Storie

di Tommaso Ciccotti

SIRIA: Il monastero di Mar Elian, devastato dai jihadisti, potrà rinascere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’antico Monastero di Mar Elian, situato alla periferia della città siriana di Quaryatayn, e che nel 2016 era stato devastato e profanato dai miliziani jihadisti, potrebbe presto tornare a essere un luogo di preghiera e di pace per i cristiani siriani e anche per i loro compagni di destino musulmani. Lo annuncia con gioia, nei giorni del tempo di Natale, padre Jacques Mourad, il monaco della comunità di Deir Mar Musa che proprio a Mar Elian fu sequestrato il 21 maggio 2015 da un commando di jihadisti del sedicente Stato Islamico, e visse lunghi mesi di prigionia, dapprima in isolamento e poi insieme a più di 150 cristiani di Qaryatayn, presi anche loro in ostaggio nei territori allora conquistati dal Califfato nero.

La rinascita del Monastero di Mar Elian – riferisce padre Jacques nel messaggio inviato anche all’Agenzia Fides – sarà resa possibile grazie a un accordo intercorso tra l’arcieparchia siro-cattolica di Homs, Hama e Nabk e la Comunità monastica di Deir Mar Musa, fondata da padre Paolo Dall’Oglio, il gesuita romano di cui si sono perse le tracce il 29 luglio 2013, mentre si trovava a Raqqa, a quel tempo capitale siriana di Daesh.
Nel suo messaggio, padre Mourad chiede a tutti di pregare affinché in questo momento anche i parrocchiani di Qaryatayn sappiano discernere quale è “la volontà di Dio per il futuro di questa zona geografica importante della Siria, il nostro Paese”.

Il piano di rinascita di Mar Elian, descritto a grandi linee dal monaco di Deir Mar Musa, prevede in un primo momento la ripiantumazione di vigneti e uliveti sui terreni intorno al monastero, insieme alla ricostruzione dei muri di cinta e delle porte di accesso. Poi si cercherà di favorire il ritorno a Qaryatayn dei cristiani che vi abitavano e che sono stati costretti a fuggire durante la guerra, sostenendo la ricostruzione delle loro case, il rilancio delle coltivazioni e delle attività che garantivano la loro indipendenza economica prima che tutto fosse stravolto dal conflitto. Se questa prima fase procederà per il meglio, si passerà alla ricostruzione vera e propria del monastero e della chiesa parrocchiale, riavviando anche le opere di recupero archeologico intorno alla tomba del Santo, “cosa che non sarà facile dopo le devastazioni subite”.

Attualmente, nell’area di Qaryatayn vivono meno di 10mila musulmani, mentre i cristiani sono solo 26. Ma esperienze analoghe, come quelle dei cristiani tornati almeno in parte nei villaggi iracheni della Piana di Ninive – da dove erano fuggiti davanti all’avanzare delle milizie jihadiste – incoraggia “a seguire i loro passi”, e a non arrendersi ai processi che stanno spegnendo in interi Paesi del Medio Oriente la presenza di comunità cristiane autoctone.

Negli anni precedenti il conflitto, l’antico Santuario di Mar Elian, risalente al V secolo, era stato affiliato alla Comunità monastica di Deir Mar Musa e aveva conosciuto un tempo di rifioritura, circondato anche dalla simpatia della prevalente popolazione musulmana. Sotto la guida di padre Jacques Mourad, che allora vi svolgeva la funzione di Priore. Poi, nel febbraio 2015, padre Jacques era stato rapito dai jihadisti, che nell’agosto successivo avevano preso il controllo dell’intera zona. Fin dai primi giorni dell’occupazione jihadista, la tomba di Mar Elian era stata brutalmente profanata, per cancellare quello che anche ai agli occhi degli affiliati allo Stato Islamico rappresentava il cuore del complesso monastico. Ma le reliquie di Mar Elian, sparse intorno al sepolcro del Santo, non erano andate perdute: in particolare, le ossa del Santo erano state ritrovate, raccolte e trasferite sotto custodia a Homs nell’aprile 2016, dopo la fine dell’occupazione jihadista della zona.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/12/2021
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Chiesa

La mattinata americana e l’udienza di Papa Francesco

Dopo l’incontro con la famiglia presidenziale Usa, il Santo Padre ha incontrato il popolo in Piazza.

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

Santa Giacinta veggente di Fatima

La breve vita di Giacinta trascorse legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.
Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano