Politica

di Giuseppe Bruno

Qualcosa di “diabolico” negli errori di chi ci governa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si diceva un tempo, quando ancora si poteva ragionare: “sbagliare è umano, perseverare nell’errore diabolico”. E anche, per restare in tema, che “il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi”. In ogni caso il diavolo in questa storia sicuramente qualcosa c’entra. A che mi riferisco, penso sia evidente: all’agire del nostro governo. Che il vaccino sia stata l’unica arma usata con decisione e direi quasi cieca fede nell’affrontare la Pandemia è più che evidente. Draghi ne ha fatto il fulcro del suo Programma politico emergenziale, puntando tutto, ma proprio tutto, su questo cavallo che si dimostra sempre più azzoppato. Questa fede cieca in questa scommessa ha fatto si che l’errore dei precedenti governi nell’affrontare la pandemia non solo si sia perpetrato, ma addirittura accresciuto. Avere un piano B in un economista di rango come lui avrebbe dovuto essere la cosa ovvia. Ma farsi trascinare dalla tendenza “universale” era una tentazione troppo forte o addirittura “obbligata” per un esponente dell’establishment mondiale quale lui è.

Come, pur volendo, prendere le distanze dal “Prometeismo global chic” imperante che lo ha espresso? Tanto più che la strada più prudente e razionale (il piano B) richiedeva tempi, organizzazione, serietà e soprattutto spese che forse la stessa Europa finanziatrice (PNRR) non avrebbe visto di buon occhio. A che mi riferisco? A qualcosa già detto all’inizio della Pandemia, circa due anni fa: investire il più possibile sul settore sanitario : moltiplicare posti letto, creare reparti covid, decuplicare, almeno, le terapie intensive, assumere con concorsi straordinari tutto il personale necessario relativamente ai posti creati e potenziare la medicina territoriale e di base propagando il più possibile, con l’aiuto dei medici di base, le cure domiciliari. Una cosa così evidente che se attivata a partire da due anni fa ci consentirebbe oggi di convivere con omicron - che è molto contagiosa, ma molto meno letale - e qualsiasi altra variante come con una particolare epidemia influenzale, non è stata fatta e non se ne parla nemmeno. Non c’è nessun “mea culpa” e nessuna iniziativa politica che vada seriamente in questa direzione. Sembra – ma sembra soltanto - non ci sia coscienza dell’errore e ciò è già diabolico perché ci fa perseverare in esso; ma, di più, c’è l’impressione che il governo perseverando nell’errore e nel dare la colpa della situazione ancora critica soprattutto ai “no vax” stia cercando di costruire quel coperchio che il diavolo non fa quando fa le pentole, cioè le sue malefatte. E intanto l’arma del vaccino sembra sempre più spuntata e gli ospedali rischiano addirittura il “codice nero” nelle terapie intensive. Prima i mesi di immunità garantiti dal vaccino erano nove, oggi sono scesi quasi a quattro e forse la quarta dose non sarà sufficiente, ci vorrà la quinta o la sesta, ecc. Ma, soprattutto, il vaccino, quante dosi tu abbia fatto, sembra proprio non sia capace di fermare il contagio. Si, meno complicanze, meno letalità, ma i reparti sono strapieni e i malati seri di altro genere devono rinviare le cure rischiando, come minimo, di accorciare la propria vita. Però ci si ostina a voler convivere col virus e le sue varianti e, affidandosi ancora all’ottimismo scientifico, si ipotizza, con quali dati scientifici certi alla mano non si sa, che sarà il virus stesso a divenire più buono, tollerante, comprensivo, quasi un agnellino. Allora, ma forse anche per non contrariare troppo i ligi cittadini puntualmente vaccinatisi, si fa finta di niente o quasi. Le scuole devono stare aperte, cioè in presenza, con dei distinguo da rompicapo sulle eventuali scelte di didattica a distanza - la quale sembra da combattere più del virus stesso - e col green pass rinforzato, che poi è quello che tutti i cittadini ligi hanno, si dovrebbe poter fare quasi tutto, tranne i viaggi che si è fatto di tutto per scoraggiare con enorme danno al settore turistico. Intanto, però, ci si allarma per forza di cose, perché l’unico indice intelligente pensato in due anni per far scattare l’emergenza - l’occupazione dei posti letto e delle terapie intensive - inesorabilmente aumenta e ci richiama alla triste realtà, azionando la temuta spada di Damocle dei lokdown. Una domanda viene a questo punto più che lecita: fino a quando staremo con la testa nella sabbia per non vedere la realtà? Ancora senti qualcuno che dice: “si tanti sacrifici e apparenti assurdità, ma ce lo chiede la Scienza”. Si proprio così: l’italiano medio nutrito di tv non riesce a pensarla diversamente. A ognuno il suo mestiere - giustamente lui pensa - io faccio il mio, lo scienziato il suo, il politico il suo, il giornalista il suo. Ma siamo sicuri che ognuno il suo mestiere lo sappia davvero fare e soprattutto che lo faccia o possa fare con l’onestà dovuta?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2022
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’UNICA STRADA

L’unica strada per uscire dalla crisi italiana è la rilegittimazione della politica e la riconsegna dei tecnici al ruolo di tecnici. Ma per far questo i politici devono tornare ad essere del livello di questi tredici uomini la cui impressionante biografia dovreste studiare.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il Natale in pandemia

Ricevendo in Vaticano i partecipanti e gli organizzatori del “Christmas Contest”, concorso canoro rivolto ai giovani,  Papa Francesco ricorda che la nascita di Cristo è “la festa della compassione” e della “tenerezza” e che sono i piccoli gesti a generare “dinamiche culturali, sociali ed educative”.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: «Draghi è inadeguato ad essere il prossimo presidente della Repubblica»

Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia, ex deputato e giornalista, fa le carte ai microfoni del DiariodelWeb.it sull’elezione per il Quirinale

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

Storie

Il Tempo e le verità sul covid

Sui decessi dovuti strettamente al virus (2,9% del totale), il direttore Franco Bechis: “È stato l’Istituto superiore di sanità per bocca del suo stesso presidente a ripetere in ogni conferenza stampa fin dall’inizio della pandemia che quelle cartelle cliniche erano sì un campione parziale, ma rappresentativo di tutta la realtà dell’infezione. Quindi se sbagliata è quella comparazione fra il campione è la realtà, l’errore è dell’Iss, non del Tempo. Se è fake news, va attribuita ai vertici della sanità italiana, non a chi la riporta”

Leggi tutto

Società

I drammatici effetti del Covid sui bambini

In un rapporto, in occasione del 75.mo anniversario del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, si segnalano gli effetti drammatici della pandemia sui più piccoli

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano