Società

di Danilo Bassan

Aborto maggiore causa di morte nel 2021, non il COVID

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Rispetto a qualsiasi altra causa l’aborto è stata la maggior causa di morte nel mondo durante lo scorso anno. Una notizia confermata dalle statistiche pubblicate da Worldometers (sito web che fornisce dati statistici in tempo reale per diversi argomenti, facente parte del Real Time Statistics Project, gestito da un gruppo internazionale di sviluppatori, ricercatori e volontari). Il sito indipendente raccoglie dati da governi e altre organizzazioni attendibili e quindi riporta i dati, insieme a stime e proiezioni. Ci viene così indicato che 42.640.209 persone sono morte per aborto nel 2021.

Confrontando il numero di aborti con altre cause di morte, inclusi cancro, HIV/AIDS, incidenti stradali e suicidio, gli aborti superano di gran lunga ogni altra causa. Sempre nel 2021 8,7 milioni di persone sono morte di cancro, 5 milioni di fumo, 13 milioni di malattie e 1,7 milioni di HIV/AIDS. Sul totale di 58,7 milioni di persone morte per cause diverse dall’aborto, gli aborti hanno rappresentato il 42% di ogni morte nel mondo l’anno scorso. Ma quello che più sconforta è il confronto con il numero di decessi per COVID con quello di persone decedute per aborto. Worldometers indica in circa 3,5 milioni le persone decedute a causa di COVID in tutto il mondo nel 2021. Molti si chiedono se queste cifre sono accurate, poiché una percentuale considerevole di decessi per COVID non sono effettivamente risultate causate direttamente dal virus stesso, ma si tratta di persone che avevano il virus nel momento in cui sono morte per qualche altra causa. Se consideriamo che le cifre siano abbastanza aderenti alla realtà ne risulta che l’aborto è 12,17 volte più letale del COVID. Il numero di aborti è altissimo, e ognuno di quei 42,6 milioni di aborti nel mondo nel 2021 rappresenta un essere umano la cui vita è stata violentemente distrutta nel grembo materno. Ogni bambino non ancora nato aveva già il proprio DNA unico, che lo distingueva dalla madre. Quel DNA indicava se il bambino era un maschio o una femmina, il colore degli occhi e dei capelli, la sua altezza, possibili malattie genetiche e altre disabilità e molto altro.

Negli Stati Uniti, poco meno di 1 milione di bambini vengono abortiti ogni anno. Sebbene i tassi di aborto siano diminuiti negli ultimi dieci anni, l’aborto rimane la principale causa di morte negli USA. Anche in Italia il tasso di abortività è diminuito negli ultimi anni. Dai dati ISTAT si può osservare che tra il 1980 e il 2019 i tassi di abortività calcolati sulla popolazione femminile sono diminuiti di oltre il 50 per cento per tutte le classi di età, con la sola eccezione delle donne giovanissime (15-19 anni), per le quali si presenta una riduzione più contenuta (ma pur sempre rilevante) pari al 35,0 per cento. Nel triennio 2017-2019 la riduzione del tasso è rallentata, soprattutto per le donne oltre i 35 anni. Nel 2019 continuano a essere le donne giovani (25-29 anni) a mostrare valori più elevati con 10 interruzioni di gravidanza ogni mille arrivando ad un totale di 71.642 aborti. In questi numeri, che indicherebbero una positiva riduzione delle IVG, però mancano i dati relativi all’uso di pillole dei 3/5 giorni dopo che sfuggono ai dati raccolti da ISTAT nelle strutture sanitarie italiane. Su questo aspetto abbiamo già parlato a lungo e criticato aspramente la decisione del ministero di rimuovere la prescrizione medica per la vendita di questi farmaci a minorenni.

Anche questo è un aspetto dei Valori Non Negoziabili che fanno parte del DNA del Popolo della Famiglia, e per questo non cesseremo mai di denunciare i rischi per la salute derivanti dall’assunzione di questi farmaci senza controllo e che riducono l’aborto al pari di un semplice mal di testa e fastidio risolvibile con una pastiglia. La Vita vale molto di più.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/01/2022
2506/2022
Ss. Guglielmo da Vercelli e Massimo di Torino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Priorità è tornare a fare figli

L’Istat certifica inesorabilmente il lungo e strutturale declino demografico italiano. Nel 2015 sono stati iscritti all’anagrafe per nascita 485.780 bambini, quasi 17mila in meno rispetto al 2014, a conferma della tendenza alla diminuzione della natalità (-91mila nati sul 2008). E nei primi sei mesi del 2016 il trend continua inesorabile il volo in picchiata verso il basso: i nuovi nati sono diminuiti del 6%. Il triplo rispetto a un anno fa. Denatalità che ormai risulta sempre più trasversale: italiani e immigrati. I nati da coppie di genitori entrambi italiani scendono a 385.014 nel 2015 (oltre 95 mila in meno negli ultimi sette anni). Ma per il secondo anno consecutivo scende anche il numero di nati da coppie residenti in Italia con almeno un genitore straniero: sono quasi 101 mila nel 2015, pari al 20,7% del totale dei nati a livello medio nazionale (circa il 29% nel Nord e l’8% nel Mezzogiorno).

Leggi tutto

Politica

La scelta di essere mamma

Gregory Pincus (pillola) era un uomo, Robert Edwards (PMA), Patrick Steptoe (PMA), Julius From (preservativo), tutti uomini. Quindi, tornando al convegno sulla fertilità, non trovo granché strano che siano uomini, i medici che sono stati invitati. E non mi si dica che di donne scienziate non ne esistono poiché obbligate al focolare, perché  Marie Curie e Irène Joliot-Curie, Rita Levi Montalcini, Rosalind Franklin, Dorothy Crawfoot Hodgkin, Francoise Barré-Sinoussi, sono tutte donne (alcune anche madri). Le donne, all’interno del mondo della fertilità, esistono, ma alcune si distinguono non certo per grande spirito femminile, o meglio, fanno parte di tutte quelle donne che credono di sostenere le donne attraverso la promozione dell’aborto volontario (che, per inciso, uccide anche le donne nel grembo materno, quindi
non è certo campanilismo femminista): parliamo di Faye Alyce Wattleton o Margaret Louise Higgins Sanger, ‘mamme’ di Plannet Parenthood, ente non proprio sano e a favore della salute pubblica. Per contro noi possediamo Flora Gualdani e Paola Bonzi (e tantissime altre volontarie e ostetriche che si muovono nel silenzio e nel nascondimento), che difendono la vita del bambino sapendo che la donna che riesce a non abortire, poi ringrazierà dell’essere divenuta madre.

Leggi tutto

Società

Covid, Pfizer studia farmaco per prevenire il covid in famiglia

Allo studio della Pfizer anche una terapia antivirale orale per adulti esposti al contagio. Obiettivo: un farmaco per prevenire Covid-19 all’interno di famiglie in cui c’è una persona contagiata dal virus. Proteggendo gli adulti esposti al contagio con una terapia antivirale orale. E’ con quest’obiettivo che Pfizer annuncia di aver avviato uno studio di fase 2/3 (battezzato Epic-Pep) su un candidato antivirale orale da usare in modalità ‘profilassi post-esposizione’ negli over 18. Si tratta, spiega l’azienda, del terzo studio avviato in questo programma globale di ricerca clinica.

Leggi tutto

Società

Lockdown non vaccinati, Crisanti: “Una follia”

E’ una follia dal punto di vista giuridico ed epidemiologico”. E’ nettissimo il no di Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Microbiologia dell’Università di Padova, al cosiddetto ‘modello Austria’, ovvero all’ipotesi di un lockdow solo per i non vaccinati contro Covid-19

Leggi tutto

Politica

Belgio, via il genere maschile o femminile dai documenti

Il governo di Bruxelles ha inviato al Parlamento la proposta di eliminare l’identificazione binaria di genere dalle carte d’identità

Leggi tutto

Storie

Ivana Spagna tra aborto e tentato suicidio

La vita e le difficoltà di Ivana Spagna da cantante di successo al dramma dell’aborto e del tentato suicidio

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano