Società

di Giuseppe Udinov

Siria: oltre 3.700 vittime nel 2021

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel 2021 sono morte 3.746 persone in Siria, il numero più basso dall’inizio del conflitto nel marzo 2011. In base ai dati forniti dall’Osservatorio siriano per i diritti umani (Sohr), ong con base nel Regno Unito e una fitta rete di corrispondenti sul territorio, sul totale delle vittime almeno 1.505 sono civili, fra i quali 360 bambini. Il resto è composto da militari dell’esercito siriano, jihadisti e membri delle fazioni ribelli tuttora in contrapposizione al governo di Damasco.

Nell’elenco vi sono comprese anche 297 persone rimaste uccise da mine anti-uomo e ordigni inesplosi rimasti nel sottosuolo. Un problema annoso retaggio della guerra e dell’ascesa dello Stato islamico (Si, ex Isis), che rappresenta una emergenza ancora attuale tanto in Siria quanto in Iraq.

Dai conteggi contenuti nel rapporto rilasciato dall’Osservatorio, nell’anno che si sta per concludere si è registrato il dato più basso in merito alle vittime. Lo scorso anno erano 6.800 e nel 2019 il bilancio superava le 10mila. La diminuzione, spiegano gli esperti, è dovuta a una serie di fattori fra i quali la fine dello scontro armato in diverse parti del Paese dopo la riconquista del territorio da parte dell’esercito regolare siriano, con l’aiuto dell’Iran e della Russia.

Nella provincia nord-occidentale di Idlib, sotto il controllo dei ribelli, è in vigore un fragile cessate il fuoco mediato da Russia e Turchia che ha permesso, nonostante ripetuti focolai di tensione, di contenere il numero dei morti in battaglia. La fragile tregua, sottoscritta nel marzo 2020, è stata rinnovata ed estesa per l’anno in corso.

I numeri in costante calo delle vittime vengono interpretati in modo positivo da alcuni governi, che considerano il Paese pacificato e sicuro, tanto da permettere il rientro dei milioni di profughi e rifugiati che lo hanno abbandonato negli anni più bui del conflitto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/12/2021
3006/2022
Ss. Primi martiri della Chiesa di Roma

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Africa: in crescita le spese militari

Le spese militari stanno indebolendo la capacità dei responsabili politici locali di effettuare investimenti pubblici in infrastrutture vitali per lo sviluppo economico e il miglioramento delle condizioni di vita delle loro popolazioni. Questo a sua volta genera malcontento e frustrazione specie tra i giovani, alcuni dei quali vanno ad alimentare i gruppi di guerriglia che operano nella regione.

Leggi tutto

Società

La nostra guerra continua

Giuseppe Bruno cerca di fare un po’ di chiarezza nell’ incandescente magma comunicativo che la guerra ha scatenato, Ecco le sue personali riflessioni

Leggi tutto

Chiesa

Sulla Consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria

Il 25 marzo 2022 il Santo Padre ha fatto la consacrazione alla Madonna della Russia e dell’Ucraina.

Leggi tutto

Politica

LA FORZA DEL PERDONO, LA SPERANZA DEL FUTURO

Domani conferenza a Sulbiate per ricordare i martiri di Nassiriya un giorno che ha sconvolto il mondo ed ha lasciato il segno nel cuore di tantissimi italiani!

Leggi tutto

Storie

Inps risparmia più di un miliardo grazie alla pandemia

Il triste bilancio 2021 della pandemia: saranno 11,9 i miliardi risparmiati nel decennio a causa delle morti causate dalla pandemia

Leggi tutto

Politica

CHE FASTIDIO CHE PROVO

Mario Adinolfi: Che fastidio che provo per questi pacifinti che vanno in piazza con la bandiera arcobaleno e intanto godono per ogni immagine di tank russo in fiamme con attorno ucraini esultanti con gli Ak47 da noi forniti innalzati al cielo a sparare raffiche di gioia…..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano