Politica

di Mario Adinolfi

La premessa falsa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il 22 luglio 2021 Mario Draghi definì il green pass uno strumento con cui “i cittadini possono svolgere attività con la garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose”. Io sono qui per accusare il presidente del Consiglio italiano e i partiti che lo sostengono: avete fatto decreti su decreti fondati su questa premessa falsa. Avete avuto piena consapevolezza di quanto la premessa fosse falsa, perché il contagio si è diffuso attraverso la sensazione di sicurezza che ogni cittadino che voi avete vaccinato e a cui voi avete consegnato un green pass ha intascato con esso, ma avete continuato a legiferare come se la premessa fosse vera.

Io sono qui per accusare il presidente del Consiglio italiano e i partiti che lo sostengono di aver costruito un capro espiatorio, affermando che erano i non vaccinati a diffondere il virus e a oberare di conseguenza il sistema sanitario, creando un clima infame nel Paese e limitando i diritti costituzionali fondamentali di costoro in un modo che non ha precedenti ed in pura malafede, perché la premessa su cui tutto fondavate ormai la sapevate falsa. Non paghi avete stabilito una serie di provvedimenti, con tre decreti legge in dieci giorni nelle feste natalizie, che non ha eguali al mondo stabilendo un obbligo vaccinale generalizzato e scientificamente e giuridicamente insensato per metà della popolazione italiana, quella over 50 a cui si accompagnano i familiari, vessandola ulteriormente e costringendola a vivere senza stipendio e senza potersi muovere o anche solo bere un caffè all’aperto, dove i rischi di contagio sono zero, per puro sadico desiderio di testare il limite di sopportazione di un popolo che sapete obbediente, mai rivoluzionario, cristianamente mite e disposto a chinare il capo davanti al potente.

Io sono qui per accusare il presidente del Consiglio e i partiti che lo sostengono di averlo oltrepassato quel limite: non basterà il collaborazionismo dei mass media censori e asserviti nell’era annunciata della “informazione somministrata” per contenere una rabbia che è sorda ma monta, nelle famiglie italiane stremate da politiche sbagliate fondate su una premessa falsa. La Gran Bretagna vede contrarsi ormai da tempo il numero dei contagiati avendo scelto di non chiudere mai le attività, rifiutando ogni limitazione della libertà tenendo pieni gli stadi con centinaia di migliaia di persone senza mascherina ogni fine settimana, in un clima più rigido del nostro. Persino il dirigista Macron si è rifiutato di imporre l’obbligo vaccinale ai francesi, temendone la reazione e tutto il mondo libero ha fatto solo lo stesso.

Allora resta solo una domanda, presidente Draghi: perché solo in Italia, il paese con il tasso più alto di vaccinati al mondo, dovuto alla docilità popolare di cui sopra? Avete ricattato, hanno ceduto pressoché tutti al ricatto. Perché non vi è bastato? Perché perseguitare un manipolo di resistenti geloso dei propri diritti ma per niente pericoloso, disorganizzato, talvolta maldestramente vociante? Perché, presidente Draghi, perché continuare a decretare limitazioni furibonde dei diritti basate su una premessa che lei sa bene essere falsa? Perché dividere, infiammare, ferite così un Paese? Non attendo risposte, conosco il potere, non ne offre. Spero però che qualcuno prima o poi trovi il coraggio di rivolgerle queste domande guardandola negli occhi perché so, Dio se lo so, che non potrà far altro che abbassare lo sguardo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/01/2022
2201/2022
San Vincenzo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Se le nozze le fissa il commercialista

Nel 2015 i matrimoni sono aumentati, ma i divorzi sono schizzati in su con un +57% rispetto al 2014, evidentemente a causa della novella legge sul divorzio breve. Gli ospiti, con la leggerezza che si addice ad uno studio televisivo come questo, hanno sparato in libertà diverse impressioni personali sul tema: si è detto che sposarsi giovani è un male, perché il matrimonio è un impegno serio, per cui l’aumento dell’età media per convolare a nozze è una cosa buona; bisogna sposarsi quando arriva il momento giusto, salvo poi che questo momento giusto non lo sa definire nessuno.

Leggi tutto

Politica

L’orribile appellativo

La scuola ha tanti problemi ma il ministro della pubblica istruzione italiano sembra particolarmente interessata a questioni di lana caprina…..

Leggi tutto

Politica

In estrema sintesi

La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.

Leggi tutto

Politica

Un caso per riflettere sulla dignità

Neanche una domanda puntuta all’aspirante paladina dei diritti femminili fuori tempo massimo. Il caso Bianca Berlinguer, Asia Argento

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

Politica

PDF: la discontinuità del voto

Il 4 marzo novità e discontinuità vuol dire votare Popolo della Famiglia, ogni voto a questo progetto costituisce una risposta ai violenti di tutti i colori, un sostegno ai più deboli, un investimento sul futuro possibile di un movimento di ispirazione cristiana legato alla difesa dei principi non negoziabili, alla cultura della vita e alla tutela della famiglia naturale. Centinaia di migliaia di cattolici e persone di buona volontà che volessero attestarsi su questa posizione innovativa di discontinuità aprirebbero davvero una pagina entusiasmante

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano