Politica

di Roberto Signori

Consiglio d’Europa: nuove misure contro l’ipersessualizzazione dei minori

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Consiglio d’Europa ha proposto misure per combattere la pornografia. Una risoluzione del Consiglio dei 47 paesi europei, raccomanda di concentrarsi sull’educazione sessuale, la protezione e la sicurezza online tramite l’adozione di regolamentazioni forti e mirate.

L’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE) ha da questo punto di vista adottato una risoluzione basata sul rapporto del relatore Frank Heinrich, sull’uguaglianza e la non discriminazione, sugli aspetti di genere e le implicazioni dei diritti umani della pornografia. Il comitato permanente della PACE avverte che la pornografia “spesso ha generato e perpetuato stereotipi trasmettendo un’immagine delle donne come subordinate agli uomini e come oggetti, e banalizzando la violenza contro le donne”.

Ancora, si dice nel testo approvato che “più della metà di tutto il traffico internet è legato alla pornografia e al sesso e una grande parte della popolazione dei 47 paesi consulta materiale pornografico e che questa tendenza è aumentata durante le pandemie di Covid-19”. Secondo l’Assemblea, “i contenuti pornografici sempre più spesso sono creati privatamente, da individui che non fanno parte di società di produzione specializzate e sono poi distribuiti per via elettronica”, perciò è necessario che siano obbligatori i filtri anti-porno da attivarsi, di default, in tutti i nuovi computer e dispositivi portatili. I fornitori di internet dovrebbero permettere ai clienti di scegliere chiaramente se accedere o meno a tale materiale; la verifica dell’età dovrebbe essere un obbligo legale e i siti web porno dovrebbero avere avvisi sui potenziali danni.

Infine l’Assemblea chiede che “la pornografia sia vietata sul posto di lavoro, con i datori di lavoro che dovrebbero installare filtri di blocco”. Fin qui tutto bene, anzi benissimo. La PACE sottolinea che i giovani sono particolarmente esposti a questo rischio, per cui “i programmi di educazione alla sessualità dovrebbero definire, identificare e spiegare la natura della pornografia e specificare le sue implicazioni sanitarie, etiche, legali e di parità di genere. Dovrebbero anche sottolineare che la pornografia non può sostituire fonti affidabili di informazione sulla sessualità”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/12/2021
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Avanza la pratica dell’utero in affitto

La Corte di Appello di Parigi, per la prima volta, ha accettato che una coppia di omosessuali possa adottare “di pieno diritto” (quindi senza il consenso della madre biologica) una coppia di gemelli acquistati tramite la brutale pratica dell’utero in affitto. In pratica con l’istituto della «adoption plénière», vengono tagliati in radice, anche giuridicamente, i legami dei due piccoli sventurati con la loro mamma

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Unesco scrive di pace

In occasione dei 75 anni dalla nascita dell’agenzia delle Nazioni Unite, Francesco in un videomessaggio ne sottolinea il comune servizio alla pace e alla solidarietà, allo sviluppo della persona e alla tutela del patrimonio culturale.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e le tristezza della guerra

La risposta di Gesù a chi gli fa del male non è la vendetta o il rancore, ma la gentilezza e la mitezza di chi porge l’altra guancia e apre una breccia nel cuore del nemico. Così anche i cristiani sono chiamati a non cedere all’odio. La guerra non è mai la soluzione

Leggi tutto

Chiesa

La preghiera unisce quello che il mondo divide

San Nicola, ucraini polacchi italiani in preghiera: al cuore immacolato di Maria

Leggi tutto

Politica

L’UE a gamba tesa sull’aborto negli USA

L’Unione Europea da sempre “spalla£ degli USA si monta la testa ed entra a gamba tesa sulla qiestione anorto

Leggi tutto

Storie

UE e vaiolo delle scimmie

Vaiolo delle scimmie: la Commissione Ue acquista dosi di trattamento in risposta ai bisogni immediati

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano