Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Guatemala:  i vescovi chiamano al dialogo e alla preghiera

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I Vescovi del Guatemala manifestano la loro “enorme preoccupazione” per il dilagare della violenza che ha causato numerose vittime, tra cui bambini, donne e persone innocenti “che cercavano solo il sostentamento onorevole per le loro famiglie, come anche membri delle forze dell’ordine pubblico che sono stati assassinati”. Di fronte agli episodi di “crescente violenza, polarizzazione e conflittualità”, in e tra i municipi di Nahuala e Santa Catarina Ixtahuacan, nel dipartimento di Solola, i Vescovi guatemaltechi “condannano e manifestano la loro indignazione per l’uso della violenza come strumento per raggiungere i propri obiettivi”. Quindi ribadiscono che “la violenza genera solo altra violenza”, e che “nella misura in cui dietro gli eventi c’è la criminalità organizzata, deve essere smascherata, i responsabili arrestati, giudicati e condannati”.

Il messaggio della Conferenza episcopale, ha come titolo “Dov’è tuo fratello Abele?” e la data dell’8 gennaio 2022, e si riferisce alle violenze che recentemente si sono fatte sempre più gravi ed efferate, tra le due comunità indigene di Nahuala e di Santa Catarina Ixtahuacan, in lotta per problemi di confine da più di un secolo.

Il Guatemala è uno dei 15 Paesi più violenti del mondo, e questo scontro tra le due comunità ha portato il Presidente del Guatemala a decretare da qualche mese una sorta di stato d’assedio nei due comuni.

“Facciamo appello a tutti i membri di questi popoli fratelli e soprattutto ai loro leader riconosciuti, affinché cerchino mezzi pacifici e conformi alla legge per argomentare le rispettive posizioni o salvaguardare i diritti” chiedono i Vescovi, ribadendo che le violenze rendono indifendibili anche le richieste legittime e che i meccanismi del dialogo devono essere sempre i canali fondamentali da seguire per la soluzione dei problemi. “Per questo ci rivolgiamo alle autorità nazionali e locali perché non cessino nella ricerca di soluzioni che disinneschino la violenza” scrivono i Vescovi, con un appello particolare alle comunità, agli operatori pastorali, e a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, “a lavorare e a pregare per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/01/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il vento cambia anche in Romania

L’“Unione per la salvezza della Romania”, guidata dal 46enne Nicosur Dan, debutta alle urne raccogliendo una sonante percentuale di voti del 9,3%. Il messaggio del nuovo movimento, fondato solo 6 mesi fa, è “onestà e competenza”. Quindi cambiamento sì, ma anti-politica no. Un insegnamento anche per le prossime politiche italiane

Leggi tutto

Società

La pretesa di conquista dell’Islam

Il sondaggio di IPR Marketing sui musulmani d’Italia porta finalmente un po’ di sostanza al dibattito sull’integrazione che si protrae ormai nel solito stanco (e stancante) derby tra rossi e neri.
Un vasto sondaggio corredato da diciotto tabelle, per affrontare le questioni dell’apprendimento della lingua, la questione della donna, le aspettative politiche e le proiezioni per la media scadenza

Leggi tutto

Politica

Politica degli annunci e politica dei fatti

Il populismo considera la politica come “mero annuncio”, come vellicazione della pancia, eccitazione degli umori popolari dal basso. Per gli studiosi, i politici e i leader populisti “sono gli annunci che creano i fatti e fanno opinione e da qui la loro rappresentazione politica

Leggi tutto

Politica

Senza manco capir perchè

Ecco perchè la sinistra continua a perdere consensi in Italia e nel mondo…...

Leggi tutto

Politica

INSEGNAMO AI GIOVANI CHE LA POLITICA E’ LA PIU’ ALTA FORMA DI CARITA’.

La politica non deve essere una caccia al poteree d alle poltrone, ma una forma di carità.

Leggi tutto

Politica

Lamorgese in Parlamento il 19 Ottobre

Dopo la manifestazione di sabato scorso dei ‘No Green pass’, il Viminale lavora in vista di alcune date ‘attenzionate’. A cominciare da quella del 15 ottobre, giorno in cui scatterà in tutta Italia l’obbligo della certificazione verde per accedere al luogo di lavoro. Poi gli occhi saranno puntati sul weekend del 30 e 31 ottobre quando, a Roma, si terrà il vertice conclusivo dei capi di Stato e di governo membri del G20

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano