Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco: “In famiglia bisogna combattere la dittatura dell’io”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Dio ha scelto una famiglia umile e semplice per venire in mezzo a noi”. Lo ha detto il Papa, introducendo l’Angelus in occasione della Festa della Santa Famiglia.

Quindi Papa Francesco propone due spunti di riflessione. “Il primo: la famiglia è la storia da cui proveniamo. È bello vedere Gesù inserito nella trama degli affetti familiari, che nasce e cresce nell’abbraccio e nelle preoccupazioni dei suoi. Questo è importante anche per noi: proveniamo da una storia intessuta di legami d’amore e la persona che siamo oggi non nasce tanto dai beni materiali di cui abbiamo usufruito, ma dall’amore che abbiamo ricevuto nel seno della famiglia. Forse non siamo nati in una famiglia eccezionale e senza problemi, ma è la nostra storia, sono le nostre radici: se le tagliamo, la vita inaridisce! Dio non ci ha creati per essere condottieri solitari, ma per camminare insieme. Ringraziamolo e preghiamolo per le nostre famiglie, Dio ci pensa e ci vuole insieme e dobbiamo pensare a questo”.

A essere famiglia – spiega il Papa, enunciando il secondo punto - si impara ogni giorno: bisogna imparare ad ascoltarsi e capirsi, a camminare insieme, ad affrontare conflitti e difficoltà. È la sfida quotidiana, e si vince con il giusto atteggiamento, con le piccole attenzioni, con gesti semplici, curando i dettagli delle nostre relazioni e ci aiuta tanto parlare in famiglia, anche col dialogo con i nonni”.

Per custodire l’armonia – prosegue Papa Francesco - in famiglia bisogna combattere la dittatura dell’io. Quando l’io si gonfia è pericoloso quando, invece di ascoltarci, ci rinfacciamo gli sbagli; quando, invece di dialogare, ci isoliamo con il telefonino, è triste vedere ognuno che parla col telefonino; quante volte, purtroppo, tra le mura domestiche da silenzi troppo lunghi e da egoismi non curati nascono e crescono conflitti! A volte si arriva persino a violenze fisiche e morali. Questo lacera l’armonia e uccide la famiglia. Convertiamoci dall’io al tu. E ogni giorno pregare un po’ insieme, per chiedere a Dio il dono della pace in famiglia. E impegniamoci tutti – genitori, figli, Chiesa, società civile – a sostenere, difendere e custodire la famiglia che è il nostro tesoro”.

“Mi rivolgo agli sposi – ha detto il Papa dopo la recita dell’Angelus - oggi è stata pubblicata una mia lettera: è il mio regalo di Natale per voi, un segno di vicinanza e occasione di meditazione. E’ importante riflettere sulla tenerezza di Dio. Il Signore dia agli sposi la forza di continuare il cammino intrapreso. Ci avviciniamo all’incontro mondiale delle famiglie, prepariamolo con la preghiera. E ho una preoccupazione vera: almeno qui in Italia l’inverno demografico: tanti hanno perso l’illusione di andare avanti coi figli, pensate a questo è una tragedia. L’inverno demografico va contro il nostro futuro”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/12/2021
0610/2022
S. Bruno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sinodalità vissuta o meccanica

Lo Spirito vi condurrà alla verità tutta intera ricordandovi quanto vi ho detto (cfr Gv 16)
La sinodalità può venire intesa come un variamente artefatto dialogo tra alcune persone convocate in modo estemporaneo. Ciò può comportare ugualmente aspetti positivi ma anche i pericoli e le distorsioni del mero fare. Si tratta invece di cercare le vie di una più profonda formazione che apra ad una crescita integrale, spirituale e umana, nello scambio con gli altri.

Leggi tutto

Chiesa

Eventi per la giornata pro orantibus

Tradizionalmente celebrata nella memoria liturgica della Presentazione della Beata Vergine Maria, quest’anno la Giornata pro orantibus, che ricorda la presenza della vita contemplativa nella Chiesa, prevede due momenti sabato e domenica prossimi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: operiamo fianco a fianco nella carità

Nel discorso al Sinodo ortodosso nella cattedrale di Nicosia, accanto al “fratello” arcivescovo Chrysostomos, il papa ha chiesto ai cristiani delle due confessioni di non assecondare quella “inconciliabilità delle differenze” che nel Vangelo non c’è e di andare pur nelle diversità “lì dove la Chiesa è madre”

Leggi tutto

Chiesa

Sarà beata l’italiana Maria Carola Cecchin

Leggi tutto

Chiesa

CEI: il messaggio per la Quaresima

Da un versetto della Lettera ai Galati, prende spunto il messaggio della Presidenza della Conferenza episcopale italiana per la preparazione alla Pasqua 2022: prepararsi all’incontro con Gesù convertendosi all’ascolto, alla realtà e alla spiritualità

Leggi tutto

Chiesa

Maria e lo sguardo della speranza

Nella Giornata internazionale della donna, il pensiero del Papa su twitter va a quante vivono la grande sofferenza derivante dai conflitti, dalle caresti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano