{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Cuba e il nuovo codice delle famiglie

Società

di Giuseppe Udinov

Cuba e il nuovo codice delle famiglie

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Parlamento cubano ha approvato il progetto del nuovo “Codice delle Famiglie”, che sarà sottoposto a referendum in questo 2022 e che apre le porte al “matrimonio” omosessuale, all’adozione gay, ai “diritti sessuali e riproduttivi” (cioè contraccezione e aborto) e all’ideologia gender.

L’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (Parlamento) ha infatti approvato il Codice della Famiglia, che definisce il matrimonio come “l’unione volontaria di due persone”, senza differenziazione di sesso e include “il pieno sviluppo dei diritti sessuali e riproduttivi nell’ambiente familiare indipendentemente da età, sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere, disabilità o qualsiasi altra circostanza personale; incluso il diritto all’informazione scientifica sulla sessualità, la salute sessuale e la pianificazione familiare, in ogni caso, adeguata alla loro età”.

Il diacono salesiano cubano Maykel Gómez Hernández ha affermato durante un’omelia del 26 dicembre che il nuovo Codice della Famiglia, “invece di aprire ai genitori la possibilità di scegliere la migliore educazione per i loro figli, cerca a tutti i costi di imporre un’educazione dove, ancora una volta, la libertà di decidere brilla per la sua assenza. Non possiamo permetterci il lusso di assistere a come le false ideologie stanno distruggendo la società, che a sua volta distrugge la persona”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/01/2022
2201/2022
San Vincenzo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Matrimonio, 30 casi di discriminazioni

Se difendi la famiglia naturale e l’istituto delle nozze uomo-donna vieni discriminato, un rapporto raccoglie trenta clamorosi casi

Leggi tutto

Società

La lobby lgbt bullizza gli studenti di Bergamo

In nome della libertà di tutti si chiude il giornalino studentesco. Gesto ridicolo e tanto più inquietante in quanto colpisce un oggetto dal raggio effettivo più che modesto. Appunto perché simbolico, la punizione che subisce dev’essere esemplare: così l’Arcigay locale tira le leve giuste perché pochi adulti ricchi e potenti possano imbavagliare pochi studenti liberi.

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Società

Vecchie, nuove e nuovissime #dipendenze

L’Università Gregoriana ha ospitato un convegno organizzato dalla Fondazione Internazionale don Luigi Di Liegro e dedicato alle dipendenze che minano i percorsi battuti ogni giorno dai nostri ragazzi. Molti gli specialisti, nonché i testimoni (specialmente membri delle famiglie): queste ultime concordano nell’affermare che i percorsi di recupero sono efficaci quando i genitori del ragazzo agiscono insieme, di comune accordo.

Leggi tutto

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano