Società

di Giuseppe Udinov

Siria: oltre 3.700 vittime nel 2021

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel 2021 sono morte 3.746 persone in Siria, il numero più basso dall’inizio del conflitto nel marzo 2011. In base ai dati forniti dall’Osservatorio siriano per i diritti umani (Sohr), ong con base nel Regno Unito e una fitta rete di corrispondenti sul territorio, sul totale delle vittime almeno 1.505 sono civili, fra i quali 360 bambini. Il resto è composto da militari dell’esercito siriano, jihadisti e membri delle fazioni ribelli tuttora in contrapposizione al governo di Damasco.

Nell’elenco vi sono comprese anche 297 persone rimaste uccise da mine anti-uomo e ordigni inesplosi rimasti nel sottosuolo. Un problema annoso retaggio della guerra e dell’ascesa dello Stato islamico (Si, ex Isis), che rappresenta una emergenza ancora attuale tanto in Siria quanto in Iraq.

Dai conteggi contenuti nel rapporto rilasciato dall’Osservatorio, nell’anno che si sta per concludere si è registrato il dato più basso in merito alle vittime. Lo scorso anno erano 6.800 e nel 2019 il bilancio superava le 10mila. La diminuzione, spiegano gli esperti, è dovuta a una serie di fattori fra i quali la fine dello scontro armato in diverse parti del Paese dopo la riconquista del territorio da parte dell’esercito regolare siriano, con l’aiuto dell’Iran e della Russia.

Nella provincia nord-occidentale di Idlib, sotto il controllo dei ribelli, è in vigore un fragile cessate il fuoco mediato da Russia e Turchia che ha permesso, nonostante ripetuti focolai di tensione, di contenere il numero dei morti in battaglia. La fragile tregua, sottoscritta nel marzo 2020, è stata rinnovata ed estesa per l’anno in corso.

I numeri in costante calo delle vittime vengono interpretati in modo positivo da alcuni governi, che considerano il Paese pacificato e sicuro, tanto da permettere il rientro dei milioni di profughi e rifugiati che lo hanno abbandonato negli anni più bui del conflitto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/12/2021
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Il covid e le verità cinesi

L’ennesima inquietante novità sul covid arrivano dalla Cina. “Alla fine del 2019” Zheng-Li Shi, “indiscussa leader mondiale degli esperimenti sui coronavirus dei pipistrelli” e a capo del Wuhan Institute of Virology, “individuò un dettaglio ben distinto nelle proteine di Sars-CoV2: fra la selva di aminoacidi si nascondeva un’arma letale” che “nessun altro coronavirus nella famiglia del Sars-CoV-2 possedeva in natura, mentre proprio i laboratori come il suo erano specializzati nell’inserimento artificiale, all’interno delle proteine dei virus, di quel potente meccanismo enzimatico per fini sperimentali

Leggi tutto

Società

Ideologia europea

Vi riportiamo le parole di padre Antonello Iapicca sull’Europa, la guerra e le radici cristiane spesso dimenticate.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Ucraina e Siria unite dal dolore

In una lettera inviata ai partecipanti al Convegno “La Chiesa come casa di carità - Sinodalità e coordinamento”, iniziato a Damasco, il Papa ricorda che nessuno dimentica la sofferenza della nazione mediorientale e che la sinodalità porta ad amare la Chiesa

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “bisogna fermare la guerra”

L’Osservatore Romano pubblica una sintesi dell’Intervista rilasciata dal Papa al quotidiano argentino La Nación

Leggi tutto

Società

Sfollati a quota 100 milioni

Più di 100 milioni di sfollati nel mondo. Questa la soglia record superata in queste settimane a causa della guerra in Ucraina che ha innescato la più rapida crisi migratoria dalla Seconda guerra mondiale. In meno di quattro mesi, quasi un terzo dei 44 milioni di abitanti ucraini sono fuggiti dalle proprie case.

Leggi tutto

Storie

UNICEF: quasi 1.000 bambini uccisi o feriti nella guerra in Ucraina

“Almeno 972 bambini in Ucraina sono stati uccisi o feriti dalla violenza da quando la guerra si è intensificata quasi sei mesi fa, una media di oltre cinque bambini uccisi o feriti ogni giorno. E queste sono solo le cifre che le Nazioni Unite hanno potuto verificare. Crediamo che il numero reale sia molto più alto”. È la denuncia lanciata oggi, 22 agosto, dal direttore generale dell’UNICEF, Catherine Russell.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano