Storie

di Nathan Algren

Djokovic,prigioniero “politico”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La famiglia di Djokovic non ci sta e fa sentire la propria vicinanza al campione serbo, ancora fermo in Australia in attesa del ricorso in programma lunedì. Dal ristorante di Novak a Belgrado, il padre ha tenuto una conferenza stampa in cui ha voluto sottolineare la propria posizione al fianco del figlio e allo stesso tempo protestare contro la decisione del governo australiano di stoppare l’entrata nel paese del tennista. “Stanno calpestando la Serbia e tutta la sua gente”, le dure parole del padre Srdjan, che ha poi aggiunto: “Il leader di quella terra lontana, Scott Morrison, ha osato attaccare ed espellere Novak prima ancora che raggiungesse il Paese. Avrebbero voluto mettere in ginocchio lui e tutta la Serbia. Ma noi siamo orgogliosi. Guardando la storia, non abbiamo mai attaccato ma ci siamo sempre difesi. Questo è quello che sta facendo Novak, che è il nostro orgoglio. Si sta difendendo dagli organizzatori, mostrando a tutti da che tipo di gente provenga”.

Il discorso, dunque, va ben oltre il campo. Quello a Djokovic, nelle parole del padre, è un vero attacco a tutta la Serbia. Ma non è il solo a parlare. All’inizio della conferenza, infatti, a prendere parola è stato il fratello del numero 1 al mondo, Djordje: “La detenzione di Novak è il più grande scandalo diplomatico sportivo. Mio fratello è stato trattato come un criminale nonostante non abbia fatto del male a nessuno, non ha potuto in alcun modo contattare le autorità federali”. Djordje ha poi raccontato come Djokovic sia stato subito portato in una stanza dell’aeroporto, da cui ha potuto contattare i familiari per 45 minuti. Da quel momento, però, secondo il fratello lo smartphone del campione serbo è stato ritirato e gli è stata negata ogni forma di comunicazione per 3 ore e mezza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/01/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

Società

L’AIFA invita a segnalare le reazioni avverse da vaccino

L’Agenzia italiana del farmaco rinnova su Twitter un invito ai medici a segnalare un paziente che abbia abbia avuto una reazione avversa in seguito alla vaccinazione

Leggi tutto

Società

Federconsumatori: un figlio fino a 18 anni costa più di 175mila euro

L’aumento dell’1,2% che si è registrato rispetto al 2018 è in parte determinato dalla pandemia

Leggi tutto

Storie

Inps risparmia più di un miliardo grazie alla pandemia

Il triste bilancio 2021 della pandemia: saranno 11,9 i miliardi risparmiati nel decennio a causa delle morti causate dalla pandemia

Leggi tutto

Chiesa

CEI: confermata la mascherina

L’andamento dei contagi risulta costante da qualche settimana e tale dato porta a confermare le indicazioni della Presidenza contenute nella comunicazione dello scorso 25 marzo facendo tuttavia presente che l’uso delle mascherine resta, a rigore, raccomandato in tutte le attività che prevedono la partecipazione di persone in spazi al chiuso come le celebrazioni e le catechesi, mentre resta obbligatorio l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per gli eventi aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in locali assimilabili a sale cinematografiche, sale da concerto e sale teatrali.

Leggi tutto

Storie

In Australia ecco la ragazza gatto

A Melbourne, in Australia, un’adolescente ha iniziato a identificarsi come gatto e ha smesso di parlare. Nonostante questo la sua scuola privata sì è mostrata molto comprensiva e ha incoraggiato di fatto il suo “comportamento animale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano