Politica

di Nathan Algren

Comete natalizie

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il coronografo Metis a bordo della sonda Solar Orbiter nella notte tra il 15 e il 16 dicembre ha acquisito delle immagini ravvicinate della cometa Leonard e della sua coda. Della Leonard si è parlato molto di recente ed è anche stata soprannominata la “cometa di Natale” vista la sua maggior luminosità, e quindi visibilità, nei nostri cieli proprio nel mese di dicembre.

Il nome formale della cometa è C/2021 A1 (Leonard) e deve il suo nomignolo a Gregory J. Leonard, l’astronomo statunitense che l’ha scoperta il 3 gennaio di quest’anno. La cometa è un oggetto di circa 1 km di diametro che transita per la prima volta all’interno del nostro sistema solare. Il 3 gennaio 2022 raggiungerà la minima distanza dal Sole, pari a 0.6 unità astronomiche, e poi proseguirà il viaggio sulla sua orbita iperbolica che la riporterà fuori dal sistema solare.
Nella sua fase di avvicinamento al Sole la cometa è passata a circa 40 milioni di km dalla sonda Solar Orbiter, una missione ESA/NASA progettata per lo studio del Sole. Gli strumenti a bordo di Solar Orbiter, tra cui il coronografo Metis di responsabilità italiana, hanno così avuto occasione di osservare la cometa.
Metis è stato realizzato dall’Agenzia spaziale italiana (Asi) in collaborazione con l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) e con il Cnr, diverse università italiane e istituti di ricerca sparsi in tutto il mondo.
Metis ha acquisito immagini della cometa su un intervallo temporale di circa 12 ore. “Le immagini sono state raccolte sia in luce visibile che in luce ultravioletta sfruttando i due canali dello strumento” ci dice Marco Romoli, il responsabile dello strumento dell’Università di Firenze, “una delle peculiarità di Metis è proprio la possibilità di osservare simultaneamente in queste due diverse bande”.
I ricercatori della sede di Padova dell’Istituto di Fotonica e Nanotecnologie, che hanno partecipato alla realizzazione e calibrazione di Metis, si sono occupati di predisporre le osservazioni della cometa. Per decidere come osservare la cometa con Metis, sono state prese in considerazione tutte le osservazioni fatte da terra in modo da predire l’evolversi della luminosità della cometa e della sua coda.
“Per pianificare le osservazioni della cometa con Metis abbiamo tenuto conto della distanza della cometa da Metis, della luminosità attesa, della sua distribuzione, delle dimensioni e posizione della chioma e fatto diverse simulazioni” ci dice Alain Corso ricercatore presso il Cnr-Ifn di Padova. “La cometa ha attraversato il campo di vista dello strumento in diagonale, con la coda di polvere e ioni della cometa che puntava in direzione di Metis.”
Nei giorni successivi, dal 17 al 19 dicembre, Solar Orbiter ha continuato a seguire l’evoluzione della cometa grazie alle immagini raccolte dallo strumento SoloHI.
Le immagini acquisite sono ora al vaglio dei ricercatori del team di Metis. Dall’elaborazione dei dati nel visibile, acquisti anche con diversi stati di polarizzazione, si possono ricavare informazioni sulla composizione della polvere della cometa, mentre le immagini nell’ultravioletto consentiranno di ricavare informazioni sul tasso di produzione dell’acqua.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/12/2021
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Kalenda

La Kalenda è termine derivato dal latino kalendae, che significa “primo giorno del mese” e anche “annuncio di una data”. Si riferisce a quell’annuncio (detto anche “Annuncio del Natale”), riportato nel Martirologio Romano, che, secondo indicazioni liturgiche, può essere proclamato o cantato, come spesso accade, all’inizio della Messa della notte di Natale (ma può essere anche collocato in altro modo, sempre seguendo le indicazioni liturgiche). Inizialmente la sua collocazione era diversa: infatti era inserita nell’Ufficio di Prima, eliminato dopo la riforma liturgica in seguito al Concilio Vaticano II; la Chiesa, però non ha voluto che andasse perduto questo tesoro tradizionale con cui la liturgia “annuncia” l’Incarnazione. In un certo senso può essere accostato all’Exultet della Veglia Pasquale, ma ha un significato diverso.
Accostandoci al ricco e prezioso testo di questo annuncio, possiamo notare come la Chiesa, fin dai primi secoli, abbia fermamente tenuto tale, ed esaltato attraverso parole umane, questo ingresso di Dio nel tempo dell’uomo, che è sì misterioso, e come tale sempre difficile da esprimere in linguaggio di uomini, ma anche autentico. Il testo è pieno di riferimenti importanti che non esaltano soltanto l’avvenimento in sé, la venuta nella carne, ma ne definisco anche la storicità e l’attualità.
La “Kalenda” o annuncio inizia ogni anno con un preciso riferimento temporale che riguarda l’oggi della storia degli uomini, con un rinvio al conto relativo alla luna. Quest’anno sarà la ventiseiesima luna. L’evento fondamentale nella relazione tra Dio e l’uomo ha sì conosciuto il suo farsi in un determinato momento della storia, ma l’annuncio dell’Incarnazione arriva anche nell’attualità dell’uomo di questo tempo, esprimendo – con questo particolare apparentemente senza importanza – che la portata salvifica non ha esaurito la sua carica umana tutta in quel singolo momento della storia, ma Cristo viene – anche oggi – per salvare noi uomini contemporanei a questa “ventiseiesima luna”.

Leggi tutto

Chiesa

Online il sussidio della Chiesa italiana per il Natale 2021

È online sul sito della Chiesa cattolica italiana il sussidio di riflessione e preghiera per il Natale del 2021, intitolato Dov’è colui che è nato?

Leggi tutto

Storie

Asteroide in rotta verso la Terra

Un asteroide delle dimensioni della Torre Eiffel si sta dirigendo verso la Terra a dicembre ma senza creare apprensioni (almeno secondo la NASA)

Leggi tutto

Chiesa

Lettera di Monsignor Andrea Bellandi per il Natale

In vista del Santo Natale il nostro Arcivescovo ha rivolto il proprio messaggio di auguri ai fedeli dell’Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, nella lettera S.E. Mons. Andrea Bellandi scrive: Viviamo in un “cambiamento d’epoca”, come più volte ha detto papa Francesco, ma spesso molti tra noi non ne hanno piena coscienza e il rischio è che, pur continuando ad usare parole cristiane, compiere gesti cristiani, appellarsi a valori cristiani – nella logica del “si è sempre fatto così” – questa tradizione risulti a molti sempre più vuota di contenuto e di esperienza reale (…)

Leggi tutto

Società

Quale neutralità?

Ritirate le linee guida per una comunicazione inclusiva» redatte dalla Commissione europea, dove si invitava a non utilizzare la parola “Natale

Leggi tutto

Chiesa

MYANMAR - Appello della Chiesa a deporre le armi

La Chiesa cattolica in Myanmar diffonde un generale appello a depore le armi e a fermare un conflitto civile che ha assunto la forma di “atrocità straziante e orribile”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano