Chiesa

di Nathan Algren

Vescovi spagnoli: accompagnare i sofferenti, non ucciderli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una “pratica molto lontana dal compito più essenziale della medicina, che è sempre quello di curare e, quando questo non è possibile, curare e alleviare il dolore”. Così viene definita l’eutanasia nel testo per la formazione degli operatori della Pastorale della Salute, in formato domanda e risposta, elaborato dall’arcidiocesi spagnola di Siviglia, e ritenuto “necessario” da Manuel Sánchez de Heredia, delegato diocesano per la Pastorale della Salute, per fornire alcune conoscenze di base in merito. L’organismo cattolico denuncia innanzitutto come, in questo momento storico, in cui “la medicina offre alternative, come mai prima, per curare e assistere i malati nell’ultima fase della loro vita”, sia “particolarmente contraddittorio difendere l’eutanasia”.

Il documento, dunque, che si basa sul testo “Seminatori di speranza”, pubblicato dalla Conferenza episcopale spagnola nel 2019, spiega quello di cui ha veramente bisogno “chi soffre e affronta la fine di questa vita”, e cioè “di essere accompagnato, protetto e aiutato a rispondere alle domande fondamentali dell’esistenza, ad affrontare la sua situazione con speranza, a ricevere cure con competenza tecnica e qualità umana”, nonchè “essere accompagnato dalla sua famiglia e dai suoi cari e ricevere consolazione spirituale”. Quindi, alla luce di tutto questo, “il suicidio assistito e l’eutanasia non forniscono soluzioni per la persona sofferente”. Entrambe le pratiche, infatti – continua il documento - “includono la possibilità di scartare il malato” e mostrano “una falsa compassione di fronte alla richiesta di aiuto per anticipare la morte”. La Pastorale della Salute sottolinea come non esista nella società un vero dibattito sociale sull’eutanasia e il suicidio assistito, ma esistano invece diverse campagne di propaganda a loro favore, e ci si trovi di fronte ad “un concetto di libertà concepito come volontà assoluta svincolata dalla verità sul bene”.

Dinanzi a coloro che sostengono che l’eutanasia allevi “l’insopportabile sofferenza” dei malati, il delegato diocesano per la Pastorale della Salute risponde che “l’esperienza clinica dimostra a sufficienza che la soluzione non è l’eutanasia, ma un’assistenza adeguata, umana e professionale”, che poi è l’obiettivo delle cure palliative. A chi sostiene, invece, che essa sia una pratica compassionevole, dal momento che molti malati sentono di essere un peso per gli altri e che la loro vita sia priva di dignità in quanto non autonoma, egli obietta che “deve essere soppresso il dolore e non il paziente”, e che “la vera compassione è di un altro genere”

Facendo quindi riferimento al termine, spesso utilizzato, di “morte dignitosa” associata alla qualità della vita, Sánchez de Heredia sottolinea come in questo modo si potrebbe pensare che la qualità della vita valga più della vita stessa. Infine, in riferimento all’autonomia del paziente, Sánchez de Heredia osserva come nel caso di una malattia grave o terminale, la persona non sia sempre libera di fare una scelta, perché condizionata dalla sua situazione, dai farmaci, dal dolore e dalla sofferenza, nonché da altre circostanze che ne limitano la capacità di prendere delle decisioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/12/2021
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

PER UNA SERIE CAOTICA, TUMULTUOSA E EMOZIONANTE DI RAGIONI

Sulla stessa prima pagina su cui oggi Antonio Polito ha scritto ogni genere d’insulto ai danni di chi si batte contro l’aborto (“destra texana illiberale”), il 19.1.1975 Pier Paolo Pasolini scriveva: “Sono contro l’aborto. Sono traumatizzato, è la legalizzazione dell’omicidio”. In pratica, le stesse parole di Papa Francesco.

Leggi tutto

Chiesa

CAMMINANDO CON IL BEATO ROSARIO ANGELO LIVATINO

Tre giorni di grazia e speranza nella nostra piccola Ravanusa. Un momento straordinario che ci ha messo di fronte alla vita vera. Quella vita che deve profumare di Vangelo.

Leggi tutto

Politica

Non si vessano le famiglie

Draghi ha detto che sarà “un Natale normale solo per i vaccinati”. Non è una bella frase, è molto divisiva e anche un pizzico provocatoria. Il Popolo della Famiglia chiede con fermezza che almeno per i lavoratori i tamponi siano gratuiti. Non si vessano le famiglie.

Leggi tutto

Società

L’Ema autorizza Novavax

Via libera degli esperti in Europa al vaccino prodotto dalla casa farmaceutica statunitense Novavax. E ‘l’unico vaccino degno di tale appellativo perché il primo
(e l’unico) tra quelli autorizzati a rispondere a requisiti di tipo tradizionale

Leggi tutto

Chiesa

Colombia: appello della Chiesa contro le violenze

Nel Paese latino americano si registra, dall’accordo di pace del 2016, una recrudescenza della violenza, con vittime in particolare tra gli attivisti per i diritti umani.

Leggi tutto

Chiesa

Appello dei Vescovi: Il Perù necessita di stabilità

Il 6 giugno 2021 Pedro Castillo, leader di estrema sinistra, ha vinto il ballottaggio per la Presidenza della Repubblica superando di pochi voti la sua avversaria Keiko Fujimori, candidata della destra tradizionale, figlia dell’ex Presidente e dittatore del Perù. La spaccatura ha portato all’instabilità e all’ingovernabilità del paese, con accuse di incapacità al Presidente Castillo, che ha cambiato quattro volte i membri del suo gabinetto. In questo periodo i Vescovi hanno più volte sottolineato la necessità di superare la situazione di crisi che investe il paese in diversi campi, invitando a unirsi per il bene comune

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano