{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Cuba e il nuovo codice delle famiglie

Società

di Giuseppe Udinov

Cuba e il nuovo codice delle famiglie

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Parlamento cubano ha approvato il progetto del nuovo “Codice delle Famiglie”, che sarà sottoposto a referendum in questo 2022 e che apre le porte al “matrimonio” omosessuale, all’adozione gay, ai “diritti sessuali e riproduttivi” (cioè contraccezione e aborto) e all’ideologia gender.

L’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (Parlamento) ha infatti approvato il Codice della Famiglia, che definisce il matrimonio come “l’unione volontaria di due persone”, senza differenziazione di sesso e include “il pieno sviluppo dei diritti sessuali e riproduttivi nell’ambiente familiare indipendentemente da età, sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere, disabilità o qualsiasi altra circostanza personale; incluso il diritto all’informazione scientifica sulla sessualità, la salute sessuale e la pianificazione familiare, in ogni caso, adeguata alla loro età”.

Il diacono salesiano cubano Maykel Gómez Hernández ha affermato durante un’omelia del 26 dicembre che il nuovo Codice della Famiglia, “invece di aprire ai genitori la possibilità di scegliere la migliore educazione per i loro figli, cerca a tutti i costi di imporre un’educazione dove, ancora una volta, la libertà di decidere brilla per la sua assenza. Non possiamo permetterci il lusso di assistere a come le false ideologie stanno distruggendo la società, che a sua volta distrugge la persona”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/01/2022
2506/2022
Ss. Guglielmo da Vercelli e Massimo di Torino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Sentinelle in piedi e palloncini gonfiati

Successo a Cesena per la veglia delle Sentinelle in Piedi, solita contromanifestazione goffa degli Lgbt con i media che raccontano numeri che non ci sono

Leggi tutto

Storie

Charlie muoia almeno a casa sua

Se la “resa” dei genitori di Charlie Gard è piovuta sul mondo prolife come una doccia gelata, la reazione sconcertante di certe frange di quest’ultimo – che si sono volte ad attaccare i due, rei di non
corrispondere al gonfalone che se n’erano fatto – lascia non meno da riflettere. Anche perché la bella dichiarazione del Bambino Gesù è stata a sua volta travisata come un documento compromissorio

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Politica

L’ALTERNATIVA POPOLARE CHIAMATA PDF

Un’articolata spiegazione sulla posizione del Popolo della Famiglia sul congresso di Verona, che anzi partendo dalla questione del WCF cerchi di dipanare le ragioni dell’ostilità ormai stagionata di quanti vorrebbero veder scomparire il PdF per appaltare con tutt’agio il mondo cattolico alla Lega.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Crepaldi: “Famiglie minacciate dalle devastanti ideologie gender”

L’interessante testo dell’omelia dell’arcivescovo monignor. Giampaolo Crepaldi, pronunciata a Trieste durante la solenne Celebrazione eucaristica presso il santuario diocesano di Santa Maria Maggiore in occasione della Festa cittadina della Madonna della Salute.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano