Politica

di Mario Adinolfi

Chiedo a Draghi la fine dell’emergenza

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Alcuni dati sono ormai evidenti. Arriveremo rapidamente oltre i 200mila contagiati al giorno, perché Omicron si diffonde molto più rapidamente di Delta. Ma fa molti meno danni di Delta, pochissime le polmoniti. Il Sud Africa ha deciso la fine del tracciamento, ha un tasso di vaccinati bassissimo (26%), ma ha scelto di far circolare il virus: quarantena solo per i positivi con sintomi “altrimenti si ferma il Paese”. Scelta analoga viene presa dall’Inghilterra, Omicron per i sintomi che comporta non giustifica il blocco della società inglese. Più o meno quello che stanno dicendo medici come Bassetti e Zangrillo, chiedendo di modificare le norme e chiudere la stagione dell’allarmismo. È arrivato il momento della pacificazione nazionale in Italia (tasso di vaccinati: 90%) e chiedo a Draghi di annunciare la cessazione definitiva dello stato d’emergenza al 31.3.2022 con conseguente decadenza degli strumenti emergenziali quali il green pass e relative limitazioni, raccomandando per chi vuole la scelta vaccinale periodica secondo gli schemi già attuati con la vaccinazione anti-influenzale (auspicabile per i soggetti fragili) e investendo risorse pubbliche nei monoclonali di seconda generazione e nei medicinali anti-Covid già pronti ad essere immessi sul mercato. Con lo scadere dello stato d’emergenza saranno reintegrati sul posto di lavoro tutti i sospesi in via cautelativa perchè sprovvisti di green pass, senza eccezione alcuna. Si proseguirà il monitoraggio della diffusione del Covid per verificare che non ci siano concreti rischi di difficoltà per la tenuta delle strutture ospedaliere, che saranno però restituite alla funzionalità ordinaria. Il governo varerà una campagna sui comportamenti da adottare (mascherine al chiuso, igienizzazione e distanziamento) per una transizione prudenziale verso la normale convivenza anche con il Covid, una delle malattie che è bene non contrarre. Ma se (dati al 26.12.2021) a fronte di 517mila italiani infetti ho 1.089 letti di terapia intensiva occupati, vuol dire che è una delle malattie che il nostro sistema sanitario nazionale può affrontare (perché nel 99.75% dei casi non porta a gravi conseguenze) fuori da uno stato emergenziale. Che va definitivamente chiuso per liberare finalmente il Paese da terrorismi e angosce, che sono per l’Italia non più solo inutili ma evidentemente dannosi. Basta file chilometriche alle farmacie, basta impaurire la popolazione, basta deprimere l’economia, basta ledere i diritti fondamentali e costituzionali delle persone, a partire dal diritto al lavoro: tuteliamo i più deboli senza costringere l’Italia ad affondare in un inutile terrore. Sia il 2022 l’anno del recupero della nostra serenità personale, familiare, collettiva.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/12/2021
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Politica

ALTRIMENTI CI INCENERISCA

La linea politica dell’autonomia del Popolo della Famiglia, ribadita all’assemblea nazionale del 28 gennaio al teatro Eliseo, sta facendo crescere davvero un “bambino” libero che sta imparando a camminare con le proprie gambe. Non era facile, non era scontato, la tentazione del vendersi al migliore offerente in politica è sempre dietro l’angolo, ma tra noi (con l’eccezione di alcuni sporadici casi) quella tentazione non ha attecchito. Siamo legati alla nostra idea di autonomia perché sappiamo che solo questa autonomia ci consentirà di difendere davvero la vita, la famiglia naturale, i soggetti più deboli, i principi non negoziabili ribaltando le priorità di una politica che nel centrodestra come nel centrosinistra sembra aver dimenticato la cura del bene comune, puntando su uno sciocco principio di autodeterminazione che è solo libertà fuori dalla verità, dunque libertà zoppa e malsana.

Leggi tutto

Politica

Strage di Bologna: Mambro, Fioravanti e l’Italia che non sa

Non sono un giustizialista, non proverei libidine nel vederli ai ceppi. Ma un po’ il mondo l’ho girato e mi rendo conto che una storia come questa possiamo raccontarla solo noi in Italia. Mettono una bomba nella sala d’aspetto di una stazione, uccidono nella maniera più vigliacca possibile una valanga di bambini, donne, anziani. Non in un grado di giudizio, non un solo giudice, ma una marea di giudici fino alla Cassazione indicano in Francesca Mambro e Giusva Fioravanti gli esecutori materiali della strage. Il 23 novembre 1995 la Repubblica italiana certifica con il terzo grado di giudizio la sentenza definitiva di colpevolezza, nel 1998 la Mambro è già in semilibertà, Fioravanti poverino deve aspettare il 1999. Lo sapevate? Ve l’hanno mai detto? Ve lo immaginate che possa accadere negli Stati Uniti d’America o in qualsiasi paese civile che i condannati per la strage più grave della storia di quel paese, a tre anni dalla sentenza definitiva possano camminare liberi per il centro della capitale? Il tutto, attenzione, senza mai aver collaborato con la giustizia, avendo mantenuto sempre orgogliosamente le bocche cucite e forse il premio è arrivato proprio per questo.

Leggi tutto

Politica

Elezioni decisive per tutti

Mediante le elezioni siciliane di domenica prossima si misurerà l’intensità dell’avanzata possibile del centrodestra, la tenuta del progetto di governo del Movimento Cinque Stelle, la capacità del Partito democratico di reggere ai venti di tempesta che lo stanno devastando. In gioco ci sono le tre leadership: quella pluridecennale di Silvio Berlusconi, quella appena sancita di Luigi Di Maio e infine quella usurata in pochissimi anni zeppi di errori di Matteo Renzi. Ci sono poi evidentemente altre questioni politiche interessanti che saranno rese analizzabili da questo voto amministrativo: esiste uno spazio reale alla sinistra del Pd? L’estrema destra potrà coagularsi attorno a Casa Pound? Per i cattolici identitari è tempo di un nuovo protagonismo grazie al Popolo della Famiglia? A queste tre domande si risponderà prevalentemente a Roma, mentre il tema sulle tre principali leadership si squaderna prevalentemente in Sicilia. Ma proviamo ad affrontare i punti uno per volta.

Leggi tutto

Chiesa

Le ragioni della missione della Chiesa

È stato sollevato, una volta di più nei recentissimi giorni appena trascorsi, l’annoso dibattito sull’attualità della missione. Non di questa o quella, ma della Missione in sé, con la maiuscola: è un tema che appassiona soprattutto dal postconcilio in qua, e qualcuno vuole che il Santo Padre intenda rompere con la missiologia cattolica “quale la si è finora intesa”. Sembra difficile immaginarsi una simile deriva, in un membro di un ordine pieno di missionari. E infatti…

Leggi tutto

Politica

Osservazioni giuridiche sul voto responsabile

Pubblichiamo, non senza una qualche orgogliosa emozione, le annotazioni tecniche che una lettrice ha posto a margine delle considerazioni del presidente nazionale del Popolo della Famiglia. Le competenze giuridiche dell’autrice balzano all’occhio e avvalorano – se possibile – ancora di più le valutazioni politiche a cui fanno riferimento.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano