Storie

di Roberto Signori

Iran libera 9 detenuti cristiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con un segnale incoraggiante dopo ripetuti segnali di abusi e repressioni, le autorità iraniane hanno rilasciato nove cristiani - fra cui un pastore protestante e alcuni fedeli della sua comunità - condannati in precedenza a diversi anni di prigione. Una libertà che non è definitiva, perché su di loro pende il giudizio di revisione del processo, ma che rappresenta una luce di speranza in tema di libertà religiosa nel Paese, soprattutto per quanti abbandonano l’islam per il cristianesimo.

La notizia del rilascio è stata accolta con soddisfazione da movimenti e attivisti pro-diritti umani internazionali. Fra le persone liberate vi è il pastore Matthias Abdulreza Ali Haghnejad, della Church of Iran, che doveva scontare cinque anni di galera. Assieme a lui hanno beneficiato del provvedimento altri otto membri della sua comunità.

Alla base della sentenza di condanna del leader cristiano protestante, frutto di un processo lampo tenuto nel settembre 2019, vi era l’accusa di aver “messo in pericolo” la sicurezza dello Stato e aver promosso “il cristianesimo sionista”. Il gruppo avrebbe anche fondato e dato vita a una “chiesa domestica”. Il rev. Haghnejad aveva fatto appello nei primi mesi del 2020, sperando di ottenere quantomeno gli arresti domiciliari dato che le carceri iraniane erano diventate enormi focolai di Covid-19 con lo scoppio della pandemia.

Tuttavia l’istanza era stata respinta dal giudice al termine di una udienza in cui il magistrato, grazie anche al via libera ottenuto dal leader supremo ayatollah Ali Khamenei, aveva potuto aggirare le procedure giudiziarie e confermare la pena. Fra quanti hanno seguito da vicino la vicenda del pastore vi è l’ong internazionale Christian Solidarity Worldwide (Csw), che si è più volte spesa per la sua liberazione con appelli e iniziative di sostegno.

Al momento dell’arresto gli attivisti cristiani avevano manifestato “profonda preoccupazione” per la mancanza di un “giusto processo”. Le accuse a loro carico “sono prive di fondamento” e per questo andavano “rilasciati immediatamente e senza condizioni”. La sentenza e la conferma con respingimento dell’istanza di scarcerazione sembravano aver impresso la parola fine alla vicenda, che ha invece registrato una svolta in positivo a fine anno con il rilascio e la richiesta di revisione del processo. Il pastore Haghnejad ha lasciato la cella il 30 dicembre, mentre gli otto fedeli della sua comunità sono usciti il primo gennaio.

Mervyn Thomas, presidente Csw, ha accolto la notizia con soddisfazione e cauto ottimismo, perché “possono tornare a casa dopo aver trascorso quasi tre anni in prigione”. “Tuttavia - prosegue la nota - stanno ancora affrontando accuse infondate ed eccessive semplicemente per aver esercitato il loro diritto alla libertà di religione o di credo. Non hanno commesso crimini e continuiamo a chiedere alle autorità iraniane di porre fine all’uso strumentale di accuse relative alla sicurezza nazionale contro membri della comunità cristiana che esercitano pacificamente la pratica della loro fede”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/01/2022
2201/2022
San Vincenzo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

A voi piace un mondo così?

l’editoriale di presentazione de La Croce Quotidiano da parte del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Chiesa

Francesco, Bartolomeo, Welby uniti dalla Terra

Papa Francesco, il Patriarca ecumenico Bartolomeo e l’arcivescovo di Canterbury si uniscono per la prima volta in un appello urgente per il futuro del pianeta. Per la prima volta, congiuntamente, mettono in guardia sull’urgenza della sostenibilità ambientale, sul suo impatto sulla povertà e sull’importanza della cooperazione globale. L’esortazione a tutti è a fare ciascuno la propria parte nello “scegliere la vita” per il futuro della Terra.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’udienza generale parla di San Giuseppe

All’udienza generale, il Papa ha iniziato un nuovo ciclo di catechesi dedicato allo sposo di Maria e padre terreno di Gesù

Leggi tutto

Storie

Nicaragua - Dignità umana e libertà per ricostruire il Paese

“La libertà è un altro pilastro su cui il Nicaragua deve essere ricostruito, è la conseguenza del rispetto della dignità” disse Papa Giovanni Paolo II: “La libertà è la misura della dignità e della grandezza dell’uomo”.

Leggi tutto

Società

UNAR, TUTTO QUELLO CHE LE IENE NON VI HANNO DETTO

Il Popolo della Famiglia aveva denunciato questa situazione a Roma quasi un anno fa, in occasione della sua campagna elettorale nella Capitale in cui chiedeva di “estirpare le colonie del male”, indicando proprio in circoli e dark room come quelle finanziate dallo Stato i luoghi dove si sviluppava una cultura del sesso promiscuo che mescolato al consumo sistematico di droghe aveva portato a tragedie come quelle dell’omicidio di Luca Varani. Proprio per questa attività di indagine e denuncia che il Popolo della Famiglia a Roma porta avanti fin dalla sua fondazione nel marzo 2016, siamo in grado di fornirvi i dettagli che Le Iene hanno deliberatamente occultato, non indicando ad esempio il nome dell’associazione finanziata, l’importo complessivo del bando, il legame a doppio filo tra il direttore dell’Unar Francesco Spano e questa associazione ed altre questioni che qui riveleremo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano