Politica

di Tommaso Ciccotti

PAKISTAN - Un treno speciale porta nel paese il messaggio di pace del Natale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È un momento di gioia essere qui con tutti voi, persone della comunità cristiana, alla stazione ferroviaria di Lahore, per inaugurare il ‘Christmas Peace Pray Train’ con lo slogan: ‘Pregate per il Pakistan’. È nostro compito proteggere i diritti di tutte le persone delle minoranze religiose che lavorano nelle ferrovie pakistane. Augurandovi ogni felicità in occasione del periodo natalizio, vi sono anche grato per la vostra presenza: non rappresentate solo i cristiani del Pakistan, ma rappresentate anche le ferrovie pakistane. Spero e prego che questo treno sia un simbolo di unità, pace e armonia durante tutto il suo viaggio verso Karachi e in tutto il Pakistan”: è quanto ha detto Azam Khan Swati, Ministro dei Trasporti e delle Ferrovie del Pakistan, inaugurando il “Christmas Peace Pray Train”, speciale convoglio che, nel periodo natalizio, percorrerà le principali stazioni del paese, portando un messaggio di pace, armonia e pacifica convivenza.

Il Ministro Azam Khan Swati ha inoltre affermato: “L’obiettivo di questa iniziativa è condividere la gioia del Natale con la nostra comunità cristiana in Pakistan e rafforzare l’armonia e la pace tra religioni diverse. Operiamo e preghiamo perché tutte le comunità religiose in Pakistan, sotto la guida del Primo Ministro Imran Khan, possano progredire verso lo sviluppo, la prosperità, la stabilità e la pace in Pakistan”. Il Ministro ha aggiunto: “Credo e auspico che presto verrà un momento in cui le comunità religiose minoritarie che vivono in Pakistan saranno più prospere e potranno godere del pieno diritto di vivere in pace e dignità”.
Il treno speciale ha preso il via 17 dicembre dalla stazione ferroviaria di Lahore e ha raggiunto Karachi. Trentasei Pastori e leader cristiani, appartenenti a varie confessioni, insieme con altri membri delle loro Chiese hanno viaggiato cantando canti natalizi, salmi e pregando continuamente per la prosperità, per la pace e l’armonia in Pakistan.

Il pastore Jamil Nasir, a capo della Chiesa Pentecostale in Pakistan, ha dichiarato a Fides: “È la prima volta che accade che i nostri fedeli preghino pubblicamente nelle stazioni ferroviarie, cantando inni per lodare Dio. E’ stato motivo di grande gioia vedere la presenza dei nostri fratelli musulmani, attivi nel sostenerci. La nostra comunità non ha pregato solo in treno, ma anche in tutte le stazioni in cui questo treno si è fermato”.
Parlando all’Agenzia Fides, il Pastore Suleman Manzoor, della organizzazione cristiana “Rapha International Mission”, principale organizzatore del treno speciale, ha dichiarato: “Era il nostro sogno poter organizzare un treno di Natale, per proclamare il messaggio di pace del Natale in tutto il territorio nazionale, pregando per il Pakistan e invocando le benedizioni di Dio per la nostra amata patria. Siamo grati a Dio per aver benedetto questa iniziativa: andiamo avanti con la convinzione che la preghiera porti benedizione alle nazioni, ai leader e al nostro paese e pace in Pakistan”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/12/2021
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Politica

Inviato speciale per garantire la tutela della libertà religiosa

“Un passo particolarmente importante per confermare che il diritto di professare liberamente la fede religiosa - riconosciuto dall’articolo 19 della Costituzione italiana - non è valido solo a livello nazionale ma deve essere promosso in ogni sede internazionale, quale diritto fondamentale e inviolabile di ciascuno

Leggi tutto

Politica

Etiopia: ondata di arresti di religiosi

L’ondata di arresti si è abbattuta, dall’inizio di novembre anche sui Salesiani: 28 religiosi sono stati arrestati durante una brutale e illegale irruzione alla sede nazionale delle Opere di don ad Addis Abeba. Tra gli arrestati anche un ottantenne.

Leggi tutto

Chiesa

Buon Natale

Gli auguri di un Natale di Fede per tutti voi…...

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco - Dio si trova nella realtà di ogni giorno

Il Papa invita ancora a chiedersi come ci poniamo noi davanti al Signore, se come i suoi compaesani crediamo “di sapere tutto su di Lui”, pensiamo di conoscerlo bene “con le nostre idee e i nostri giudizi”, rischiando di chiuderci alle novità di Gesù e di rimanere “fissi sulle nostre posizioni”. Il Signore ci chiede “una mente aperta e un cuore semplice e quando una persona ha una mente aperta, un cuore semplice ha la capacità di sorprendersi”. Quindi indica Maria come modello di umiltà e disponibilità: che lei “ci mostri la via per accogliere Gesù”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano