Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Patriarca Kirill: vivere il Natale saldi nella fede

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La gioia di sapere che sei al sicuro, perché il Signore è lì, vicino a te”: è questo il senso del Natale racchiuso nel messaggio che il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill, rivolge ai fedeli della Chiesa ortodossa russa. In tempo di pandemia da Covid-19, spiega, manca “il senso di sicurezza, protezione e tranquillità”, perché “un flagello devastante continua a modificare la vita quotidiana”, impedendo all’umanità di fare progetti e rendendo il domani incerto. Ed è proprio in questo contesto che emerge in modo particolare “la fragilità dell’esistenza umana”, accompagnata dalla consapevolezza che “ogni nuovo giorno è un dono inestimabile di Dio”. Di qui, l’esortazione del Patriarca a comprendere che “solo l’amore del Signore è in grado di rafforzarci nelle nostre prove, di scacciare la paura dal nostro cuore e di darci la forza di compiere opere buone”.

Per questo, Kirill incoraggia i fedeli a vivere il Natale con misericordia e restando saldi nella fede, pronti ad abbandonarsi all’amore di Dio, “sperando e confidando fermamente in Lui”, l’unico in grado di aiutarci a “superare le difficoltà”. Il modello a cui guardare, continua il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, è quello della Vergine Maria, colei ha partorito in Figlio in un’umile mangiatoia, ma che si è lasciata colmare il cuore dall’amore del Signore. “Questo amore – si legge nel messaggio - trasformava tutto ciò che la circondava, e la Beata Vergine non si accorgeva dei disagi o della grande povertà” in cui avveniva il parto. Al contrario, gli uomini del nostro tempo, durante il lockdown imposto dalla pandemia, hanno percepito la propria casa “come una prigione e sono sprofondati nella tristezza”.

Il Natale è l’auspicio di Kirill – possa essere un’occasione per “scuotere dalle nostre anime le catene della paura e della sfiducia, dell’ansia e della disperazione”, grazie all’ascolto della voce del Figlio di Dio, venuto al mondo per la salvezza di tutti coloro che sono “stanchi e oppressi”. La nascita di Gesù è una gioia dalla quale nessuno è escluso, conclude il Patriarca russo, augurando infine ai fedeli “la salute dell’anima e del corpo, la gioia dello spirito e la forza di avanzare sulla via della salvezza”. Da ricordare che per le Chiese che seguono il calendario giuliano, come quella ortodossa russa, il Natale del Signore si celebrerà il 7 gennaio 2022.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/12/2021
1108/2022
Santa Chiara

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecologia integrale, non ambientalismo

La solenne apertura dell’Anno Santo della Misericordia è stata oscurata da una improvvida polemica sullo spettacolo illuminotecnico “Fiat lux”, proiettato sulla facciata della basilica vaticana. Al netto dell’amarezza per l’occasione sfumata nella solita chiacchiera da salotto, alcune considerazioni vanno però fatte

Leggi tutto

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Politica

INSEGNAMO AI GIOVANI CHE LA POLITICA E’ LA PIU’ ALTA FORMA DI CARITA’.

La politica non deve essere una caccia al poteree d alle poltrone, ma una forma di carità.

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa opera per la pace

Ci sono “nuove interpretazioni dei diritti umani” e “in molti casi, i ‘nuovi diritti’ non solo contraddicono i valori che dovrebbero sostenere, ma vengono imposti nonostante l’assenza di consenso internazionale”. Lo ha dichiarato il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, in un videomessaggio all’Assemblea generale dell’Onu.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “La libertà si realizza nella carità”

All’udienza generale in Aula Paolo VI, il Papa spiega il concetto di libertà secondo la fede cristiana: non consiste nello stare lontano dagli altri, sentendoli come “fastidi” che limitano la nostra azione, ma essere inseriti in una comunità, amare e servire gli altri

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano