Società

di Raffaele Dicembrino

Forze dell’ordine tra vaccinazioni e tessera verde

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Un vero pasticcio le nuove norme sulla quarantena in vigore dallo scorso 31 dicembre. Dopo rigidi protocolli e una campagna vaccinale da record che ha lasciato a casa e senza stipendio chi non ha voluto vaccinarsi, vengono a dirci che chi ha completato il ciclo con la dose booster da meno di 120 giorni, non dovrà osservare la quarantena ma usare la mascherina FFP2 per 10 giorni, con periodo di autosorveglianza di 5 giorni. Non ci sentiamo per niente tutelati». Lo dichiara Fabio Conestà, Segretario Generale del Movimento Sindacale Autonomo di Polizia (Mosap).

«La circolare diffusa dal Ministero della Salute cita testualmente: “ai soggetti asintomatici che: abbiano ricevuto la dose booster, oppure - abbiano completato il ciclo vaccinale primario nei 120 giorni precedenti, oppure - siano guariti da infezione da SARS-CoV-2 nei 120 giorni precedenti, non si applica la quarantena ed è fatto obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni dall’ultima esposizione al caso. Il periodo di Auto-sorveglianza termina al giorno 5. E’ prevista l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare per la rilevazione dell’antigene Sars-Cov-2 alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid 19”. Nel frattempo però, un soggetto asintomatico potrebbe anche contagiare i colleghi con cui condivide auto di servizio o ufficio. Sembra un cane che si morde la coda. A cosa è servito introdurre l’obbligo vaccinale con le penalizzazioni che conosciamo, se lo stesso Governo permette a chi ha avuto un contatto stretto con un positivo, di non osservare la quarantena utilizzando come protezione la mascherina FFp2? A questo punto – continua Conestà – avremmo potuto evitare obblighi e sospensioni continuando ad utilizzare i Dpi, visto che, indirettamente, il Ministero della Salute ne ha suggellato l’efficacia con questo provvedimento. Come Mosap chiediamo chiarimenti urgenti, per capire come deve comportarsi il collega che rientra nella fattispecie indicata dalla circolare e quali sono i rischi, considerato che il virus non risparmia anche coloro che hanno tre dosi di vaccino».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/01/2022
1808/2022
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

HERA: nasce l’Autorità europea per prepararsi alle future emergenze sanitarie

Per Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, “l’HERA rappresenta un altro tassello di un’Unione della salute più forte e un importante passo avanti per la nostra preparazione alle crisi. Con l’HERA ci assicureremo di disporre delle attrezzature mediche necessarie per proteggere i nostri cittadini dalle future minacce sanitarie. L’HERA sarà in grado di adottare rapidamente decisioni per salvaguardare le forniture. Questo è quanto ho promesso nel 2020 e questo è quanto abbiamo realizzato”.

Leggi tutto

Storie

Vaccino Johnson & Johnson seconda dose in arrivo

“Il vaccino J&J è uno dei vaccini vettore adenovirale, come quello di Astrazeneca, monodose. È di queste ore la notizia che è in corso un processo di revisione da parte di Fda e successivamente ci sarà certamente anche di Ema, qualora arrivassero indicazioni, come è largamente possibile, di somministrare una seconda dose: un vaccino Rna messaggero avrebbe anche il vantaggio di generare una risposta immunologica anche migliore”.

Leggi tutto

Politica

Nuova Zelanda: i vescovi e le restrizioni covid

Dal 2 dicembre in Nuova Zelanda entrano in vigore nuove misure contro la pandemia. Riguarderanno anche l’accesso dei fedeli in chiesa per la celebrazione della Messa

Leggi tutto

Storie

Mymensingh, minorenni cattoliche garo stuprate

Promossa manifestazione di protesta dalla Bangladesh Garo Adibashi League e dalla scuola di St. Peter. La polizia non è intervenuta.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: «Draghi è inadeguato ad essere il prossimo presidente della Repubblica»

Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia, ex deputato e giornalista, fa le carte ai microfoni del DiariodelWeb.it sull’elezione per il Quirinale

Leggi tutto

Storie

Lahore, famiglia cristiana accusata dalla polizia

A Lahore, una famiglia cristiana si difende da rapina ma viene accusata dalla polizia. Nonostante i rapinatori abbiano ferito a una gamba il signor Mushtag Masih le guardie hanno preso in custodia i due figli, rilasciati solo dopo il pagamento di una cauzione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano