Società

di Giuseppe Udinov

ANGOLA - Mancano il lavoro e l’acqua potabile ma non Dio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il senso della vita, a qualsiasi età e in qualsiasi luogo, è volere bene. Noi cristiani anzitutto proclamiamo e testimoniamo che Qualcun Altro ci dà senso perché ci vuole bene: a tutti e sempre” scrive padre Angelo Besenzoni, missionario nella Paróquia Sagrada Família, Musseque-Kicoca, nella periferia della grande capitale dell’Angola. “Non c’è un granché qui nel ‘musseque’, che in lingua kimbundo significa ‘terra rossa’ e che si attribuisce alle agglomerazioni informali sorte nelle zone periferiche di Luanda. Mancano il lavoro e l’acqua potabile, mancano gli ospedali, ma non manca mai la certezza che l’amore di Dio dà un senso a tutto”.

“La mia parrocchia è situata proprio nei cosiddetti ‘musseque’” racconta il missionario della Società per le Missioni Africane (SMA) che da 13 anni condivide con la sua gente la dura vita della periferia.

“Manca il lavoro e chi vuole lavorare deve andare verso Luanda. Sta arrivando quasi ovunque l’elettricità, ma manca ancora l’acqua, qui chiamata ‘prezioso liquido’, che chi può compra per autocisterne, e chi non può acquista a catini e secchi, pagandola comunque un capitale.
In merito all’istruzione, nonostante circa la metà della popolazione sia sotto i vent’anni, i giovani che desiderano studiare sono costretti ad emigrare verso la città vista la precarietà delle scuole elementari e la totale assenza di scuole superiori.

“La crisi del petrolio prima e quella del Covid poi, hanno acuito tutti questi problemi – spiega p. Angelo -. Molte persone hanno perso il lavoro, i prezzi dei generi alimentari sono triplicati, i malati sono male assistiti negli ospedali, assorbiti dalle preoccupazioni del coronavirus. Il caldo, o gli antimalarici che abbiamo in corpo, ci hanno finora protetto dal Covid. I vaccini sono arrivati nelle città, ma non hanno ancora raggiunto i musseque. La gente ha una resilienza e una capacità di adattamento straordinaria, e ogni mese si abitua a campare con sempre meno cibo e denaro.”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2022
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Una riflessione spirituale sul caso Alfie

Alfie Evans e il desiderio di vivere di un bimbo che voleva “soltanto” Amore. “Al nostro bimbo sono spuntate le ali intorno alle 2.30. I nostri cuori sono spezzati. Grazie a tutti per il sostegno”, scriveva mamma Kate nel dare il triste annuncio della morte del piccolo. “Il mio gladiatore ha posato lo scudo e si è guadagnato le ali. Abbiamo il cuore spezzato. Ti voglio bene ragazzo mio”, sono state le parole commoventi del padre Tom.

Leggi tutto

Società

Aziende alla prova del covid

Nel 2020, le aziende con oltre 250 dipendenti hanno registrato un calo del fatturato del -11,2% a fronte delle medie, quelle tra 50 e 249 dipendenti, che hanno evidenziato una maggiore resilienza, con una flessione del fatturato a -7,6%

Leggi tutto

Politica

UN LAVORO CHE CONTINUA

Cinque anni fa, nel giugno 2016, quando il Popolo della Famiglia esordì alle amministrative, non eleggemmo nessuno. Immediatamente ci diedero per “morti nella culla” e si alzarono voci esterne ma anche interne che tra il cattivo e il derisorio chiedevano la chiusura immediata dell’esperimento politico di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato che intendeva dare battaglia in particolare sui “principi non negoziabili” indicati da Papa Benedetto XVI al raduno del Partito popolare europeo del 30 marzo 2006

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Storie

Sul filo del rasoio

Sei abituato a viaggiare sul filo del rasoio… e a volte oltre. Questo, però, ti fa sentire vivo. I graffi e le cicatrici che hai te lo ricordano molto concretamente. Gli ematomi, le ferite e le fratture fanno male ma sono parte integrante del gioco… sono la vita. Senza di loro non conosceresti i tuoi limiti e penseresti di
essere invincibile… di essere il dio della tua vita.

Leggi tutto

Società

Vivere da madri per essere donne

L’ospedalizzazione ordinaria dei parti è uno dei fattori che ha contribuito all’abbattimento del tasso di mortalità neonatale, ma la medicalizzazione della gravidanza è uno di quelli che negli scorsi decenni ha portato all’alienazione delle donne dalla maternità. Mentre diventavano titolari di fantasiosi diritti, perdevano il controllo di quella dimensione peculiare che le rende uniche.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano