Politica

di Roberto Signori

Siria: dall’Ue 10 milioni di euro per le persone vulnerabili

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’UE ha mobilitato ulteriori 10 milioni di euro per aiutare le persone in Siria. Questo finanziamento porta il sostegno umanitario totale stanziato dall’UE per la Siria nel 2021 a 141 milioni di euro. I finanziamenti annunciati oggi, 22 dicembre, aiuteranno le persone ad accedere all’acqua e a ripristinare le infrastrutture idriche critiche. Inoltre miglioreranno le condizioni igienico-sanitarie sia nelle aree governative che in quelle non controllate dal governo.

L’obiettivo è fornire rapidamente cibo e alimenti e contribuire a una maggiore copertura da parte dei servizi medici essenziali. Grazie ai finanziamenti UE le persone vulnerabili potranno usufruire, durante tutto l’inverno, di combustibile per riscaldamento, coperte, indumenti invernali e di una manutenzione delle tende.
“La siccità in Siria - ha detto Janez Lenarčič, commissario responsabile per la gestione delle crisi - rappresenta una difficile sfida per il popolo siriano, che si trova già in una grave situazione a causa della crisi in corso. Questo è un chiaro esempio di come i cambiamenti climatici colpiscano i più vulnerabili. Dobbiamo fare in modo che coloro che hanno bisogno di protezione e aiuto lo ricevano ora. L’Unione europea è impegnata a fornire assistenza umanitaria alle persone in Siria ovunque sia necessario e per tutto il tempo necessario, conformemente ai principi umanitari e al diritto umanitario internazionale. Ma in seguito dovremo studiare soluzioni più sostenibili.”
Dall’estate 2021 la Siria sta affrontando una grave crisi idrica causata dalla peggiore siccità degli ultimi 70 anni. Sono oltre 5 milioni le persone che in Siria non hanno più accesso all’acqua, al cibo e all’elettricità. Inoltre nel paese circa 4,5 milioni di persone hanno urgente bisogno di assistenza per prepararsi all’inverno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/12/2021
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

“Io ritornerò”: pubblicate le lettere di Eugenio Corti dalla Russia

Sulla scorta dei ricordi personali (l’autore ha avuto il privilegio di conoscere e frequentare familiarmente Corti), vengono presentate le “lettere dalla Russia 1942-1943”, a cura di Alessandro Rivali

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: rafforzare la logica della solidarietà”

Nel messaggio inviato al direttore generale della Fao, Qu Dongyu, in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione di domani, Papa Francesco afferma che “sconfiggere la fame una volta per tutte” è “una delle sfide più grandi dell’umanità” ed è “una meta ambiziosa”

Leggi tutto

Società

Gran Bretagna: due sentenze pro cristiani discriminati

L’infermiera di un ospedale pubblico è libera di portare il crocifisso al collo. I pasticcieri hanno diritto di non scrivere frasi inneggianti alle nozze gay. Due sentenze, una del tribunale del lavoro di Londra e l’altra della Corte Europea dei Diritti Umani

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina - Orionini e Salesiani, impegnati nell’accoglienza dei profughi

I Salesiani sono presenti nelle grandi città del Paese: Kiev, Leopoli, Zhytomyr, Dnipro, Odessa, così come a Korostyshiv, Peremyshlany e Bibrka, e restano vicini alla popolazione cercando di dare speranza. Attualmente i Salesiani stanno già accogliendo un centinaio di minori nei loro rifugi, dando la priorità ai bambini degli orfanatrofi, e si prevede possano ospitarne altre centinaia a Leopoli con l’arrivo dei primi profughi dall’est del Paese. “Vi chiedo anzitutto di pregare per l’Ucraina e anche di essere accoglienti se arriveranno profughi nel vostro Paese. Vi ringrazio per ogni vostro aiuto e sostegno” conclude don Chaban.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: “Per l’Ucraina servirebbe un Aldo Moro”

“Mai come in questi giorni noi del Popolo della Famiglia non dimentichiamo. Beati gli operatori di pace, oggi serve un Aldo Moro e le gravi carenze dell’attuale classe dirigente italiana che non è cresciuta nel suo solco si ripercuotono sulla triste fase che il Paese e l’Europa stanno vivendo. Si torni presto alla lezione di Moro, che mai avrebbe armato una parte belligerante nel corso di una guerra ma si sarebbe frapposto per farla cessare, garantendo così un ruolo decisivo all’Italia nello scacchiere internazionale”.

Leggi tutto

Storie

La Turchia in Siria ed Iraq danneggia chiese

Ankara ha lanciato l’operazione di primavera “Claw Lock” contro obiettivi curdi oltre-confine. Morto un 26enne cristiano a Khabour, i jihadisti attaccano col sostegno turco.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano