Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Patriarca Kirill: vivere il Natale saldi nella fede

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La gioia di sapere che sei al sicuro, perché il Signore è lì, vicino a te”: è questo il senso del Natale racchiuso nel messaggio che il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill, rivolge ai fedeli della Chiesa ortodossa russa. In tempo di pandemia da Covid-19, spiega, manca “il senso di sicurezza, protezione e tranquillità”, perché “un flagello devastante continua a modificare la vita quotidiana”, impedendo all’umanità di fare progetti e rendendo il domani incerto. Ed è proprio in questo contesto che emerge in modo particolare “la fragilità dell’esistenza umana”, accompagnata dalla consapevolezza che “ogni nuovo giorno è un dono inestimabile di Dio”. Di qui, l’esortazione del Patriarca a comprendere che “solo l’amore del Signore è in grado di rafforzarci nelle nostre prove, di scacciare la paura dal nostro cuore e di darci la forza di compiere opere buone”.

Per questo, Kirill incoraggia i fedeli a vivere il Natale con misericordia e restando saldi nella fede, pronti ad abbandonarsi all’amore di Dio, “sperando e confidando fermamente in Lui”, l’unico in grado di aiutarci a “superare le difficoltà”. Il modello a cui guardare, continua il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, è quello della Vergine Maria, colei ha partorito in Figlio in un’umile mangiatoia, ma che si è lasciata colmare il cuore dall’amore del Signore. “Questo amore – si legge nel messaggio - trasformava tutto ciò che la circondava, e la Beata Vergine non si accorgeva dei disagi o della grande povertà” in cui avveniva il parto. Al contrario, gli uomini del nostro tempo, durante il lockdown imposto dalla pandemia, hanno percepito la propria casa “come una prigione e sono sprofondati nella tristezza”.

Il Natale è l’auspicio di Kirill – possa essere un’occasione per “scuotere dalle nostre anime le catene della paura e della sfiducia, dell’ansia e della disperazione”, grazie all’ascolto della voce del Figlio di Dio, venuto al mondo per la salvezza di tutti coloro che sono “stanchi e oppressi”. La nascita di Gesù è una gioia dalla quale nessuno è escluso, conclude il Patriarca russo, augurando infine ai fedeli “la salute dell’anima e del corpo, la gioia dello spirito e la forza di avanzare sulla via della salvezza”. Da ricordare che per le Chiese che seguono il calendario giuliano, come quella ortodossa russa, il Natale del Signore si celebrerà il 7 gennaio 2022.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/12/2021
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Chiesa

Frate Emiliano Antenucci parla di silenzio con Papa Francesco

Dopo i suoi tanti scritti sull’argomento, dopo aver incontrato Papa Francesco, dopo aver raccomandato la devozione alla Madonna del Silenzio, aggiunge queste parole: «In una società malata di rumori, parole, apparenza e alle volte di persone che hanno pubbliche virtù e vizi privati, la cura e il cammino da fare con urgenza è il silenzio, scoperta di una Presenza».

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: l’aborto è omicidio

“L’aborto è un omicidio” la Chiesa non cambia la sua posizione, ma “ogni volta che i vescovi hanno gestito non come pastori un problema, si sono schierati sul versante politico”. Queste le chiare parole del pontefice rivolte ai giornalisti (in aereo) nel viaggio di ritorno dalla Slovacchia.

Leggi tutto

Chiesa

Il discernere sinodale

«Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!». Il sensus fidei del popolo cristiano non è invenzione di qualche teologo ma ne parla Gesù stesso nei vangeli. Ma come cogliere una sintesi di esso? Forse il punto è proprio lasciare al complesso del popolo, in cammino con Dio, nel mondo, lo sviluppo della fede. Dunque accettandone le tensioni, gli intrecci.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano