Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Guatemala:  i vescovi chiamano al dialogo e alla preghiera

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I Vescovi del Guatemala manifestano la loro “enorme preoccupazione” per il dilagare della violenza che ha causato numerose vittime, tra cui bambini, donne e persone innocenti “che cercavano solo il sostentamento onorevole per le loro famiglie, come anche membri delle forze dell’ordine pubblico che sono stati assassinati”. Di fronte agli episodi di “crescente violenza, polarizzazione e conflittualità”, in e tra i municipi di Nahuala e Santa Catarina Ixtahuacan, nel dipartimento di Solola, i Vescovi guatemaltechi “condannano e manifestano la loro indignazione per l’uso della violenza come strumento per raggiungere i propri obiettivi”. Quindi ribadiscono che “la violenza genera solo altra violenza”, e che “nella misura in cui dietro gli eventi c’è la criminalità organizzata, deve essere smascherata, i responsabili arrestati, giudicati e condannati”.

Il messaggio della Conferenza episcopale, ha come titolo “Dov’è tuo fratello Abele?” e la data dell’8 gennaio 2022, e si riferisce alle violenze che recentemente si sono fatte sempre più gravi ed efferate, tra le due comunità indigene di Nahuala e di Santa Catarina Ixtahuacan, in lotta per problemi di confine da più di un secolo.

Il Guatemala è uno dei 15 Paesi più violenti del mondo, e questo scontro tra le due comunità ha portato il Presidente del Guatemala a decretare da qualche mese una sorta di stato d’assedio nei due comuni.

“Facciamo appello a tutti i membri di questi popoli fratelli e soprattutto ai loro leader riconosciuti, affinché cerchino mezzi pacifici e conformi alla legge per argomentare le rispettive posizioni o salvaguardare i diritti” chiedono i Vescovi, ribadendo che le violenze rendono indifendibili anche le richieste legittime e che i meccanismi del dialogo devono essere sempre i canali fondamentali da seguire per la soluzione dei problemi. “Per questo ci rivolgiamo alle autorità nazionali e locali perché non cessino nella ricerca di soluzioni che disinneschino la violenza” scrivono i Vescovi, con un appello particolare alle comunità, agli operatori pastorali, e a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, “a lavorare e a pregare per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/01/2022
2402/2024
San Sergio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Omofobia in Umbria: si fa presto a dire “legge”

Lo statuto speciale della regione italiana a più alta concentrazione di santi ha permesso il varo di tante leggi regionali, la cui inefficacia dimostra il marchio ideologico

Leggi tutto

Politica

Alcune puntualizzazioni sulla liceità della lettera di sostegno al Popolo della Famiglia

Dati i nervosismi tra non pochi detrattori del movimento politico sorto dalle ceneri dei Family Day, occorre ribadire alcune direttrici fondamentali

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia all’alba del neo-bipolarismo

Dopo aver perso contro Salvini per averlo attaccato dal fronte piddino, ora la Chiesa sembra soppesare l’opportunità di provare a influenzarlo (e potrebbe essere un ulteriore errore). Peccato, perché il momento sarebbe propizio per la nascita di un vero nuovo bipolarismo: i fattori paiono esserci.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Chiesa

INDIA - I Vescovi si oppongono alla legge anti-conversione

I dieci Vescovi cattolici dello stato del Karnataka, nel Sud dell’India, hanno espresso al Primo ministro dello stato, Basavaraj Bommi, profonda preoccupazione per una proposta di legge che intende vietare le conversioni religiose nello stato.

Leggi tutto

Politica

Biden a Roma

Rafforzato di 5.296 unità la presenza delle forze dell’ordine a Roma. Scuole chiuse dalle 16 di oggi. Ripristinati i controlli delle frontiere interne fino alle 13 di lunedì. Arrivato nella notte a Roma il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Oggi gli incontri con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, il premier Draghi e Papa Francesco

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano