Chiesa

di Roberto Signori

Mongolia; le autorità concedono ai cattolici l’apertura della chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le autorità civili della Mongolia Interna, dove le misure anti Covid sono ancora molto rigide e tutti i luoghi di culto sono chiusi, hanno concesso l’apertura straordinaria della chiesa per la celebrazione natalizia. Secondo “Faith” dell’Hebei, il più importante sito cattolico della Cina continentale, è successo nella parrocchia di Dongtang della diocesi di Hohhot, capoluogo della Mongolia Interna. I fedeli cattolici hanno così potuto celebrare la solenne eucaristia del Natale, il 24 dicembre, grazie alla collaborazione dei fedeli con i volontari che controllavano all’entrata della chiesa la prenotazione sul cellulare, il green-pass, la temperatura, divisi in vari gruppi per non creare assembramenti.

Durante l’omelia, don Barisu, il parroco di Dongtang, ha invitato tutti ad avere sempre un senso di gratitudine, perché “Natale è una grande festa dell’umanità, ma soprattutto è un momento di gratitudine. Solo vivendo nella gratitudine, ognuno di noi può vivere pienamente la propria vita spirituale”. I fedeli di questa comunità hanno vissuto il Natale dimostrando anche un grande senso di solidarietà: a causa dei posti limitati in chiesa per la pandemia, gli adulti hanno lasciato il loro posto agli anziani e ai più giovani.

Dai centri urbani ai luoghi più sperduti, tutte le comunità cattoliche nella Cina continentale hanno celebrato la nascita del Signore in comunione con la Chiesa universale e, come in ogni parte del mondo, con la stretta osservanza delle misure anti Covid-19, grazie all’ottimo funzionamento della macchina organizzativa dei volontari. Così i cattolici hanno potuto pregare e meditare davanti al presepio allestito in chiesa, e poi, come hanno raccomandato i parroci, hanno “portato con sé un piccolo presepio nel cuore, con Gesù bambino sempre presente nella loro vita”.

Nella chiesa del Seminario di Pechino, nella gioia del Natale, i parrocchiani hanno vissuto un ulteriore motivo di festa accogliendo 4 nuovi battezzati.
Mons. Joseph Shen Bin, Vescovo della diocesi di Haimen (Nantong), nella provincia di Jiangsu, ha presieduto le messe della vigilia di Natale e del giorno di Natale nella Cattedrale del Sacro Cuore. Ha incoraggiato i fedeli a continuare a rafforzare la loro fede, perché “il Natale è imparare a dare, non solo a ricevere, a fare del nostro meglio per aiutare i deboli e i bisognosi, e a praticare la nostra fede”. Ha auspicato inoltre che “i cattolici si preoccupino di più della Chiesa, gestiscano bene la vita delle famiglie cristiane, dando il loro contributo all’armonia e alla stabilità della società”.

Infine anche i Vescovi della diocesi di Guangzhou, Jiangmen, Meizhou, Zhanjiang, Shantou, nella provincia di Guangdong, hanno celebrato il Natale rispettando le misura anti-Covid. Nelle 8 parrocchie dell’arcidiocesi di Guangzhou, sono state celebrate ben 37 messe.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/01/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Politica

Come può uno scoglio arginare il mare?

Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare…...

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Iraq: le tappe del viaggio

Inizierà il 5 marzo con un volo da Roma Fiumicino a Baghdad, il tanto desiderato viaggio del Papa in Iraq all’insegna del motto “Siete tutti Fratelli”. L’accoglienza ufficiale sarà presso l’aeroporto della capitale irachena, dove Papa Francesco avrà il suo primo incontro, nella sala vip dello scalo, con il primo ministro, per poi proseguire presso il Palazzo presidenziale dove avrà luogo la cerimonia ufficiale di benvenuto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano