Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco battezza 16 bimbi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Chiesa celebra oggi la Festa del Battesimo del Signore e, dopo la pausa dell’anno scorso, a causa della pandemia, Papa Francesco riprende la consuetudine di impartire, in questa domenica, il battesimo ad alcuni neonati figli di dipendenti vaticani. Sono sedici, questa volta, i bambini e le bambine a ricevere dal Papa il sacramento che li introduce nella vita cristiana in un contesto davvero speciale: la Cappella Sistina.

“Oggi noi commemoriamo il Battesimo del Signore. C’è un inno liturgico molto bello, nella festa di oggi, che dice che il popolo di Israele andava al Giordano “con i piedi scalzi e l’anima scalza”, cioè un’anima che voleva essere bagnata da Dio, che non aveva nessuna ricchezza, che aveva bisogno di Dio. Questi bambini oggi vengono qui anch’essi con “l’anima scalza” a ricevere la giustificazione di Dio, la forza di Gesù, la forza di andare avanti nella vita. Vengono a ricevere l’identità cristiana. È questo, semplicemente. I vostri figli riceveranno oggi l’identità cristiana. E voi, genitori e padrini, dovete custodire questa identità. Questo è il vostro compito durante la vostra vita: custodire l’identità cristiana dei vostri figli. È un impegno di tutti i giorni: farli crescere con la luce che oggi riceveranno. Questo soltanto volevo dirvi, questo è il messaggio di oggi: custodire l’identità cristiana che voi avete portato oggi per farla ricevere ai vostri figli.

Questa cerimonia è un po’ lunghetta, i bambini poi si sentono strani qui in un ambiente che non conoscono. Per favore, loro sono i protagonisti: fate in modo che non abbiano troppo caldo, che si sentano a loro agio… E se hanno fame, allattateli tranquillamente qui, davanti al Signore, non c’è problema. E se gridano, lasciateli gridare, perché loro hanno uno spirito di comunità, diciamo uno “spirito di banda”, uno spirito d’insieme, e basta che uno incominci – perché tutti sono musicali – e subito viene l’orchestra! Lasciateli piangere tranquilli, che si sentano liberi. Ma che non sentano troppo caldo e, se hanno fame, che non restino con la fame.

E così, con questa pace, andiamo avanti nella cerimonia. E non dimenticate: riceveranno l’identità cristiana e il vostro compito sarà custodire questa identità cristiana. Grazie”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/01/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Epicoco: Per papa Francesco, annunciare la fede è una “missione fisica”

Su L’Osservatore Romano l’assistente ecclesiastico del Dicastero per la Comunicazione riflette sull’importanza di un messaggio cristiano non solo di parole ma sorretto da una presenza fisica

Leggi tutto

Chiesa

Nicaragua - Un’altra radio cattolica costretta a chiudere

Con motivazioni “ingiustificabili”, il servizio di telecomunicazioni del Paese ha recapitato a Radio Stereo Fe, della diocesi di Estelí, un avviso di chiusura immediata dell’emittente.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Kazakhstan

Papa Francesco è già in viaggio per il Kazakhstan . Rivisitiamo le sue parole, prima di partire per il Kazakhstan, espresse nell’Angelus di domenica mattina.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco andrà in Bahrein il prossimo novembre

Il Papa visiterà Manama e Awali, sede della cattedrale di Nostra signora d’Arabia, per il Forum sul dialogo tra oriente e occidente. Sarà il primo Pontefice a recarsi nel Paese del Golfo Persico

Leggi tutto

Politica

CON CORAGGIO NEL NOSTRO FUTURO

L’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia convocata a Pomezia per il 15 e 16 ottobre, partecipata da 118 delegati in rappresentanza dei circoli territoriali del partito, ha approvato con una sola astensione il dispositivo finale proposto dalla presidenza nazionale come sintesi di un dibattito che in due giorni ha visto alternarsi sul palco 42 oratori.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Bahrein

In un mondo in cui crescono le occasioni di scontro, i populismi e gli imperialismi, “sono qui come seminatore di pace”. Lo afferma il Papa nel suo primo discorso nel Paese del Golfo rivolto al Re, alle autorità e ai rappresentanti della società civile, sottolineando l’importanza della tutela della vita, del lavoro e dell’ambient

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano