Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Messico: “In questo anno 2022 siamo matite nelle mani di Dio”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“In questo anno 2022 siamo matite nelle mani di Dio. Lui può scrivere dritto sulle linee storte della pandemia, della malattia e della sofferenza; Lui può scrivere con la nostra collaborazione le sue parole che danno vita e vita in abbondanza”. Si rivolge a malati, medici, infermieri, volontari e operatori pastorali sanitari con le parole di Santa Teresa di Calcutta - “Cerchiamo di essere matite nelle mani di Dio” – Monsignor Roberto Yenny García, Vescovo di Ciudad Valles, Responsabile della Pastorale della Salute della Conferenza Episcopale Messicana, in un messaggio per il nuovo Anno.

“Ora che stiamo per iniziare un nuovo anno – scrive il Vescovo -, ricordiamoci che il futuro non è una sorta di libretto in cui siamo attori che ripetono una sceneggiatura che qualcun altro ha scritto. Al contrario, ogni anno ci sono trecentosessantacinque pagine, in cui siamo come matite che scrivono la nostra biografia, giorno per giorno”. Monsignor Yenny García invita quindi a superare i condizionamenti della realtà che ci limitano, restando sempre aperti “alla nostra creatività e alle libere decisioni”.

Rivolgendosi ai fratelli malati e anziani, “con grandi limitazioni nella loro mobilità, in mezzo a dolori e cure difficili”, che sembrerebbero non avere altra prospettiva che quella di lasciarsi andare, il Vescovo raccomanda: “in realtà potete e dovete prendere decisioni, avete la libertà di dare un senso o uno scopo alla vostra condizione o malattia, trovando, per esempio, un motivo per ringraziare chi si prende cura di voi, per esercitare la pazienza, per offrire a Dio la vostra sofferenza, per dare a tutti noi una lezione di gioia cristiana in mezzo alle avversità”.

Continuando con la metafora della matita, il Vescovo invita poi tutti i medici, infermieri e operatori sanitari, a fare la punta alla loro matita, perché “oltre a un trattamento professionale, facciano crescere la loro matita nella spiritualità e rendano il loro servizio un accompagnamento curativo e umanizzante”. “Come matite che scriveranno sulle nostre pagine del 2022, possiamo anche decidere di unire la nostra volontà di condividere uno scopo: quello di Dio”.

Agli operatori pastorali del mondo sanitario, sacerdoti, religiosi e laici, il Vescovo pone una domanda: “siete disposti ad essere una matita nelle mani di Dio, perché scriva con voi messaggi di amore, di fraternità e di speranza per i malati, per coloro che si prendono cura di loro e per tutti coloro che soffrono?” Se la risposta è sì, prosegue, avvicinatevi a Dio: “sia Lui ad ispirarvi quotidianamente a scrivere – nel vostro stile – cose belle con le vostre parole, i vostri atteggiamenti e le vostre azioni a favore dei malati e di tutti coloro che soffrono”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/01/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: ecumenismo è ascolto comunitario

Papa Francesco ha ricevuto in udienza i partecipanti al pellegrinaggio ecumenico “Con Lutero dal Papa” proveniente dalla Germania, con il motto “Meglio tutti insieme” auspicando per la Chiesa “disponibilità all’ascolto”,

Leggi tutto

Storie

Argentina - Il Vescovo di Moron contro le droghe

L’Osservatorio sul divario sociale dell’Università Cattolica Argentina (Uca) ha rilevato che a fine 2021, su un campione di 5.680 famiglie, il 23% segnalava la presenza di vendita di droga nell’isolato o nel quartiere in cui vive. Una percentuale che sale al 30% nelle zone urbane al di fuori della capitale.

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Giù la maschera”

E’ un invito a cercare ogni giorno la verità di Gesù, la riflessione di Papa Francesco prima della recita dell’Angelus, dalla finestra dello studio nel Palazzo apostolico, nell’ultima domenica dell’Anno liturgico.

Leggi tutto

Storie

La libertà dei figli di Dio

Spesso l’ambiente che ci circonda giudica e spara sentenze senza conoscere la realtà. Ci si fa un’idea senza sapere e si etichettano le persone. Cadere nel moralismo e nel paternalistico è un attimo. Fortunatamente ci sono persone che ci parlano con delicatezza ed amore fraterno; il Signore le mette sulla nostra strada per aiutarci ma senza obbligarci o costringerci… Sono una specie di angeli custodi aggiunti. Inoltre possiamo sperimentare la libertà dei figli di Dio che ci permette di non avere paure di niente e nessuno, a patto, però, di rimanere in Cristo. In Lui siamo protetti dalla Sua Corazza indistruttibile. Nulla può ferirci ed ucciderci.

Leggi tutto

Chiesa

Pedofilia “nemico carissimo” del nostro mondo. Intervista a Don Di Noto

Il noto sacerdote siciliano, fondatore e direttore dell’Associazione Meter, fa il punto sul rapporto ambiguo della nostra società con l’abuso infantile.Abbiamo paura dei bambini. E’ una società pedofobica, ha paura dei bambini. Li erotizza, li diseduca nel campo della sessualità. Fa di tutto per dimenticarsi dei bambini. Papa Francesco più volte ha ribadito che una società senza bambini è impossibile. Loro non hanno la doppiezza di noi adulti. Una società senza bambini, diceva ancora Francesco, è triste e grigia Il bambino ha il diritto di crescere secondo i tempi dettati dallo sviluppo naturale del suo copro legato a quello psichico, senza forzature esterne che lo portino a pensare e ad agire in un modo contrario a questo sviluppo. Altrimenti nel nome di un diritto del bambino da rispettare, gli si fa violenza.
Non è solo una convinzione, ma un dato di fatto: usare l’educazione sessuale per dominare un bambino è facilissimo ed è la massima violenza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano