Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco scrive a Pérez Esquivel

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Vicinanza” e “preghiere” per una rapida guarigione. Sono righe brevi ma affettuose quelle che Papa Francesco ha inviato ad Adolfo Pérez Esquivel, 90 anni, pacifista argentino, premio Nobel per la Pace nel 1980 per l’impegno per i diritti umani durante la dittatura militare in Argentina. Esquivel è stato ricoverato sabato scorso, primo gennaio, mentre si trovava con la moglie Amanda Guerreño e il resto della famiglia nella località balneare di Chapadmalal, per quello che inizialmente si pensava fosse un ictus. Ipotesi esclusa da ulteriori accertamenti.

l Papa ha inviato al suo connazionale un messaggio scritto a mano. A recapitarglielo nelle mani, la stessa sera di sabato, è stato monsignor Gabriel Mestre, vescovo di Mar del Plata (diocesi a 400 km circa da Buenos Aires), che ha visitato il Premio Nobel in ospedale e gli ha portato il biglietto papale stampato. Insieme hanno parlato e pregato e Esquivel ha ricevuto il sacramento dell’Unzione degli infermi.

Si legge infatti nel messaggio del Pontefice: “Caro fratello, il vescovo Mestre mi ha informato del tuo problema di salute. Attraverso queste righe ti assicuro la mia vicinanza e le mie preghiere per una rapida guarigione. Saluti a tua moglie. Che Gesù vi benedica e che la Santa Vergine vegli su di voi. Fraternamente”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/01/2022
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Un abbonamento per il Papa

Papa Francesco dice in un’intervista che legge “solo Repubblica”. Noi gli offriamo un abbonamento gratuito a La Croce.

Leggi tutto

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Società

PERIFERIE ESISTENZIALI: LA LOTTA TRA I GUARDIANI DELLE TENEBRE E I PORTATORI DI LUCE.

Nelle periferie esistenziali montane è in atto un evidente scontro tra i guardiani delle tenebre (spesso anche locali) e i portatori di luce. Un aspro conflitto tra chi vuole chiudere, accorpare, cancellare e annichilire le nostra realtà e chi viceversa lotta con tutto se stesso per mantenerle in vita, chiedendo a gran voce trattamenti equi e servizi essenziali

Leggi tutto

Chiesa

Il discernere sinodale

«Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!». Il sensus fidei del popolo cristiano non è invenzione di qualche teologo ma ne parla Gesù stesso nei vangeli. Ma come cogliere una sintesi di esso? Forse il punto è proprio lasciare al complesso del popolo, in cammino con Dio, nel mondo, lo sviluppo della fede. Dunque accettandone le tensioni, gli intrecci.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano