Chiesa

di Nathan Algren

Vescovi spagnoli: accompagnare i sofferenti, non ucciderli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una “pratica molto lontana dal compito più essenziale della medicina, che è sempre quello di curare e, quando questo non è possibile, curare e alleviare il dolore”. Così viene definita l’eutanasia nel testo per la formazione degli operatori della Pastorale della Salute, in formato domanda e risposta, elaborato dall’arcidiocesi spagnola di Siviglia, e ritenuto “necessario” da Manuel Sánchez de Heredia, delegato diocesano per la Pastorale della Salute, per fornire alcune conoscenze di base in merito. L’organismo cattolico denuncia innanzitutto come, in questo momento storico, in cui “la medicina offre alternative, come mai prima, per curare e assistere i malati nell’ultima fase della loro vita”, sia “particolarmente contraddittorio difendere l’eutanasia”.

Il documento, dunque, che si basa sul testo “Seminatori di speranza”, pubblicato dalla Conferenza episcopale spagnola nel 2019, spiega quello di cui ha veramente bisogno “chi soffre e affronta la fine di questa vita”, e cioè “di essere accompagnato, protetto e aiutato a rispondere alle domande fondamentali dell’esistenza, ad affrontare la sua situazione con speranza, a ricevere cure con competenza tecnica e qualità umana”, nonchè “essere accompagnato dalla sua famiglia e dai suoi cari e ricevere consolazione spirituale”. Quindi, alla luce di tutto questo, “il suicidio assistito e l’eutanasia non forniscono soluzioni per la persona sofferente”. Entrambe le pratiche, infatti – continua il documento - “includono la possibilità di scartare il malato” e mostrano “una falsa compassione di fronte alla richiesta di aiuto per anticipare la morte”. La Pastorale della Salute sottolinea come non esista nella società un vero dibattito sociale sull’eutanasia e il suicidio assistito, ma esistano invece diverse campagne di propaganda a loro favore, e ci si trovi di fronte ad “un concetto di libertà concepito come volontà assoluta svincolata dalla verità sul bene”.

Dinanzi a coloro che sostengono che l’eutanasia allevi “l’insopportabile sofferenza” dei malati, il delegato diocesano per la Pastorale della Salute risponde che “l’esperienza clinica dimostra a sufficienza che la soluzione non è l’eutanasia, ma un’assistenza adeguata, umana e professionale”, che poi è l’obiettivo delle cure palliative. A chi sostiene, invece, che essa sia una pratica compassionevole, dal momento che molti malati sentono di essere un peso per gli altri e che la loro vita sia priva di dignità in quanto non autonoma, egli obietta che “deve essere soppresso il dolore e non il paziente”, e che “la vera compassione è di un altro genere”

Facendo quindi riferimento al termine, spesso utilizzato, di “morte dignitosa” associata alla qualità della vita, Sánchez de Heredia sottolinea come in questo modo si potrebbe pensare che la qualità della vita valga più della vita stessa. Infine, in riferimento all’autonomia del paziente, Sánchez de Heredia osserva come nel caso di una malattia grave o terminale, la persona non sia sempre libera di fare una scelta, perché condizionata dalla sua situazione, dai farmaci, dal dolore e dalla sofferenza, nonché da altre circostanze che ne limitano la capacità di prendere delle decisioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/12/2021
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

Società

Ciascuno deve scegliere per se

In realtà l’#alleanza terapeutica esiste già, in Italia, e funziona. Ecco perché il biotestamento non ha altro scopo che quello di alleggerire i parenti e lo Stato.

Leggi tutto

Società

Il CAV e l’ombra dell’aborto: il curioso caso di Bergamo

Escluso dal tavolo dei relatori di sabato il presidente FederVita Paolo Picco. La difesa del PdF locale. A Bergamo si è consumato un vergognoso assalto totalitario, in cui un gruppo di pressione ha disposto a proprio piacimento di un organo del Consiglio Comunale, con la connivenza dell’amministrazione Gori, che non si è fatta problemi ad accettare la proposta di sostituzione di Paolo Picco con l’assessore alla Coesione Sociale Maria Carolina Marchesi.

Leggi tutto

Chiesa

INDIA - I Vescovi si oppongono alla legge anti-conversione

I dieci Vescovi cattolici dello stato del Karnataka, nel Sud dell’India, hanno espresso al Primo ministro dello stato, Basavaraj Bommi, profonda preoccupazione per una proposta di legge che intende vietare le conversioni religiose nello stato.

Leggi tutto

Società

Sul filo del rasoio

Una riflessione sui momenti di debolezza e sconforto che tutti noi abbiamo. Arriva il momento in cui vediamo tutto nero e veniamo sopraffatti dal dolore. Arriviamo a un punto in cui non abbiamo più margini di manovra per affrontare le difficoltà e le traversie che incontriamo nel nostro percorso. Lì accadde qualcosa che ribalta tutto, accettiamo la nostra debolezza; le difese si abbassano e possiamo far esplodere le nostre emozioni. Da lì, come liberati da un macigno che ci faceva affondare, possiamo ripartire con un nuovo Spirito. Siamo di nuovo pronti ad affrontare la vita e riprendere a vivere, consapevoli che corriamo sul filo del rasoio; però sappiamo che non siamo mai soli.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano