Storie

di Nathan Algren

PAKISTAN - Ragazza cristiana rapita si riunisce alla sua famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Arzoo Raja, 14enne ragazza cristiana rapita, convertita all’Islam e sposata forzatamente con il 44enne musulmano Azhar Ali, il suo rapitore, si riunisce con la sua famiglia . Lo ha stabilito l’Alta Corte della provincia del Sindh con una ordinanza ieri 22 dicembre 2021. La famiglia l’ha ricondotta a casa dopo aver ottenuto l’ordinanza del tribunale, assicurando che si prenderà cura della figlia con amore. Il caso scoppiò nell’ottobre 2020 ed ebbe vasta risonanza mediatica, sociale e politica.

Nell’udienza il ricorso presentato dalla famiglia chiedeva che Arzoo Raja potesse lasciare l’istituto governativo di Panah Gah, dove viveva, affidata ai servizi sociali, tornando a vivere con i suoi genitori, dopo un anno di riflessione sulle sue scelte di vita (vedi Fides 23/11/2020).
Durante l’udienza il giudice ha parlato alla ragazza e ai genitori. Arzoo Raja, che al momento del matrimonio e della controversia aveva 13 anni, ha mostrato la sua disponibilità a tornare con i suoi genitori. Alla domanda sulla sua conversione all’Islam ha risposto che si era convertita “di sua spontanea volontà”.
Il giudice ha chiesto ai genitori di Arzoo di riportarla a casa e i genitori hanno affermato che accolgono con gioia la ragazza, si impegnano a prendersene cura, a non farle pressioni sul tema della conversione religiosa.

Dilawar Bhatti, presidente della “Christian Peoples Alliance”, presente all’udienza, ha accolto con favore la decisione della Corte. Parlando all’Agenzia Fides ha detto: “E’ una buona notizia che Arzoo vivrà di nuovo con la sua famiglia e trascorrerà il Natale in serenità. Tante persone, avocati, assistenti sociali, cittadini hanno alzato la voce, si sono impegnate e hanno pregato per questo caso. Ringraziamo Dio tutti costoro”.

Dilawer Bhatti ha poi aggiunto: “In tribunale i genitori si sono impegnati a non fare alcuna violenza sulla ragazza e a riferire ogni tre mesi alla polizia, anche versando una cauzione come pegno del rispetto di tali impegni. La Corte ha disposto che Arzoo non debba incontrare il suo presunto marito che sta affrontando un processo ai sensi del Child Marriage Restraint Act 2013, per violazione della legge dei matrimoni precoci”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/12/2021
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Sharon, piccolo martire dei bulli a causa di Gesù

Il Punjab è uno degli stati più problematici dell’India: sacerdoti sequestrati e ritrovati uccisi (o non ritrovati affatto), mobbing e stalking sui posti di lavoro per i cristiani e ora anche l’uccisione, gratuita e crudele, di un quindicenne che doveva fare 100 km per andare a scuola. I cristiani sono sempre più nel mirino dei fanatici, e ben pochi sono quelli che cercano di difenderli

Leggi tutto

Chiesa

Pakistan - La Chiesa aiuta il reinserimento di ex detenuti

La Chiesa cattolica ha continuato a sostenere i 42 prigionieri cristiani rilasciati dal carcere dopo cinque anni. Questi 42 uomini sono stati arrestati per aver distrutto proprietà del governo e per aver ucciso due uomini musulmani sospettati di essere collegati agli attentatori suicidi che avevano attaccato le chiese a Youhanabad, quartiere di Lahore, il 15 marzo 2015.

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Basta rapimenti per matrimonio

Il 28 luglio, i gruppi per la tutela dei diritti umani in Pakistan hanno espresso la loro preoccupazione per la mancanza di garanzie legali e amministrative per proteggere le ragazze minorenni delle minoranze dalle conversioni forzate in Pakistan

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Libertà su cauzione al rapitore di una bambina cristiana

A febbraio Muhammad Sharif aveva tentato di sequestrare Jessica Pervaiz, di 7 anni. Il processo non è ancora concluso.

Leggi tutto

Storie

L’esempio del padre della ragazza violentata

Il padre di una delle due quattordicenni romane violentate si è erto a difesa e a sostegno della legge, indicandosi come ulteriore istanza

Leggi tutto

Storie

Ancora un omicidio legato ad accuse di blasfemia in Pakistan

Ancora un omicidio legato ad accuse di blasfemia in Pakistan, in pieno giorno davanti a una folla che ha assistito al gesto impotente, senza riuscire a intervenire. Un uomo di 80 anni, conosciuto dai più con il soprannome di Chacha (zio) Sharif (nella foto), è stato ucciso in modo brutale, pugnalato allo stomaco e poi sgozzato con un machete, da un giovane che mentre colpiva urlava frasi di odio e slogan fra i quali: “Ho ammazzato un blasfemo”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano