Storie

di Roberto Signori

Export record per l’industria casearia italiana

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il segreto del grande successo per il settore lattiero-caseario made in Italy nel 2021 sono le esportazioni. Queste, per la prima volta nella storia, segneranno per il comparto, che rappresenta il segmento più pesante dell’agroalimentare italiano, le 500 mila tonnellate, raggiungendo i 3,5 miliardi di euro e un +11% in volume, rispetto al 2020. A fare il bilancio è Assolatte (Associazione Italiana Lattiero Casearia), che ha anticipato i numeri al Sole 24 Ore.

Dall’analisi dell’associazione, l’export caseario italiano cresce a due cifre in Francia (+13%), Belgio (+18%), Polonia (+22%), Romania, Paesi Bassi, Svezia e Spagna. Sempre più forte il mercato Usa, dove è stato registrato un +25%. Come ricorda il presidente dell’Associazione Paolo Zanetti, rimane sofferente il mercato giapponese, in una situazione di stallo da ormai due anni. “Quando la pandemia finirà dovremo puntare nuovamente su questo Paese“, spiega Zanetti.
Tra le specialità più esportate all’estero c’è il mascarpone, che segna un +38%, seguito dal provolone, dal pecorino (entrambi +20%) e dalla mozzarella (+12%). Il gorgonzola registra incrementi del 30% negli Usa e in Canada. Grana Padano e Parmigiano Reggiano chiuderanno l’anno con un +6%, circa 5mila tonnellate esportate, alle quali per avere una stima completa bisogna aggiungere un +10% del prodotto esportato giù grattugiato. Come tutti i settori, anche il lattiero-caseario è messo a dura prova dall’aumento dei costi di produzione. A questo si somma una certa preoccupazione per il calo dei consumi interni: l’acquisto di latte Uht è tornato ai livelli del 2019 (-7%). Anche quello fresco ha subito delle perdite (-3.5%), così come gli acquisti domestici di formaggi (-0,9%).
In compenso è aumentata la produzione italiana di latte nel 2021 a 13 milioni di tonnellate (+3% rispetto al 2020). Grazie all’autosufficienza raggiunta dal settore, sono diminuite le importazioni dall’estero (le importazioni di latte sfuso hanno registrato un ribasso del 30%)

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/01/2022
2805/2022
Sant'Emilio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il nuovo governo Gentiloni

Ecce governo

Leggi tutto

Media

Cambridge Analytica & Facebook: pasticcio enorme

In Europa a maggio entrerà definitivamente in vigore il GDPR, cioè il nuovo regolamento sulla protezione dei dati. Esso ha come finalità quella di tutelare i dati personali delle persone fisiche, chiarendo la catena delle responsabilità nel passaggio di informazioni e ribadendo alcuni concetti chiave non da poco, come il principio della trasparenza e del rispetto delle finalità esplicite per le quali sono stati acquisiti i dati.
Certo che se continueremo a mettere spunte disinteressate su informative approssimative, senza nemmeno leggerle, e se compileremo tutti i più assurdi questionari su internet, non potremo poi versare lacrime di coccodrillo.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Media

L’inquinamento acustico si misura con lo smartphone

Un esperimento di scienza partecipata ha permesso di misurare il rumore esterno che arriva nelle abitazioni degli italiani, grazie a un protocollo in grado di analizzare l’associazione tra i livelli sonori misurati, il comfort individuale e i fattori sociali e ambientali del contesto sonoro di riferimento. I risultati dello studio, firmato dall’Istituto nanoscienze e dall’Unità comunicazione e relazioni con il pubblico del Consiglio nazionale delle ricerche, dagli Istituti clinici scientifici “Maugeri” e da Arpa Piemonte, sono pubblicati su PlosOne

Leggi tutto

Politica

Francia, sarà ballottaggio tra Macron e Le Pen.

Exit poll: il presidente avanti di 5 punti. Terzo Mélenchon (sinistra radicale) al 21,2%

Leggi tutto

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano