{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Giubileo 2025, il Papa ne affida la preparazione a monsignor Fisichella

Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Giubileo 2025, il Papa ne affida la preparazione a monsignor Fisichella

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il Santo Padre Francesco ha affidato al Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, il coordinamento, da parte della Santa Sede, della preparazione dell’Anno Santo 2025”: è quanto riferisce un comunicato della Santa Sede pubblicato oggi. “In tal senso - si legge nel testo - nei giorni scorsi il Presidente del medesimo Consiglio, S.E. Mons. Rino Fisichella, ha incontrato i Superiori della Segreteria di Stato, dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica e della Segreteria per l’Economia”.

Si tratta di un Giubileo ordinario. L’ultimo Giubileo è stato l’Anno Santo straordinario dedicato alla Misericordia. Francesco lo aveva proclamato con la Bolla “Misericordiae Vultus”, affidandone il coordinamento, anche in quel caso, a monsignor Fisichella: era durato dal 29 novembre 2015, con l’apertura anticipata della Porta santa a Bangui, in Centrafrica - l’8 dicembre in San Pietro - al 20 novembre 2016.

Quello del 2025 sarà il 27.mo Giubileo ordinario nella storia della Chiesa. Il primo Giubileo è stato proclamato da Bonifacio VIII nel 1300. Tra i pellegrini giunti a Roma per questo primo Giubileo si ricordano Dante, Cimabue, Giotto, Carlo di Valois, fratello del re di Francia, con sua moglie Caterina.

Pensati per essere celebrati ogni cento anni, Clemente VI nel 1350 stabilì di farli svolgere ogni 50 anni. Paolo II, con una Bolla del 1470, stabilì che il Giubileo si svolgesse ogni 25 anni.

Le vicende del periodo napoleonico impedirono a Pio VII di indire l’Anno Santo del 1800. E così nel 1850, le tensioni seguite all’instaurazione della Repubblica Romana e al temporaneo esilio di Pio IX non permisero lo svolgimento del Giubileo. Ma lo stesso Papa Mastai Ferretti poté celebrare l’Anno Santo del 1875, seppure senza le cerimonie di apertura e chiusura della Porta santa a causa della presenza a Roma delle truppe italiane.

Leone XIII indisse il primo Giubileo del 1900 e Giovanni Paolo II il primo del 2000. Tra i vari Giubilei straordinari, oltre l’Anno Santo della Misericordia promosso da Papa Francesco, si possono ricordare quello del 1423, indetto da Martino V per il ritorno del Papato a Roma dopo l’esilio avignonese, il Giubileo indetto da Pio XI nel 1933 per il 1900.mo anniversario della Redenzione, il Giubileo proclamato da Paolo VI nel 1966 per la conclusione del Concilio Vaticano II e quello indetto da Giovanni Paolo II nel 1983 per il 1950.mo anniversario della Redenzione. E recentemente Papa Francesco ha parlato anche del prossimo Giubileo della Redenzione nel 2033.

Il Giubileo offre ai fedeli la possibilità di ottenere l’indulgenza plenaria per se stessi o per i defunti; è un anno di riconciliazione e conversione, di solidarietà e impegno per la giustizia nel servizio di Dio e dei fratelli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/12/2021
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cattolici ed evangelici uniti nella difesa della vita

Mi dispiace che in Italia nessuno ha capito il vero danno che avrebbe procurato Hillary Clinton all’umanità, espandendo la cultura della morte, l’ideologia di Obama, e la promessa di estirpare i dogma della chiesa Cattolica. Era difficile se non, raro di trovare un Italiano che non faceva il tifo per Hillary, sacerdoti inclusi. Mi rallegro nel pensare che il manto della Madonna di Medjugorje ha protetto i neonati. Lei e stata fedele al popolo Cattolico degli Stati Uniti che l’ha interpellata con tantissimi rosari, messe, e “all night vigils” davanti alle cliniche di Planned Parenthood, i centri più grandi dell’aborto, che poche settimane fa’ Obama, per tutelare la sua “legacy” ha voluto finanziare permanentemente con i fondi federali.

Leggi tutto

SocietĂ 

UN “RISCHIO” CHIAMATO FAMIGLIA CHE SI RIBELLA ALLA CULTURA DEL PROVVISORIO.

Il trionfo del precariato è riuscito ad invadere ogni campo, arrivando persino, con arguzia encomiabile, a minare la colonna portante della societĂ  e cioè la famiglia. Tutto in un silenzio tombale, senza che nemmeno ce ne accorgessimo. Il vertiginoso calo dei matrimoni, sia civili che religiosi, è l’esempio lampante di una mentalitĂ  che ha paura delle scelte definitive e vive alla giornata, sballottata qua e lĂ  dalle armi di distrazioni di massa dei social media.  Il timore di eventuali fallimenti sta facendo gonfiare a dismisura il numero delle convivenze, anche dove in apparenza le unioni sembrerebbero molto solide e a prova di qualunque crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Vere o fasulle sinodalitĂ 

La crescita autentica orienta a cercare di sbloccare tutto ciò che ingabbia la libera maturazione delle persone e a partire da qui la loro libera partecipazione. Non si può dunque trattare, a proposito di sinodalità, di un sistema per imporre a tutti la visuale di qualcuno facendola passare pure, come ulteriore beffa, per condivisa dai più.

Leggi tutto

Chiesa

L’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, ha offerto le sue dimissioni al Papa

L’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, ha offerto le sue dimissioni a papa Francesco, in seguito alle rivelazioni del settimanale Le Point su una sua presunta love story con una donna nel 2012.

Leggi tutto

Politica

Putin al Papa: “Proteggeremo insieme i cristiani”

Il servizio stampa del Cremlino ha sottolineato che «queste relazioni sono caratterizzate da un alto livello di comprensione reciproca e somiglianza di posizioni su molti problemi del nostro tempo».

Leggi tutto

PoliticaChiesa

Il Papa agli imprenditori: non cedete alle imposizioni finanziarie

Papa Francesco incontra un gruppo di imprenditori e dirigenti provenienti dalla Francia, riuniti a Roma per un pellegrinaggio sul bene comune

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano