Storie

di Nathan Algren

PAKISTAN - Ragazza cristiana rapita si riunisce alla sua famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Arzoo Raja, 14enne ragazza cristiana rapita, convertita all’Islam e sposata forzatamente con il 44enne musulmano Azhar Ali, il suo rapitore, si riunisce con la sua famiglia . Lo ha stabilito l’Alta Corte della provincia del Sindh con una ordinanza ieri 22 dicembre 2021. La famiglia l’ha ricondotta a casa dopo aver ottenuto l’ordinanza del tribunale, assicurando che si prenderà cura della figlia con amore. Il caso scoppiò nell’ottobre 2020 ed ebbe vasta risonanza mediatica, sociale e politica.

Nell’udienza il ricorso presentato dalla famiglia chiedeva che Arzoo Raja potesse lasciare l’istituto governativo di Panah Gah, dove viveva, affidata ai servizi sociali, tornando a vivere con i suoi genitori, dopo un anno di riflessione sulle sue scelte di vita (vedi Fides 23/11/2020).
Durante l’udienza il giudice ha parlato alla ragazza e ai genitori. Arzoo Raja, che al momento del matrimonio e della controversia aveva 13 anni, ha mostrato la sua disponibilità a tornare con i suoi genitori. Alla domanda sulla sua conversione all’Islam ha risposto che si era convertita “di sua spontanea volontà”.
Il giudice ha chiesto ai genitori di Arzoo di riportarla a casa e i genitori hanno affermato che accolgono con gioia la ragazza, si impegnano a prendersene cura, a non farle pressioni sul tema della conversione religiosa.

Dilawar Bhatti, presidente della “Christian Peoples Alliance”, presente all’udienza, ha accolto con favore la decisione della Corte. Parlando all’Agenzia Fides ha detto: “E’ una buona notizia che Arzoo vivrà di nuovo con la sua famiglia e trascorrerà il Natale in serenità. Tante persone, avocati, assistenti sociali, cittadini hanno alzato la voce, si sono impegnate e hanno pregato per questo caso. Ringraziamo Dio tutti costoro”.

Dilawer Bhatti ha poi aggiunto: “In tribunale i genitori si sono impegnati a non fare alcuna violenza sulla ragazza e a riferire ogni tre mesi alla polizia, anche versando una cauzione come pegno del rispetto di tali impegni. La Corte ha disposto che Arzoo non debba incontrare il suo presunto marito che sta affrontando un processo ai sensi del Child Marriage Restraint Act 2013, per violazione della legge dei matrimoni precoci”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/12/2021
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Pakistan: no alla castrazione chimica

La castrazione chimica per gli uomini condannati più volte per stupro, approvata dal Parlamento del Pakistan, è stata tempestivamente ritirata dopo pochissime ore a causa delle obiezioni del Consiglio per l’ideologia islamica (Cii).

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Libertà su cauzione concessa a un cristiano

“Concedere la cauzione a Stephen Maish, un malato di mente accusato di blasfemia è una mossa positiva: non si può addebitare a una persona mentalmente instabile nessuna accusa, perché la persona non ha la piena coscienza di quello che sta facendo

Leggi tutto

Storie

Pakistan - 21enne cristiano in carcere per blasfemia

Anwar Kenneth fu condannato a morte a Lahore nel 2002 per un’apologia del cristianesimo contro l’islam compiuta nelle settimane successive all’11 settembre. Dopo cinque rinunce da parte di legali d’ufficio un avvocato ha acconsentito a difenderlo in un’udienza

Leggi tutto

Storie

Pakistan. Mons Shukardin: ‘Cristiani senza rappresentanza’

Alla vigilia delle elezioni generali l’analisi del vescovo di Hyderabad, presidente della Conferenza episcopale: “I cristiani formino un proprio movimento nazionale a livello politico. Dalle urne nessuno uscirà con la maggioranza: prego per la stabilità economica e il rispetto reciproco, in un Paese dove aumenta la povertà. Finché le donne resteranno ai margini non potremo avere un futuro migliore”.

Leggi tutto

Storie

Pakistan: cristiano ucciso da un gruppo di musulmani

Il 25enne Pervez Masih è stato attaccato dopo una controversia nata nel suo negozio di videogiochi.. United Christian Council: “In Pakistan le forze dell’ordine sono impotenti e insicure”.

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Libertà su cauzione per tre cristiani accusati di blasfemia

Come nota la Commissione nazionale “Giustizia e Pace” (NCJP) dei Vescovi cattolici del Pakistan, sono sei i cristiani accusati di blasfemia ai quali è stata concessa la libertà su cauzione nel 2022.
Secondo il “Center for Social Justice”, sono 1.949 persone accusate in base alle leggi sulla blasfemia dal 1987 al 2021. Questo numero include 928 musulmani, 643 ahmadi, 281 cristiani, 42 indù e 55 di fede non nota.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano