{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} LIBERIA: crescono le comunità cristiane

Politica

di Nathan Algren

LIBERIA: crescono le comunità cristiane

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Da questo nuovo anno i politici si aspettano di vincere le prossime elezioni, ma i poveri di Foya attendono condizioni di vita migliori”, scrive all’Agenzia Fides p. Lorenzo Snider, missionario nella cittadina a nord-ovest della Liberia.

“Il 2022 è appena iniziato, ma gli occhi dei liberiani sono già puntati sul 2023 - racconta il sacerdote della Società per le Missioni Africane (SMA) -. Questo 2022 in Liberia sarà una grande campagna elettorale in cui il presidente George Weah si giocherà tutte le carte per la riconfermarsi per il secondo mandato alla guida del paese della libertà. Nel nostro distretto di Foya, ai confini con la Sierra Leone e la Guinea, - aggiunge p. Lorenzo - si giocherà una delle partite più importanti: il sostegno dei Kissi, etnia del primo contendente e già vicepresidente per 11 anni di Ellen Sirelaf Johnson, Joseph Buakay, e anche uno dei più influenti consiglieri di George Weah, (tra cui il deputato Thomas Fallah ed il senatore Joseph Saah).”

Padre Snider spiega che, come in tutto il paese, anche a Foya la campagna è già iniziata lo scorso anno. “Dopo le elezioni di metà mandato, regali ai capi tradizionali, donazioni alle chiese, promesse di strade migliori, lampioni fotovoltaici piantati in tutte le cittadine e un grande movimento di mezzi e di denaro.”
“Le strade polverose di questa stagione, abituate alle motociclette-taxi, agli sgangherati pickup che trasportano le merci del mercato e qualche macchina delle Ong, sono per qualche giorno prese in ostaggio dai cortei di senatori e deputati. Al mercato si parla soprattutto di loro, delle loro promesse e del loro potere e di quanto potranno fare veramente. Noi missionari continuiamo in questo contesto a lavorare nella discrezione, con la gente e per la gente. Le nostre comunità stanno crescendo un poco alla volta, in numero e dedizione, grazie all’impegno di catechisti e di ‘cristiani semplici’. Sono sempre di più i bambini e i ragazzi che si interessano e raggiungono la nostra Catholic Children Organization CCO, l’ACR della Liberia.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/01/2022
2506/2022
Ss. Guglielmo da Vercelli e Massimo di Torino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La presenza politica dei cattolici secondo Torriero

Dopo avere ascoltato, ascoltato e ancora ascoltato Fabio Torriero, sento confermati i pensieri nati in questi mesi di attività politica con il Popolo della Famiglia. Ciascuno di noi, come cattolico e come cittadino, ha il dovere di attivarsi nella polis, a favore della comunità, per il bene comune, secondo le proprie possibilità, i propri talenti, i propri impegni. Ma deve farlo. Non c’è più tempo. Il nostro disimpegno ha creato un vuoto che altri hanno riempito, attraverso l’imposizione di una nuova antropologia. Si può, si deve coniugare preghiera ed azione: la prima sia carburante per le nostre mani, le nostre gambe, la nostra mente. Ma, perché l’impegno dei cattolici in politica si traduca in attività proficue ed efficaci, non si può prescindere da una formazione strutturata, organizzata, che coinvolga tutto il Popolo della Famiglia. È importante comunicare bene agli altri - cattolici e non - perché siamo nati, in che direzione andiamo e quali sono le nostre battaglie.

Leggi tutto

Politica

E’ finito il tempo delle ambiguità

Le smentite le fa il tempo, che talvolta è così galantuomo da non passare neppure tardi: dopo appena un paio di giorni dalle elezioni che hanno sancito il trionfo del centrodestra in Sicilia comincia ad emergere la struttura di potere che aveva cementato i rapporti di forza della Trinacria in modo da condizionare l’esito elettorale. I cattolici ricevono un precoce ma severo monito.

Leggi tutto

Politica

Cosa accade realmente nel Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi traccia un’analisi degli avvenimenti che hanno contraddistinto la settimana del PDF.

Leggi tutto

Politica

La vittoria disonorata degli anticasta

Cosa è successo in questi dieci anni? Che il sistema politico si è affidato a ogni formula possibile: governo di centrodestra, tecnico di unità nazionale, centrodestra-centrosinistra, nuovocentrodestra-Pd, gialloverde, giallorosso. Qualsiasi formula ha ripetuto lo schema del tentare di massimizzare dalla posizione di potere il proprio consenso politico, allo stesso tempo annullando completamente qualsiasi procedura democratica interna ai partiti. Insomma, i vittoriosi anticasta di quel 2007 ribollente in pochissimi anni si sono fatti casta loro stessi

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

Politica

Lamorgese in aula: scontri a Roma, qualcosa non ha funzionato

«Nell’immediatezza dei fatti ho chiesto al capo della polizia una dettagliata ricostruzione delle evidenti delle criticità che, occorre riconoscerlo, hanno contrassegnato la gestione dell’ordine pubblico di quelle ore. E’ palese che non si sia riusciti a contenere tutti i propositi criminali da cui era mossa la parte violenta dei manifestanti, specie quella istigata da elementi più politicizzati» Sono le parole della Lamorgese

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano