Chiesa

di Luigi Ercolani

Papa Netflix-La comunicazione di Francesco

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Bisogna prenderla larga: nel luglio 2017 il duo comico dei PanPers, nel loro singolo “Ci mancano le basi”, a un certo punto cantavano “dopo miss Italia avere un papa VEVO”. Si trattava ovviamente di una rivisitazione del ritornello di “Papa nero” dei Pitura Freska, ma allo stesso tempo era un modo per sottolineare come anche le istituzioni più impensabili avrebbero potuto, nel breve-medio periodo, adottare servizi streaming per rendere la diffusione della propria comunicazione ancora più capillare.

Forse neanche la coppia artistica torinese poteva immaginare, mentre componeva quel verso, quanto tale intuizione si sarebbe rivelata azzeccata. Più che di “papa VEVO”, intendendo in senso stretto la piattaforma di video musicali, è più corretto però parlare di “papa Netflix”. Sì, perché il pontefice lo scorso 25 dicembre è approdato sul colosso dello streaming, ispirando e al contempo presenziando nella miniserie “Stories of a generation”.

Quest’ultima prende infatti l’abbrivio dal libro “La saggezza del tempo” (Marsilio, 2018) volume curato da padre Antonio Spadaro SJ in cui papa Francesco si è espresso incoraggiando un incontro intergenerazionale tra giovani e anziani, al fine di trovare nell’esperienza dei secondi le soluzioni per i momenti di prova della vita. I quattro episodi da tre quarti d'ora presenti dal giorno di Natale su Netflix si basano su proprio questo presupposto, proponendo diverse storie in cui si affrontano temi come l’amore, il sogno, la lotta e il lavoro. In un continuo rimando tra passato e presente e tra nord e sud del mondo, la cornice rappresentata offre uno sguardo eterogeneo sui punti in questione, proponendo storie interessanti e, allo stesso tempo, emotivamente coinvolgenti.

Chi si è interessato alla comunicazione di papa Francesco sa perfettamente che l’approccio con Netflix non è un unicum. Negli ultimi cinque anni, infatti, TV2000 ha dato vita a diversi tête-à-tête, tra don Marco Pozza e lo stesso pontefice argentino, incentrati sul commento di tre grandi preghiere della tradizione cristiana: il “Padre Nostro” (2017-2018), l'“Ave Maria” (2018-2019) e il “Credo” (2020).

Il format tuttavia più simile a quanto realizzato con “Stories of a generation” è stato, nel 2021, “Vizi e virtù” per il canale Nove, che fa parte della galassia di Discovery Italia. In quest’occasione si alternavano il dialogo tra don Pozza e papa Francesco che illustrava la rappresentazione di vizi e virtù dipinta da Giotto nella Cappella degli Scrovegni di Padova e il racconto di storie di persone che avevano concretamente vissuto momenti di prova in stretto rapporto con l'opera del pittore toscano. Questo programma è stato poi messo a disposizione su Vativision, la piattaforma streaming lanciata nel giugno 2020 da Vetrya e Officine della Comunicazione che ospita prodotti incentrati sui temi di cultura, arte e fede.

La disponibilità di papa Francesco a una maggiore vicinanza alla popolazione del web è il simbolo del cambiamento di paradigma della comunicazione e quello, parallelo, della percezione del papato. Se Giovanni Paolo II era il papa dei media di massa e della televisione istituzionale perché lui stesso era in fondo il rappresentante di un'istituzione, l'attuale mondo globalizzato in cui le istituzioni sono state messe ai margini in favore di una multilateralità spesso esasperata obbliga la Chiesa a essere più facilmente trovabile, per portare la Parola di Cristo “fino agli estremi confini del mondo”.

In virtù di questo mutamento, risulta particolarmente appropriato lo stile immaginifico e allo stesso tempo ricco di realismo del linguaggio utilizzato pontefice, peraltro tipico di un certa sensibilità dell’America Latina, come si può facilmente verificare approfondendo le opere di scrittori come Borges, Garcia Marquez, Neruda o Sepulveda, tanto per fare qualche esempio. Ecco dunque che papa Francesco, in un panorama che punta su una comunicazione immediata e “a tu per tu”, risulta in questo modo incisivo e affascinante. Un vero e proprio papa Netflix.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/01/2022
1808/2022
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Non sarà una Quaresima facile

Francesco invoca le lacrime: dalle coste libiche all’Ucraina fino al carcere italiano dove si suicida un detenuto nell’indifferenza, il male non ci lasci a ciglio asciutto

Leggi tutto

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ai giovani slovacchi: “ribellatevi alla cultura del provvisorio”

Nell’ultimo appuntamento del terzo giorno di viaggio Francesco ha esortato le nuove generazioni a non lasciarsi omologare. Intensa la catechesi sulla confessione: non dimenticate che il centro non sono i peccati ma il Padre che perdona e così diventerà “il Sacramento della gioia”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: rispettiamo l’uomo, il creato e il Creatore

Il pontefice riunisce in Vaticano scienziati, esperti e leader religiosi per l’incontro “Fede e Scienza”. A loro consegna il suo discorso scritto, nel quale lancia un appello ad adottare comportamenti e azioni modellate sulla “interdipendenza” e “corresponsabilità” per contrastare i “semi dei conflitti” che provocano ferite nell’ambiente e nella persona umana

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “mai stancarsi di fare il bene”

Vaticano - All’udienza generale in Aula Paolo VI, Francesco conclude il ciclo di catechesi sulla Lettera ai Galati e soffermandosi sulla figura di san Paolo e sulla sua “parresia” invita i fedeli a non cedere alla “tentazione di tornare indietro, alle vecchie schiavitù”: “Nei momenti di difficoltà, svegliare Cristo. Lui guarda oltre le tempeste”. Ecco le sue parole.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano