Storie

di Roberto Signori

Mymensingh, minorenni cattoliche garo stuprate

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La violenza sessuale di gruppo ai danni di due minorenni tribali Garo, di soli 14 e 15 anni, ha provocato profondo shock e indignazione in seno alla comunità cattolica del Bangladesh. A dispetto delle denunce presentate, il reato risulta essere tuttora impunito perché la polizia non sembra intenzionata a intervenire. A distanza di giorni gli autori sono ancora a piede libero, sebbene la loro identità sia nota e già in passato si siano macchiati di atti simili.

Le due giovani tribali garo hanno subito uno stupro di gruppo da parte di una decina di musulmani nell’area di Katabari, a Mymensingh, cittadina della divisione di Dhaka. Le ragazze appartengono alla parrocchia di Biroidakuni e sono studentesse della scuola secondaria.

I genitori di una delle due hanno presentato denuncia alla polizia della caserma di Haluaghat, ma gli agenti non sono intervenuti anche per le pressioni subite dai familiari dei violentatori.

La violenza è avvenuta verso le due del mattino nell’area di Katabari, mentre le due ragazzine facevano ritorno da una festa per l’anniversario di matrimonio di una parente. Appena giunte nei pressi del Mahtab Uddin’s Ekasia Garden, gli assalitori hanno iniziato a molestare prima a parole, poi con aggressioni fisiche le due, portandole infine in una zona isolata dove si è consumato lo stupro. Poi le hanno minacciate di morte, nel caso in cui avessero denunciato.

Nelle ultime ore gli attivisti della Bangladesh Garo Adibashi League e gli iscritti alla St. Peter’s Primary School hanno promosso una protesta per denunciare tali aggressioni. Alla manifestazione hanno partecipato anche un centinaio di cristiani, che hanno invocato pene esemplari per gli autori. Leon Rema, segretario della Bangladesh Garo Adibashi League, conferma lo stato di shock di una intera comunità “colpita dallo stupro di gruppo. Abbiamo saputo che i parenti dei violentatori non hanno alcuna paura” di possibili incriminazioni e questo “ci indigna profondamente”. “Chiediamo - aggiunge - pene esemplari per gli autori” perché, in caso contrario, in futuro molti altri si sentiranno autorizzati ad agire nello stesso modo se regna un clima di impunità. “Se non otterremo giustizia - conclude - tutta la comunità Garo promuoverà una imponente protesta”.

I 10 accusati sono Solayman Hossian Reyad (ritenuto il capo della banda, con diversi capi di imputazione già alle spalle), Sharif, Azaz Hossian, Ramjan Ali, Kawsar, Asadul, Shafiqual Islam, Mizan, Rukun e Mamun; tutti avrebbero una età compresa fra i 19 e i 22 anni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/01/2022
2002/2024
San Zefirino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

DA GENTILONI SU FAMIGLIA SOLO PAROLE VUOTE

“Conferenza nazionale di settembre è gigantesca presa in giro”

Leggi tutto

Storie

ODE A DIEGO ARMANDO MARADONA

Ho letto che da qualche giorno, il 23 ottobre, Pelè ha compiuto ottant’anni e che tra qualche giorno, il 30 ottobre, Diego Armando Maradona ne compirà sessanta. Non so se avremo un’altra occasione con la cifra tonda per celebrarli entrambi in vita e non so neanche dire se sia più facile che Pelè non arrivi ai novanta che piuttosto Maradona non arrivi ai settanta. So per certo però che ora possiamo congratularci e sorridere con lor

Leggi tutto

Politica

Cattolici impegnati in politica

Le parole di S.E. mons. Antonio Suetta, vescovo di Ventimiglia e San Remo ed il cardinale Matteo Zuppi, vescovo di Bologna all’assemblea del Popolo della Famiglia di Pomezia.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il caos in Nicaragua

Papa Francesco all’Angelus: si possano trovare nuove basi per una convivenza rispettosa e pacifica

Leggi tutto

Storie

CONGO RD - Si aggrava il bilancio dell’assalto a un convoglio ONU

Rimane alta la tensione nella provincia del Nord Kivu, nell’est della Repubblica Democratica del Congo

Leggi tutto

Storie

KENYA - Il Paese nel caos: intervengono i vescovi

Mombasa e Kisumu, rispettivamente la capitale, la seconda e la terza città più grandi del Kenya si trovano nel mezzo di grandi e violente proteste contro una serie di tasse introdotte dal governo del presidente William Ruto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano