Società

di Roberto Signori

Norme anti-covid, le famiglie rinunciano al cinema

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il super green pass introdotto prima di Natale, che ha vietato l’accesso ai tamponati, ha influito sicuramente sul calo degli ingressi al cinema, ma, secondo i gestori delle sale, a incidere di più sono stati altri due fattori: primo, il terrorismo esercitato dalle tivù, e, secondo, il divieto di consumazione all’interno delle stesse sale. La paura di contrarre la nuova variante Omicron e il non poter sgranocchiare pop corn o bere una bibita mentre si guarda il film insieme a tutta la famiglia avrebbe convinto gli appassionati del grande schermo a restare a casa, davanti alla tivù, magari guardando le ultime novità sulle piattaforme televisive. A confermarcelo è stato Maurizio Paganelli, gestore di cinque sale cinematografiche: l’Aladdin di Cesena, il Cineflash di Forlimpopoli, l’Astoria, il Saffi di Forlì e una sala a Ferrara.

“Il calo che abbiamo registrato oscilla tra il 65 e il 75% rispetto allo stesso periodo del 2020 - spiega Paganelli -. E’ un disastro annunciato. Annunciato perché ormai è chiaro a tutti che ai nostri politici interessa poco o nulla della cultura. Altrimenti non sarebbe spiegabile un trattamento così differente tra la nostra attività e quella dei ristoranti. Perché in un ristorante, dove si trovano decine e decine di persone nel giro di pochi metri quadrati e i soffitti sono sicuramente più bassi (quindi circola meno aria) si può mangiare mentre in una sala cinematografica, dove attualmente c’è una persona ad almeno 2 metri dall’altra e c’è un ricambio di aria continuo, non si può nemmeno bere una coca cola? Questo me lo devono spiegare altrimenti non lo capisco”.

“Invece, grazie anche a questi nuovi decreti e al terrorismo dei media, il messaggio che passa è che i ristoranti sono sicuri, i cinema no - attacca -. Vi assicuro che non è così negli altri Paesi. In Russia e in Inghilterra, dove sono stato per presentare il mio film “Est” nelle ultime settimane, le notizie sul covid, nonostante i numeri di contagi fossero più alti che in Italia, sono notizie sempre secondarie. Non ci aprono tutti i giorni il telegiornale come, invece, facciamo noi in Italia. La paura che inoculano ai cittadini più le prescrizioni incomprensibili scritte da persone che non vanno al cinema e non amano la cultura, diventano un connubio esplosivo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/12/2021
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Società

La famiglia, sola barriera contro la mercificazione dell’uomo

Non solo la natalità biologica, ma pure la genitorialità adottiva è in caduta libera. Vediamo perché...........................

Leggi tutto

Politica

Don Minzoni e il tema del metodo

La questione del “concordare in sostanza ma non condividere il metodo” ha infiammato la diatriba infra-cattolica, nei giorni scorsi, a partire dalla presa di distanza del cardinale Parolin rispetto al WCF di Verona. Un vero e proprio “magistero di metodo”, per l’azione politica, si trova nella grande e lunga vicenda popolare italiana, che ha costruito uno stile umile e moderato, ma insieme radicale

Leggi tutto

Politica

DIRITTI SOCIALI vs I FALSI DIRITTI CIVILI

Eccoci qua, ennesima domenica elettorale per il Popolo della Famiglia, che cade nell’anniversario del nostro incontro del 17 ottobre 2018 con Papa Francesco in San Pietro: urne aperte a Torino per cercare l’impresa di dare alla città il primo sindaco non di sinistra da quando esiste l’elezione diretta, siamo schierati anche a Spoleto e a San Benedetto del Tronto con analoga aspettativa.

Leggi tutto

Politica

ASSEGNO UNICO: DI MATTEO (PDF), “MEGLIO IL QUOZIENTE FAMILIARE”

Nicola Di Matteo, vicepresidente e coordinatore nazionale del Popolo della Famiglia (PdF), a proposito della prossima attivazione dell’assegno unico e universale per ogni figlio, sottolinea le problematiche di questa misura e indica le alternative e i correttivi che aiuterebbero realmente e in modo significativo le famiglie con figli:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano