Storie

di Roberto Signori

Mymensingh, minorenni cattoliche garo stuprate

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La violenza sessuale di gruppo ai danni di due minorenni tribali Garo, di soli 14 e 15 anni, ha provocato profondo shock e indignazione in seno alla comunità cattolica del Bangladesh. A dispetto delle denunce presentate, il reato risulta essere tuttora impunito perché la polizia non sembra intenzionata a intervenire. A distanza di giorni gli autori sono ancora a piede libero, sebbene la loro identità sia nota e già in passato si siano macchiati di atti simili.

Le due giovani tribali garo hanno subito uno stupro di gruppo da parte di una decina di musulmani nell’area di Katabari, a Mymensingh, cittadina della divisione di Dhaka. Le ragazze appartengono alla parrocchia di Biroidakuni e sono studentesse della scuola secondaria.

I genitori di una delle due hanno presentato denuncia alla polizia della caserma di Haluaghat, ma gli agenti non sono intervenuti anche per le pressioni subite dai familiari dei violentatori.

La violenza è avvenuta verso le due del mattino nell’area di Katabari, mentre le due ragazzine facevano ritorno da una festa per l’anniversario di matrimonio di una parente. Appena giunte nei pressi del Mahtab Uddin’s Ekasia Garden, gli assalitori hanno iniziato a molestare prima a parole, poi con aggressioni fisiche le due, portandole infine in una zona isolata dove si è consumato lo stupro. Poi le hanno minacciate di morte, nel caso in cui avessero denunciato.

Nelle ultime ore gli attivisti della Bangladesh Garo Adibashi League e gli iscritti alla St. Peter’s Primary School hanno promosso una protesta per denunciare tali aggressioni. Alla manifestazione hanno partecipato anche un centinaio di cristiani, che hanno invocato pene esemplari per gli autori. Leon Rema, segretario della Bangladesh Garo Adibashi League, conferma lo stato di shock di una intera comunità “colpita dallo stupro di gruppo. Abbiamo saputo che i parenti dei violentatori non hanno alcuna paura” di possibili incriminazioni e questo “ci indigna profondamente”. “Chiediamo - aggiunge - pene esemplari per gli autori” perché, in caso contrario, in futuro molti altri si sentiranno autorizzati ad agire nello stesso modo se regna un clima di impunità. “Se non otterremo giustizia - conclude - tutta la comunità Garo promuoverà una imponente protesta”.

I 10 accusati sono Solayman Hossian Reyad (ritenuto il capo della banda, con diversi capi di imputazione già alle spalle), Sharif, Azaz Hossian, Ramjan Ali, Kawsar, Asadul, Shafiqual Islam, Mizan, Rukun e Mamun; tutti avrebbero una età compresa fra i 19 e i 22 anni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/01/2022
0510/2022
Ss. Placido e Mauro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La pretesa di conquista dell’Islam

Il sondaggio di IPR Marketing sui musulmani d’Italia porta finalmente un po’ di sostanza al dibattito sull’integrazione che si protrae ormai nel solito stanco (e stancante) derby tra rossi e neri.
Un vasto sondaggio corredato da diciotto tabelle, per affrontare le questioni dell’apprendimento della lingua, la questione della donna, le aspettative politiche e le proiezioni per la media scadenza

Leggi tutto

Società

UE: il “no” di Strasburgo alla sorveglianza di massa

Per combattere la discriminazione e garantire la privacy, servono “forti salvaguardie” quando gli strumenti di intelligenza artificiale sono utilizzati dalle forze dell’ordine. È quanto sostiene il Parlamento europeo che oggi – con 377 a favore, 248 contro e 62 astenuti – ha adottato una risoluzione in cui si sottolinea il rischio di “pregiudizi algoritmici” nelle applicazioni che usano l’Intelligenza Artificiale (IA).

Leggi tutto

Società

Polizia: no vendita all’asta di volantino BR via Fani

Volantino BR all’asta. Conestà (Mosap): «Basta schiaffeggiare dignità dei caduti»

Leggi tutto

Storie

Covid, stop alla sospensione per i poliziotti non vaccinati

Anche per i poliziotti non vaccinati resta l’obbligo vaccinale fino al 15 giugno ma cambiano le conseguenze in caso di inadempimento: stop alla sospensione dal lavoro, rimane la sanzione amministrativa.

Leggi tutto

Storie

Iraq - Card. Sako: elezioni anticipate unica via per la pace

Il porporato, a Roma per l’incontro dei cardinali col papa, ha seguito con “profonda preoccupazione” le violenze degli ultimi giorni

Leggi tutto

Società

Il rapporto monco di Amnesty

Di fatto ad Amnesty International non piace notare che c’è una colossale questione religiosa e c’è una sola fede i cui seguaci sono perseguitati talvolta fino alla morte: il cristianesimo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano