Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco: “In famiglia bisogna combattere la dittatura dell’io”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Dio ha scelto una famiglia umile e semplice per venire in mezzo a noi”. Lo ha detto il Papa, introducendo l’Angelus in occasione della Festa della Santa Famiglia.

Quindi Papa Francesco propone due spunti di riflessione. “Il primo: la famiglia è la storia da cui proveniamo. È bello vedere Gesù inserito nella trama degli affetti familiari, che nasce e cresce nell’abbraccio e nelle preoccupazioni dei suoi. Questo è importante anche per noi: proveniamo da una storia intessuta di legami d’amore e la persona che siamo oggi non nasce tanto dai beni materiali di cui abbiamo usufruito, ma dall’amore che abbiamo ricevuto nel seno della famiglia. Forse non siamo nati in una famiglia eccezionale e senza problemi, ma è la nostra storia, sono le nostre radici: se le tagliamo, la vita inaridisce! Dio non ci ha creati per essere condottieri solitari, ma per camminare insieme. Ringraziamolo e preghiamolo per le nostre famiglie, Dio ci pensa e ci vuole insieme e dobbiamo pensare a questo”.

A essere famiglia – spiega il Papa, enunciando il secondo punto - si impara ogni giorno: bisogna imparare ad ascoltarsi e capirsi, a camminare insieme, ad affrontare conflitti e difficoltà. È la sfida quotidiana, e si vince con il giusto atteggiamento, con le piccole attenzioni, con gesti semplici, curando i dettagli delle nostre relazioni e ci aiuta tanto parlare in famiglia, anche col dialogo con i nonni”.

Per custodire l’armonia – prosegue Papa Francesco - in famiglia bisogna combattere la dittatura dell’io. Quando l’io si gonfia è pericoloso quando, invece di ascoltarci, ci rinfacciamo gli sbagli; quando, invece di dialogare, ci isoliamo con il telefonino, è triste vedere ognuno che parla col telefonino; quante volte, purtroppo, tra le mura domestiche da silenzi troppo lunghi e da egoismi non curati nascono e crescono conflitti! A volte si arriva persino a violenze fisiche e morali. Questo lacera l’armonia e uccide la famiglia. Convertiamoci dall’io al tu. E ogni giorno pregare un po’ insieme, per chiedere a Dio il dono della pace in famiglia. E impegniamoci tutti – genitori, figli, Chiesa, società civile – a sostenere, difendere e custodire la famiglia che è il nostro tesoro”.

“Mi rivolgo agli sposi – ha detto il Papa dopo la recita dell’Angelus - oggi è stata pubblicata una mia lettera: è il mio regalo di Natale per voi, un segno di vicinanza e occasione di meditazione. E’ importante riflettere sulla tenerezza di Dio. Il Signore dia agli sposi la forza di continuare il cammino intrapreso. Ci avviciniamo all’incontro mondiale delle famiglie, prepariamolo con la preghiera. E ho una preoccupazione vera: almeno qui in Italia l’inverno demografico: tanti hanno perso l’illusione di andare avanti coi figli, pensate a questo è una tragedia. L’inverno demografico va contro il nostro futuro”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/12/2021
2305/2022
San Giovanni Battista de' Rossi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Adinolfi: grazie Papa Francesco

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, sottolinea con entusiasmo la decisione di Papa Francesco di consacrare Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria: “Da tempo come Popolo della Famiglia abbiamo indicato la via religiosa come decisiva per la ricostruzione delle condizioni della pace tra Russia e Ucraina.

Leggi tutto

Chiesa

Cantalamessa: l’Eucarestia, via di unità e condivisione

Il cardinale Raniero Cantalamessa ha tenuto, alla presenza di Papa Francesco, la quarta meditazione del tempo di Quaresima incentrata sull’ecumenismo eucaristico

Leggi tutto

Chiesa

Pasqua - L’annuncio della Risurrezione nella Messa

Papa Francesco celebra davanti a 50mila fedeli, uniti nella gioia della Pasqua e nel messaggio di pace che porta Gesù risorto

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il prossimo presidente CEI

Papa Francesco: “io cerco di trovarne uno che voglia fare un bel cambiamento. Preferisco che sia un cardinale, che sia autorevole. E che abbia la possibilità di scegliere il segretario, che possa dire: voglio lavorare con questa persona”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: stop alle tratte

Nel discorso ai partecipanti alla Conferenza internazionale del Santa Marta Group, impegnato nel contrasto alle moderne forme di schiavitù, Francesco auspica una rinnovata visione etica della vita politica, economica e sociale, incentrata non sul profitto ma sulle persone

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano