Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Nel 2021 uccisi nel mondo 22 missionari

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Pessimo bilancio quello del 2021 appena concluso: 22 missionari uccisi in tutto il mondo: si tratta – si legge nel dossier realizzato dall’Agenzia Fides – di 13 sacerdoti, 1 religioso, 2 religiose e 6 laici. Il numero più elevato di uccisioni si registra in Africa, dove sono stati assassinati 11 missionari (7 sacerdoti, 2 religiose, 2 laici). Seguono l’America, con 7 missionari uccisi (4 sacerdoti, 1 religioso, 2 laici), quindi l’Asia, dove sono stati assassinati 3 missionari (1 sacerdote, 2 laici), e l’Europa, dove è stato ucciso 1 sacerdote. Come negli ultimi anni, dunque, Africa e America si confermano in testa a questa drammatica classifica che, dal 2000 al 2020, ha visto 536 missionari uccisi in tutto il mondo. Gli evangelizzatori scomparsi non erano impegnati in opere eclatanti, ma stavano semplicemente dando testimonianza della loro fede in contesti di violenza, di disuguaglianza sociale, di sfruttamento, di degrado morale e ambientale. Magari erano semplici parroci e sono stati sequestrati, torturati e uccisi da criminali senza scrupoli avidi di denaro, o messi a tacere perché la loro voce risultava scomoda ai potenti di turno. Sacerdoti impegnati nelle opere sociali ed uccisi a scopo di rapina, come ad Haiti, o morti per mano di chi stavano aiutando, come accaduto in Venezuela, dove un religioso è stato assassinato dai ladri nella stessa scuola in cui insegnava ai giovani a costruirsi un futuro; religiose braccate e uccise a sangue freddo dai banditi in Sud Sudan, come suor Mary Daniel Abut e suor Regina Roba, della Congregazione del Sacro Cuore di Gesù. Tra i missionari uccisi ci sono anche tutti i cattolici impegnati in qualche modo nell’attività pastorale, morti in modo violento, non espressamente “in odio alla fede”. In aumento il numero dei laici assassinati, catechisti e non solo, anche negli scontri armati tra le comunità: è accaduto in Sud Sudan, dove la diocesi di Tombura-Yambi è insanguinata da una guerra civile senza quartiere che imperversa da anni in tutto il territorio nazionale. Ed è accaduto in Messico dove è stato ucciso a colpi di pistola l’italiano Michele Colosio, 42 anni, coordinatore di progetti per l’istruzione dei ragazzi delle zone rurali più povere. “Dobbiamo donare, dobbiamo aiutare – diceva - dobbiamo unirci come popolo di fratelli, senza distinzione di lingue, confini e colore della pelle”. Tragica anche la morte, in Perù, di Nadia de Munari, missionaria laica italiana dell’Operazione Mato Grosso, aggredita con un machete durante un furto e morta il 24 aprile. Violento, poi, lo scenario del Myanmar, dove il conflitto civile ha assunto la forma di “atrocità straziante e orribile”, come l’ha definito il cardinale Charles Maung Bo, arcivescovo di Yangon e presidente della Conferenza episcopale. Almeno 35 i civili cattolici uccisi il 24 dicembre nel villaggio di Mo So, tra i quali donne e bambini. Stavano fuggendo in seguito a un’offensiva dell’esercito e i loro corpi sono stati bruciati. In Europa, difficile dimenticare l’uccisione, in Francia, di padre Olivier Maire, superiore provinciale della Compagnia di Maria (Monfortani), assassinato il 9 agosto da un cittadino ruandese di cui si prendeva cura da tempo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/01/2022
0403/2024
San Casimiro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Gli ideali cattolici

Sta per essere pubblicato, contemporaneamente in forma cartacea e in un sito online, un saggio di carattere teologico che non riguarda soltanto gli specialisti in materia. Sebbene, infatti, il testo, non eccessivamente lungo, sia in qualche modo il risultato di decenni di studi e di esperienze, la sollecitazione definitiva che mi ha spinto a scriverlo è derivata dalla considerazione di scottanti problemi di attualità, problemi che si potrebbero riassumere in uno solo: la disgregazione dei cattolici sia nell’ambito culturale, sia nell’ambito politico - e ci si potrebbe chiedere se la disgregazione politica non sia in larga misura una conseguenza della disgregazione culturale.

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

Società

IL PECCATO ORIGINALE DEI NUOVI DOGMI DELL’ECOLOGISMO CORRETTO

Dietro i pur nobili intenti di alcuni ragazzini in perenne protesta per la salvezza del pianeta vi è una chiara e ben oleata macchina neo maltusiana che vuole eliminare più vita umana possibile dalla faccia della terra. I fallaci dogmi dell’ecologismo attuale.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “mai stancarsi di fare il bene”

Vaticano - All’udienza generale in Aula Paolo VI, Francesco conclude il ciclo di catechesi sulla Lettera ai Galati e soffermandosi sulla figura di san Paolo e sulla sua “parresia” invita i fedeli a non cedere alla “tentazione di tornare indietro, alle vecchie schiavitù”: “Nei momenti di difficoltà, svegliare Cristo. Lui guarda oltre le tempeste”. Ecco le sue parole.

Leggi tutto

Chiesa

Papa all’Angelus: “Portate la gioia di Gesù”

Il Papa all’Angelus nella quarta domenica d’Avvento esorta a percorrere l’ultimo tratto del cammino verso il Natale sull’esempio di Maria

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano