Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Guatemala:  i vescovi chiamano al dialogo e alla preghiera

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I Vescovi del Guatemala manifestano la loro “enorme preoccupazione” per il dilagare della violenza che ha causato numerose vittime, tra cui bambini, donne e persone innocenti “che cercavano solo il sostentamento onorevole per le loro famiglie, come anche membri delle forze dell’ordine pubblico che sono stati assassinati”. Di fronte agli episodi di “crescente violenza, polarizzazione e conflittualità”, in e tra i municipi di Nahuala e Santa Catarina Ixtahuacan, nel dipartimento di Solola, i Vescovi guatemaltechi “condannano e manifestano la loro indignazione per l’uso della violenza come strumento per raggiungere i propri obiettivi”. Quindi ribadiscono che “la violenza genera solo altra violenza”, e che “nella misura in cui dietro gli eventi c’è la criminalità organizzata, deve essere smascherata, i responsabili arrestati, giudicati e condannati”.

Il messaggio della Conferenza episcopale, ha come titolo “Dov’è tuo fratello Abele?” e la data dell’8 gennaio 2022, e si riferisce alle violenze che recentemente si sono fatte sempre più gravi ed efferate, tra le due comunità indigene di Nahuala e di Santa Catarina Ixtahuacan, in lotta per problemi di confine da più di un secolo.

Il Guatemala è uno dei 15 Paesi più violenti del mondo, e questo scontro tra le due comunità ha portato il Presidente del Guatemala a decretare da qualche mese una sorta di stato d’assedio nei due comuni.

“Facciamo appello a tutti i membri di questi popoli fratelli e soprattutto ai loro leader riconosciuti, affinché cerchino mezzi pacifici e conformi alla legge per argomentare le rispettive posizioni o salvaguardare i diritti” chiedono i Vescovi, ribadendo che le violenze rendono indifendibili anche le richieste legittime e che i meccanismi del dialogo devono essere sempre i canali fondamentali da seguire per la soluzione dei problemi. “Per questo ci rivolgiamo alle autorità nazionali e locali perché non cessino nella ricerca di soluzioni che disinneschino la violenza” scrivono i Vescovi, con un appello particolare alle comunità, agli operatori pastorali, e a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, “a lavorare e a pregare per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/01/2022
2201/2022
San Vincenzo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Giornate dense

Il Popolo della Famiglia prosegue la sua opera per cambiare la società e la gente lo segue

Leggi tutto

Politica

La questione politica dirimente

Non c’è giustificazione o missione che tenga quando in parlamento si legifera di vita o di morte. Come hanno dimostrato i grillini tutti compatti e precettati (88 su 88), i bersaniani tutti compatti e precettati (40 su 40), i vendoliani tutti compatti e precettati (17 su 17) e i democratici tutti compatti e precettati (283 su 283). Sui principi non negoziabili purtroppo, sinistra e grillini hanno dimostrato di essere molto più seri di quella strana “Arca di Noè” che è il centrodestra.

Leggi tutto

Politica

VALUTAZIONI POLITICHE SU VERONA

Finalmente si può parlare del Congresso di Verona potendo commentare le parole effettivamente pronunciate, lasciando da parte i sentito dire, ed è un bel sollievo: basta dietrologie e spazio alla valutazioni su quanto si è affermato.  Il Popolo della Famiglia come si sa non partecipa al Congresso di Verona proprio per il legame evidente e troppo stretto che si è voluto creare con un governo la cui azione è giudicata molto negativamente

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Rosaria Radaelli

L’ostetrica Rosaria Radaelli ci parla della sua professione.

Leggi tutto

Politica

Siamo i primi?

Sono vaccinato, favorevole al vaccino ed esorto quante più persone possibili a vaccinarsi. Quindi sono buono, non sono cattivo. Fatta questa premessa, penso nessuno avrà niente in contrario se sono contro questo governo e non condivida quasi nessuna delle sue ultime decisioni.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi (Pdf): “ddl Zan non è priorità, emergenza non c’è”

Sono 1.300 giorni che mi batto contro l’approvazione della fascistissima legge Zan, ora anche Enrico Letta si accorge che va cambiata. In 1.300 giorni non si è verificato neanche un serio caso di omofobia in Italia. Ma che emergenza è? Arrenditi Zan anche nel Pd ti hanno mollato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano