Società

di Nathan Algren

Etiopia:  il Tigray nella morsa di crimini efferati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ tragicamente tutto vero, venite a vedere con i vostri occhi” racconta un esponente della Chiesa locale proveniente dal Tigray etiope, che per motivi di sicurezza chiede l’anonimato. La tragedia alla quale fa riferimento è quella che sta imperversando in tutto il Tigray da quasi due anni.

“Ci sono stragi di innocenti massacrati solo a causa della loro appartenenza etnica, e moltitudini che stanno letteralmente morendo di fame: bisogna aprire immediatamente i corridoi umanitari per soccorrere chi ormai è allo stremo”.
Dall’inizio della guerra, nel novembre 2020, il Tigray è tagliato fuori dal resto del mondo. Gli aiuti umanitari giungono con il contagocce mentre le comunicazioni telefoniche e via Internet sono del tutte interrotte. È quindi difficile avere informazioni su quello che accade nella regione. Ma un dato accertato è che gli aiuti umanitari non riescono a raggiungere la popolazione che è priva di tutto, specie i più bisognosi, malati, anziani, donne e bambini. Manca tutto ciò che possa garantire un minimo di sussistenza: generi alimentari, acqua, farmaci. Sono andati distrutti oltre il 90% degli ospedali, le scuole sono chiuse da due anni, le banche non hanno più moneta.
“Chi è al potere non vuole che la gente parli, che racconti le atrocità che stanno subendo. C’è un clima di terrore, alimentato ulteriormente negli ultimi mesi dalle incursioni mortali di droni da combattimento. Non si era mai vista una cosa del genere nell’Africa sub sahariana. E nella comunità internazionale nessuno prende iniziative adeguate porre fine a tutto questo. Tutti gli attori geopolitici guardano a quello che sta succedendo qui solo nell’ottica dei propri interessi strategici”.

Dapprima il primo Ministro Abiy era sostenuto dalla gente. Poi tutto è cambiato. “Certe azioni sembrano rispondere solo a calcoli spietati di chi è pronto a recitare tutte le parti e anche a tradire i propri cosiddetti ‘alleati’ pur di mantenere il potere a tutti i costi. Adesso si dice che la sua base di potere è rappresentata dall’etnia Amara: ma in realtà nessuno si fida più di nessuno e lo scenario sta diventando quello di una guerra tutti contro tutti. Ovunque l’economia del Paese non esiste più. Non ci sono più investimenti. Tutto è andato distrutto. Distrutte le fabbriche, i luoghi storici, abitazioni distrutte, chiese, missioni tutto distrutto. Nessuno finora ha mai detto nulla. Soltanto Papa Francesco è intervenuto più volte chiedendo di pregare per l’Etiopia. Ma adesso siamo veramente arrivati al punto che qualcuno dica basta! Basta ammazzare la gente, farla morire di fame tenendo chiusi i corridoi umanitari. La mancanza di cibo è diventata l’arma con la quale fare morire le persone e non sfamarle. Generazioni di giovani andate completamente distrutte. Si tratta di 6/7 milioni di persone che soffrono in questa situazione di violenza inaudita.”
“Non abbiamo notizie dei nostri cari, dei nostri amici. Qualcuno si trova in Addis Abeba, in prigione solo perché è tigrino. La gente sta morendo, non ha lavoro, non ha di che sfamarsi. E ogni giorno che passa senza aiuti migliaia di vite muoiono”, conclude il testimone.
La condizione tragica vissuta in Etiopia trova riscontro nelle parole preoccupate di una fonte autorevole della Chiesa. “L’Etiopia si trova in una situazione di enorme difficoltà. Sembra che tutto ci stia spingendo verso il baratro. Cresce il terrore; aumenta la diffidenza tra i gruppi. Preghiamo il Signore perchè finisca questa spirale di violenza: poi potremo trovare le strade per guarire le ferite: ma adesso è soprattutto il momento di salvare le vite di tutti gli innocenti esposti a rischio di morire in un paese dilaniato; dove fino a poco tempo fa tutto sembrava promettere un futuro migliore”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/01/2022
2005/2022
San Bernardino da Siena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Di Matteo (PdF):  “A Padova. Spaccio e degrado infiniti”

Di Matteo (PdF): “C’è voluta l’indagine del Sole24 per far aprire (forse) gli occhi a Giordani”. Furlan (PdF Padova): “Inascoltata la voce di chi grida contro le colonia del male”

Leggi tutto

Società

Legge sulla blasfemia in Pakistan

Solo nel 2021 ci sono state 84 accuse. Le principali vittime sono i musulmani. La stragrande maggioranza dei casi si registrano nel Punjab. Un rapporto appena pubblicato dal Centre for Social Justice evidenzia come l’intolleranza parta dal sistema educativo.

Leggi tutto

Storie

COSTA RICA - Appello dei Vescovi: stop a corruzione e criminalità

“Come Pastori del popolo di Dio, facciamo un appello veemente per arginare l’ondata di violenza e delinquenza che sta colpendo la nostra nazione”

Leggi tutto

Società

Nell’universo del sadismo non c’è amore

La degradazione dell’altro a oggetto di piacere spiega la predilezione degli antieroi sadiani per la sodomia. Scrive Lombardi Vallauri: «Il privilegiamento assoluto e sistematico della sodomia, nel rapporto sia omo- che eterosessuale, esprime nel modo più plastico la generale riduzione dell’altro a puro succube, a sub-giacente, privato del volto e dello sguardo, ossia degli organi della reciprocità, egli è passività pura, materiale per alimentare il fuoco della passione. La posizione fisica nel rapporto esprime il rifiuto dell’incontro, la sterilità del rapporto il rifiuto dell’impegno».

Leggi tutto

Chiesa

ETIOPIA - La Chiesa “soffre e condivide ansie e dolori dell’umanità”

La lettera, pervenuta all’Agenzia Fides, è indirizzata a “tutto il clero cattolico, religiosi e religiose, credenti laici e persone di buona volontà” e giunge a al termine di un anno segnato dall’escalation militare che ha visto fronteggiarsi l’esercito regolare e i ribelli del TPLF (Fronte popolare di liberazione del Tigray) senza esclusione di colpi.

Leggi tutto

Storie

Pakistan: insegnante accusata “in sogno” di blasfemia

Delitto in una madrassa della città di Dera Ismail Khan. Tre donne hanno sgozzato un’altra giovane docente per un comando “ricevuto in sogno dal Profeta”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano