione di coscienza per il medico che non voglia praticare aborti. Già oggi per la maggioranza sono fedeli al giuramento di Ippocrate.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Camisasca: “non disporre della vita a piacimento

Il vescovo di Reggio Emilia, Mons, Massimo Camisasca, ammonisce sulla legge del Fine Vita: “eutanasia mette a rischio i più deboli

Leggi tutto

Politica

Canada, arriva l’eutanasia per il cambiamento climatico

Breen è un attivista ambientale e un membro del gruppo eco-estremista Extinction Rebellion e insiste sul fatto che la sua domanda non è una trovata pubblicitaria. Anche se la sua richiesta per il momento è stata respinta perché uno dei medici valutatori non credeva che l’”eco-ansia” fosse una motivazione ammissibile.

Leggi tutto

Società

Eutanasia barbara inciviltà

Non bisogna punire il dottore, ma il caso va trasferito alla Corte perché ci sia chiarezza su quali poteri ha e non ha un dottore quando si parla di eutanasia e pazienti che soffrono di demenza acuta”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano