Società

di Giuseppe Udinov

Aziende alla prova del covid

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le grandi imprese si sono rivelate meno solide all’impatto della pandemia. Nel 2020, le aziende con oltre 250 dipendenti hanno registrato un calo del fatturato del -11,2% a fronte delle medie, quelle tra 50 e 249 dipendenti, che hanno evidenziato una maggiore resilienza, con una flessione del fatturato a -7,6%. Il dato emerge dall’Osservatorio della Fondazione Nazionale dei Commercialisti che ha analizzato l’impatto dell’emergenza da Covid-19 nel 2020 su oltre 600.000 bilanci delle società di capitali. Lo studio evidenzia come la crisi sia diversificata a seconda del territorio, della classe dimensionale e del settore di attività economica.

Nell’identikit elaborato dai commercialisti emerge come il volume complessivo dei ricavi sia diminuito del - 9,9% con una maggiore sofferenza delle Spa che hanno evidenziato una contrazione del -11,2%, rispetto alle Srl, in diminuzione del-8,5%.
A livello geografico, il decremento del fatturato è più contenuto al Sud (-7%) rispetto al Nord (Nordest -8,1% e Nordovest -9,5%), mentre è il Centro l’area con il passivo maggiore (-14,5%). Un risultato dovuto, essenzialmente, al fatto che le imprese di maggiori dimensioni, quelle più colpite dalla crisi, hanno la propria sede legale nel Lazio.

Lo studio analizza poi l’impatto della crisi nei vari settori produttivi. Ad eccezione del comparto dei servizi alla persona (+39,8%) e dell’information technology (+5,7%), la pandemia si è abbattuta duramente su arte e cultura (-55,8%), ristoranti e alberghi (-44,3%), attività sportive (-39,1%), lotterie e giochi (-26,1%), mentre le costruzioni hanno contenuto la flessione (-5,4%). Se, invece, guardiamo al valore aggiunto, il calo maggiore si è avuto nel settore ristoranti e alberghi (-53,2%), seguito da lotterie e gioco (-36,4%), dalle industrie estrattive (-31,3%) e dalle attività sportive (-26,7%).
La contrazione del fatturato si è inevitabilmente trasmessa al risultato di esercizio provocando un forte incremento delle società che a fine 2020 hanno chiuso il bilancio in perdita. Si è avuto, infatti, un aumento di 6,6 punti percentuali della quota di società che hanno dovuto registrare una perdita nel bilancio 2020: dal 26,4% del 2019 al 33% del 2020. Nonostante ciò, il grado di patrimonializzazione delle società di capitali analizzate, misurato dal rapporto tra il patrimonio netto e il totale attivo di bilancio, si è incrementato passando dal 40 al 41,7%.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/12/2021
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Green pass: lo stato di emergenza scade il 31 dicembre: in arrivo la proroga

Lo stato d’emergenza e il Green pass scadono il 31 dicembre 2021, ma, vista la situazione dei contagi in risalita, non è escluso che il governo scelga di prorogarli fino al 2022.

Leggi tutto

Media

Aifa, via libera pillola Pfizer

Dalla prima settimana febbraio. Terapia entro 5 giorni dai sintomi. Il farmaco alle Regioni dalla prossima settimana a 11.200 pazienti

Leggi tutto

Chiesa

Covid, le nuove indicazioni della CEI

Nuovi consigli della CEI in vista dell’allentamento delle misure anti-Covid da parte del Governo Italiano.

Leggi tutto

Società

Haiti: siamo alla catastrofe umanitaria

Nel Paese caraibico continua un clima infuocato per la rabbia sociale che si scatena in saccheggi ovunque.

Leggi tutto

Storie

MYANMAR - Crisi umanitaria

La crisi unitaria attanaglia il Myanmar. Oltre 1,4 milioni di persone sono sfollate in tutto il paese, a causa del conflitto civile in corso. Gli scontri armati, aggravati da rigide misure di sicurezza, restrizioni di accesso e minacce contro gli operatori umanitari, continuano a ostacolare le operazioni umanitarie in tutto il Myanmar, afferma l’Ufficio ONU per il Coordinamento degli Affari umanitari (OCHA).

Leggi tutto

Storie

Donne Chiesa Mondo

Sul numero di maggio del mensile de L’Osservatore Romano, che esce sabato 6 aprile, la storia di sei detenute che lavorano e pregano come una comunità monastica in un carcere texano

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano