Chiesa

di Roberto Signori

Mongolia; le autorità concedono ai cattolici l’apertura della chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le autorità civili della Mongolia Interna, dove le misure anti Covid sono ancora molto rigide e tutti i luoghi di culto sono chiusi, hanno concesso l’apertura straordinaria della chiesa per la celebrazione natalizia. Secondo “Faith” dell’Hebei, il più importante sito cattolico della Cina continentale, è successo nella parrocchia di Dongtang della diocesi di Hohhot, capoluogo della Mongolia Interna. I fedeli cattolici hanno così potuto celebrare la solenne eucaristia del Natale, il 24 dicembre, grazie alla collaborazione dei fedeli con i volontari che controllavano all’entrata della chiesa la prenotazione sul cellulare, il green-pass, la temperatura, divisi in vari gruppi per non creare assembramenti.

Durante l’omelia, don Barisu, il parroco di Dongtang, ha invitato tutti ad avere sempre un senso di gratitudine, perché “Natale è una grande festa dell’umanità, ma soprattutto è un momento di gratitudine. Solo vivendo nella gratitudine, ognuno di noi può vivere pienamente la propria vita spirituale”. I fedeli di questa comunità hanno vissuto il Natale dimostrando anche un grande senso di solidarietà: a causa dei posti limitati in chiesa per la pandemia, gli adulti hanno lasciato il loro posto agli anziani e ai più giovani.

Dai centri urbani ai luoghi più sperduti, tutte le comunità cattoliche nella Cina continentale hanno celebrato la nascita del Signore in comunione con la Chiesa universale e, come in ogni parte del mondo, con la stretta osservanza delle misure anti Covid-19, grazie all’ottimo funzionamento della macchina organizzativa dei volontari. Così i cattolici hanno potuto pregare e meditare davanti al presepio allestito in chiesa, e poi, come hanno raccomandato i parroci, hanno “portato con sé un piccolo presepio nel cuore, con Gesù bambino sempre presente nella loro vita”.

Nella chiesa del Seminario di Pechino, nella gioia del Natale, i parrocchiani hanno vissuto un ulteriore motivo di festa accogliendo 4 nuovi battezzati.
Mons. Joseph Shen Bin, Vescovo della diocesi di Haimen (Nantong), nella provincia di Jiangsu, ha presieduto le messe della vigilia di Natale e del giorno di Natale nella Cattedrale del Sacro Cuore. Ha incoraggiato i fedeli a continuare a rafforzare la loro fede, perché “il Natale è imparare a dare, non solo a ricevere, a fare del nostro meglio per aiutare i deboli e i bisognosi, e a praticare la nostra fede”. Ha auspicato inoltre che “i cattolici si preoccupino di più della Chiesa, gestiscano bene la vita delle famiglie cristiane, dando il loro contributo all’armonia e alla stabilità della società”.

Infine anche i Vescovi della diocesi di Guangzhou, Jiangmen, Meizhou, Zhanjiang, Shantou, nella provincia di Guangdong, hanno celebrato il Natale rispettando le misura anti-Covid. Nelle 8 parrocchie dell’arcidiocesi di Guangzhou, sono state celebrate ben 37 messe.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/01/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Chiesa

Viganò diffida dall’esegesi del Papa eretico

Quando Francesco disse – affacciandosi sulla piazza quella prima sera del suo pontificato – di venire dalla fine del mondo, certo non avrebbe immaginato, né lo immaginavano i fedeli, quale difficoltà avrebbe comportato la traduzione quotidiana di questa provenienza da un luogo e da una mentalità differente da quella europea. Ma è accaduto e, pian piano, anche gli addetti alla comunicazione in Vaticano ne stanno prendendo atto. Papa Francesco va compreso in quelle che sono le specificità del proprio modo di comunicare e poi va opportunamente raccontato: questo è il messaggio che arriva da mons. Viganò. C’è dunque un altro passo avanti: nelle parole del Monsignore si riscontra sì la necessità di dire che devono essere evitare “letture eretiche”, ma – al tempo stesso – c’è l’ammissione indiretta che gli equivoci non nascono soltanto dalla malafede, ma da un realistico ostacolo, per la mentalità europea/occidentale, di raccontare il pontificato di Papa Francesco. Perché il Papa non viene da un altro pianeta, ma per il nostro modo di pensare, ragionare, anche catalogare, a volte è stato come se fosse stato così.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia all’alba del neo-bipolarismo

Dopo aver perso contro Salvini per averlo attaccato dal fronte piddino, ora la Chiesa sembra soppesare l’opportunità di provare a influenzarlo (e potrebbe essere un ulteriore errore). Peccato, perché il momento sarebbe propizio per la nascita di un vero nuovo bipolarismo: i fattori paiono esserci.

Leggi tutto

Società

ALTRO CHE DDL ZAN: LA LEZIONE DELLA ROWLING

La scrittrice ha sottolineato: “Mi sono allontanato da Twitter per alcuni mesi prima e dopo aver condiviso il mio sostegno per Maya, perché sapevo che non fosse fatto bene alla mia salute mentale. Sono ritornata da solo perché volevo condividere gratis un libro per bambini durante il l ‘’ ogni donna è coinvolta in questo dibattito in - TERF “.La sigla TERF è un termine coniato dagli attivisti Lgbt che significa femminista radicale trans-esclusivo e comprende molte diverse tipologie di persone come una madre che ha paura suo figlio voglia cambiare sesso per sfuggire al bullismo omofobico e una signora anziana che ha ammesso di non usare più fare acquisti da Marks & Spencer perché hanno permesso a un uomo che si identifica come donna di accedere ai camerini destinati alle donne, e molti altri esempi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano