Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Honduras: “Non c’è Natale senza Cristo”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Impegniamoci seriamente e responsabilmente nella ricostruzione di cui il nostro Paese ha bisogno, che è un vero processo di pace”. Così scrive la Conferenza episcopale honduregna nel suo messaggio di Natale, firmato dal presidente dell’episcopato, monsignor Ángel Garachana Pérez, vescovo di San Pedro Sula, e dal segretario generale, padre Emigdio Duarte Figueroa.

Anche Papa Francesco – ricordano i vescovi - ha voluto “insegnarci che il processo di pace è un impegno costante nel tempo, perché è un lavoro paziente che cerca la verità e la giustizia, e si apre passo dopo passo a una speranza comune, più forte di ogni avversità”. L’Honduras in questo processo – affermano - “ha bisogno di ognuno dei suoi figli”, che devono imparare in questo Natale a vivere insieme due esperienze: “la tenerezza della famiglia che celebra la vita, ma anche la solidarietà del popolo che cammina verso la liberazione”.

Contemplando il Figlio di Dio fatto uomo – si legge nel messaggio – ci rendiamo conto che “spesso non siamo capaci di vivere in solidarietà con i nostri fratelli sofferenti”. A Natale, però, abbiamo l’opportunità “per ricordare che siamo amati e riconciliati con Dio” e cheDio ci ha avvolti nel suo amore, affinché impariamo ad amarci allo stesso modo”. “L’esperienza dell’amore di Dio – spiegano i presuli - deve portarci a costruire relazioni sociali giuste e fraterne; in questo modo possiamo lavorare insieme, con vero impegno e spirito di solidarietà, per fare dell’Honduras la nazione che meritiamo e di cui abbiamo bisogno”.
Il Natale ci ricorda inoltre che Gesù è con noi e che quindi dobbiamo fare attenzione a non privare queste feste del loro “unico e vero significato”, che non ha niente a che fare con “il comprare cose, mangiare o bere, o sparare fuochi d’artificio”. Dobbiamo ricordare che “senza Cristo non c’è Natale”. Questo tempo “dovrebbe essere per tutti noi un segno di speranza per qualcosa di nuovo, per l’anno che sta per iniziare. Diamo a Dio uno spazio nella nostra vita e nella nostra vita familiare; che non si ripeta Betlemme, dove non c’era spazio per Gesù in nessun luogo”.

In conclusione il messaggio narra di salvezza: “Speriamo quindi che il Natale – concludono – rappresenti, anche per noi che crediamo in Gesù, la grande opportunità di portare la salvezza di Dio a tutti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/12/2021
0610/2022
S. Bruno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

#10familytips. Il Dicastero per la famiglia

Lanciata la campagna social per contribuire a focalizzare l’attenzione pastorale sulla formazione e l’educazione dei bambini in famiglia

Leggi tutto

Politica

L’ultima follia del politicamente corretto: vietato dire “Natale”

Ora sarà vietato anche dire Natale. L’ultima assurdità è contenuta in una comunicazione ufficiale della Commissione europea. Nel testo vengono elencate a una a una tutte le regole che non solo cancellano espressioni del vivere quotidiano comune ma vanno anche contro il buonsenso. Il tutto nel nome del politicamente corretto.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: utilizziamo la pandemia per avvicinarci

In un’intervista al Magazine “50mila volti” curato dalla Cooperativa Operatori Sanitari Associati, il Papa ne incoraggia il lavoro per l’aiuto che offre a molte persone “ad attraversare il loro buio, a non sentirsi soli”

Leggi tutto

Storie

Attacchi in Nigeria: oltre 200 vittime

Gli episodi sono avvenuti nello Stato di Zamfara, forse in risposta a un’azione governativa dei giorni scorsi. Liberati intanto a sud 30 studenti rapiti dai terroristi

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco alle famiglie: Dio dà sempre luce

All’udienza generale il Papa sviluppa la sua catechesi attorno alla costanza di San Giuseppe nell’ascoltare Dio e invita i genitori a fare altrettanto

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina, CEI: “Condanna per la celta di ricorrere alle armi”

CEI:  “nel condannare fermamente la scellerata decisione di ricorrere alle armi, esprimiamo vicinanza al popolo ucraino e alle comunità cristiane del Paese”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano