Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Guatemala:  i vescovi chiamano al dialogo e alla preghiera

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I Vescovi del Guatemala manifestano la loro “enorme preoccupazione” per il dilagare della violenza che ha causato numerose vittime, tra cui bambini, donne e persone innocenti “che cercavano solo il sostentamento onorevole per le loro famiglie, come anche membri delle forze dell’ordine pubblico che sono stati assassinati”. Di fronte agli episodi di “crescente violenza, polarizzazione e conflittualità”, in e tra i municipi di Nahuala e Santa Catarina Ixtahuacan, nel dipartimento di Solola, i Vescovi guatemaltechi “condannano e manifestano la loro indignazione per l’uso della violenza come strumento per raggiungere i propri obiettivi”. Quindi ribadiscono che “la violenza genera solo altra violenza”, e che “nella misura in cui dietro gli eventi c’è la criminalità organizzata, deve essere smascherata, i responsabili arrestati, giudicati e condannati”.

Il messaggio della Conferenza episcopale, ha come titolo “Dov’è tuo fratello Abele?” e la data dell’8 gennaio 2022, e si riferisce alle violenze che recentemente si sono fatte sempre più gravi ed efferate, tra le due comunità indigene di Nahuala e di Santa Catarina Ixtahuacan, in lotta per problemi di confine da più di un secolo.

Il Guatemala è uno dei 15 Paesi più violenti del mondo, e questo scontro tra le due comunità ha portato il Presidente del Guatemala a decretare da qualche mese una sorta di stato d’assedio nei due comuni.

“Facciamo appello a tutti i membri di questi popoli fratelli e soprattutto ai loro leader riconosciuti, affinché cerchino mezzi pacifici e conformi alla legge per argomentare le rispettive posizioni o salvaguardare i diritti” chiedono i Vescovi, ribadendo che le violenze rendono indifendibili anche le richieste legittime e che i meccanismi del dialogo devono essere sempre i canali fondamentali da seguire per la soluzione dei problemi. “Per questo ci rivolgiamo alle autorità nazionali e locali perché non cessino nella ricerca di soluzioni che disinneschino la violenza” scrivono i Vescovi, con un appello particolare alle comunità, agli operatori pastorali, e a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, “a lavorare e a pregare per la pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/01/2022
1808/2022
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Politica

Verdini butta la maschera: «Sono io il regista di tutto»

L’ex braccio destro di Berlusconi rivendica come proprio merito anche le unioni civili

Leggi tutto

Politica

Sette buone ragioni per andare a firmare la proposta del PdF

Il conservatore guarda indietro per andare avanti» (Prezzolini). Ecco perché tornare alla famiglia

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Politica

La scritta in piccolo

Mentre è in corso una campagna elettorale nelle parrocchie i sacerdoti e anche i fedeli più timorati ci dicono sempre che “la politica non si fa in chiesa” e me l’hanno ripetuto così tante volte che quasi mi convincevano. Io in realtà penso che se su alcuni temi non si vuole soccombere le parrocchie dovrebbero assolutamente unirsi e organizzarsi politicamente, il Popolo della Famiglia in fondo è un’avanguardia di questa idea, ma accetto la regola: fuori dalle chiese, facciamo iniziative per strada (domani a Tor sapienza), in un salone affittato (lunedì a San Giovanni), nei ristoranti (mercoledì a Ostia

Leggi tutto

Storie

Cina - Jiangsu: raid della polizia contro scuole cristiane

Colpita l’Abeka Accademy di Suzhou e un istituto privato di Zhenjiang. Decine le persone arrestate, compresi bambini e genitori.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano