Politica

di la redazione

Ferrario (Popolo Famiglia): “A Busto pochi figli, servono incentivi”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

BUSTO ARSIZIO – Bilancio demografico negativo per il secondo anno consecutivo, il Popolo della Famiglia lancia l’allarme denatalità: «Servono incentivi, come il Bonus Natalità, sgravi fiscali e quoziente familiare, ma anche agevolazioni all’acquisto della prima casa per le giovani coppie». Sono le proposte che mette sul tavolo Giuseppe Ferrario, consigliere comunale di Popolo Riforme e Libertà e segretario cittadino del partito fondato da Mario Adinolfi, dopo che i dati dell’anagrafe 2021 hanno mostrato una preoccupante situazione di “inverno demografico” a Busto Arsizio, per dirla con le parole di Papa Francesco.

Il problema denatalità

Per Ferrario è un ritorno in campo dopo i problemi di salute che lo hanno afflitto nel recente passato. «Anche quest’anno a Busto Arsizio si è registrato un calo demografico che solo in parte è stato mitigato dall’arrivo di immigrati. Ma il dato più preoccupante è il bilancio tra nascite e decessi che è di 842 cittadini. Di fronte a 1481 decessi, sono nati solo 639 neonati. E questo per il secondo anno consecutivo – l’analisi del consigliere comunale – sul tema della denatalità si parla ormai da anni, perfino di recente sia il Santo Padre Francesco che il Presidente Mattarella hanno rivelato come la denatalità sia grave e urge introdurre risposte concrete. Come a livello nazionale, Busto non fa eccezione come dimostrano i dati rivelati degli ultimi anni. Per affrontare e superare questa emergenza, vanno introdotte politiche economiche e culturali a livello nazionale e a livello locale. Nello specifico nel nostro territorio di Busto, si possono introdurre incentivi come Bonus Natalità, sgravi fiscali sulle famiglie e introduzione del quoziente familiare sulla tassazione locale, come anche agevolazioni per giovani coppie che desiderano acquistare la prima casa».

La battaglia del PdF Alla luce di questi ultimi dati, ritengo che l’amministrazione di Busto Arsizio debba rispondere a questo problema e noi come Popolo Riforma e Libertà avanzeremo le nostre proposte augurandoci un confronto costruttivo e ampiamente condiviso per invertire questa tendenza negativa. Come esponente del Popolo della Famiglia, ricordo la proposta di legge “Reddito di Maternità” depositata in parlamento nel 2019 che mira incentivare le nascite riconoscendo alle mamme che desiderano occuparsi esclusivamente dei propri figli, un reddito mensile per i primi 8 anni di vita del nascituro».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/01/2022
2506/2022
Ss. Guglielmo da Vercelli e Massimo di Torino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

La Cassazione contro il matrimonio

Non ci sarà più obbligo di mantenere la controparte del contratto nuziale, una volta che sia stata verificata l’abilità di quest’ultima a lavorare. Incredibile silenzio delle femministe, a fronte di una legge che abolisce alcune tutele per le donne impegnate nella cura della casa e dell’educazione primaria. L’effetto sarà l’aumento del numero dei divorzî, dell’impegno sano e generoso dei carismi.

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Media

La nostra risposta: fare 5 cose

Contro il Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, invece, c’è una furia feroce che probabilmente è degna di miglior causa. Per la lobby che noi apertamente sfidiamo, per la sua politica contro la vita e contro la famiglia, per la visione del mondo che vuole trasformare le persone in cose, c’è un solo nemico da attaccare con tutte le energie fino a zittirlo: il Pdf. Torniamo alla domanda. Perché? Perché siamo ostinati e organizzati. Due fattori molto temuti: ostinazione e organizzazione. Sanno che ormai in ogni angolo del Paese c’è un nucleo territoriale organizzato del Popolo della Famiglia. Si tratta del frutto di due anni di lavoro casa per casa, compiuto dal Pdf attraverso l’esperienza di ben tre tornate amministrative ma anche con la presenza quotidiana e fattiva di monitoraggio di quel che accade. E così ogni settimana in Italia ci sono almeno dieci iniziative con dirigenti del Popolo della Famiglia che incontrano persone sul territorio, più di cinquecento all’anno. Ci sono gli iscritti, ci sono le liste, ci sono i candidati, ci sono 48.750 firme da raccogliere che saranno agevolmente raccolte, ci sono centinaia di migliaia di voti che certamente i nostri militanti otterranno alle prossime politiche sui 945 coraggiosi che candidandosi alla Camera e al Senato diranno: fate una croce sul simbolo del Popolo della Famiglia, tutto il resto l’abbiamo già sperimentato e ha portato al disastro attuale.

Leggi tutto

Storie

Il futuro di Vincent

Nel silenzio e nell’apparente disinteresse dei media ieri appena una dozzina di persone ha partecipato all’udienza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano