Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Messico: “In questo anno 2022 siamo matite nelle mani di Dio”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“In questo anno 2022 siamo matite nelle mani di Dio. Lui può scrivere dritto sulle linee storte della pandemia, della malattia e della sofferenza; Lui può scrivere con la nostra collaborazione le sue parole che danno vita e vita in abbondanza”. Si rivolge a malati, medici, infermieri, volontari e operatori pastorali sanitari con le parole di Santa Teresa di Calcutta - “Cerchiamo di essere matite nelle mani di Dio” – Monsignor Roberto Yenny García, Vescovo di Ciudad Valles, Responsabile della Pastorale della Salute della Conferenza Episcopale Messicana, in un messaggio per il nuovo Anno.

“Ora che stiamo per iniziare un nuovo anno – scrive il Vescovo -, ricordiamoci che il futuro non è una sorta di libretto in cui siamo attori che ripetono una sceneggiatura che qualcun altro ha scritto. Al contrario, ogni anno ci sono trecentosessantacinque pagine, in cui siamo come matite che scrivono la nostra biografia, giorno per giorno”. Monsignor Yenny García invita quindi a superare i condizionamenti della realtà che ci limitano, restando sempre aperti “alla nostra creatività e alle libere decisioni”.

Rivolgendosi ai fratelli malati e anziani, “con grandi limitazioni nella loro mobilità, in mezzo a dolori e cure difficili”, che sembrerebbero non avere altra prospettiva che quella di lasciarsi andare, il Vescovo raccomanda: “in realtà potete e dovete prendere decisioni, avete la libertà di dare un senso o uno scopo alla vostra condizione o malattia, trovando, per esempio, un motivo per ringraziare chi si prende cura di voi, per esercitare la pazienza, per offrire a Dio la vostra sofferenza, per dare a tutti noi una lezione di gioia cristiana in mezzo alle avversità”.

Continuando con la metafora della matita, il Vescovo invita poi tutti i medici, infermieri e operatori sanitari, a fare la punta alla loro matita, perché “oltre a un trattamento professionale, facciano crescere la loro matita nella spiritualità e rendano il loro servizio un accompagnamento curativo e umanizzante”. “Come matite che scriveranno sulle nostre pagine del 2022, possiamo anche decidere di unire la nostra volontà di condividere uno scopo: quello di Dio”.

Agli operatori pastorali del mondo sanitario, sacerdoti, religiosi e laici, il Vescovo pone una domanda: “siete disposti ad essere una matita nelle mani di Dio, perché scriva con voi messaggi di amore, di fraternità e di speranza per i malati, per coloro che si prendono cura di loro e per tutti coloro che soffrono?” Se la risposta è sì, prosegue, avvicinatevi a Dio: “sia Lui ad ispirarvi quotidianamente a scrivere – nel vostro stile – cose belle con le vostre parole, i vostri atteggiamenti e le vostre azioni a favore dei malati e di tutti coloro che soffrono”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/01/2022
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Storie

Sul filo del rasoio

Sei abituato a viaggiare sul filo del rasoio… e a volte oltre. Questo, però, ti fa sentire vivo. I graffi e le cicatrici che hai te lo ricordano molto concretamente. Gli ematomi, le ferite e le fratture fanno male ma sono parte integrante del gioco… sono la vita. Senza di loro non conosceresti i tuoi limiti e penseresti di
essere invincibile… di essere il dio della tua vita.

Leggi tutto

Società

Nigeria: violenza senza fine

“Ma come si può predicare l’amore in un Paese dove la violenza è diventata una regola?” si chiede Monsignor Godfrey Igwebuike Onah, Vescovo di Nsukka, nello Stato di Enugu (Nigeria sud-orientale), dicendosi sconvolto per l’uccisione avvenuta il 12 maggio della giovane studentessa Deborah Samuel per mano di una folla inferocita che l’accusava di blasfemia nei confronti del Profeta Mohammed

Leggi tutto

Media

Il manuale d’imperfezione e resistenza firmato Costanza Miriano

Spiritualità nell’era del web, comunione dei santi all’età della connessione perpetua, digiuno e preghiera. I temi dell’ennesimo libro della giornalista perugina cadono sul mercato come una doccia nel deserto, raccogliendo i lettori in quella grande famiglia che l’autrice stessa chiama “compagnia dell’Agnello”

Leggi tutto

Storie

Brosio: Brosio: Scellerato pensare di liberare ospedali con iniezione letale

‘L’aborto per me è uno dei più grossi crimini - sottolinea il giornalista - c’è una ideologia che fa capo alla religione cristiana che dice che un bambino è frutto della volontà di Dio e un’altra che crede invece che il bambino sia una decisione della madre. Stessa cosa per l’eutanasia. Ormai sembra di assistere a un disegno preordinato dove l’uomo si sostituisce a Dio’‘.

Leggi tutto

Storie

ODE A DIEGO ARMANDO MARADONA

Ho letto che da qualche giorno, il 23 ottobre, Pelè ha compiuto ottant’anni e che tra qualche giorno, il 30 ottobre, Diego Armando Maradona ne compirà sessanta. Non so se avremo un’altra occasione con la cifra tonda per celebrarli entrambi in vita e non so neanche dire se sia più facile che Pelè non arrivi ai novanta che piuttosto Maradona non arrivi ai settanta. So per certo però che ora possiamo congratularci e sorridere con lor

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano