Società

di Danilo Bassan

È l’aborto e non il COVID la principale causa di morte nel 2021

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Rispetto a qualsiasi altra causa l’aborto è stata la maggior causa di morte nel mondo durante lo scorso anno. Una notizia confermata dalle statistiche pubblicate da Worldometers (sito web che fornisce dati statistici in tempo reale per diversi argomenti, facente parte del Real Time Statistics Project, gestito da un gruppo internazionale di sviluppatori, ricercatori e volontari). Il sito indipendente raccoglie dati da governi e altre organizzazioni attendibili e quindi riporta i dati, insieme a stime e proiezioni. Ci viene così indicato che 42.640.209 persone sono morte per aborto nel 2021. Confrontando il numero di aborti con altre cause di morte, inclusi cancro, HIV/AIDS, incidenti stradali e suicidio, gli aborti superano di gran lunga ogni altra causa. Sempre nel 2021 8,7 milioni di persone sono morte di cancro, 5 milioni di fumo, 13 milioni di malattie e 1,7 milioni di HIV/AIDS. Sul totale di 58,7 milioni di persone morte per cause diverse dall’aborto, gli aborti hanno rappresentato il 42% di ogni morte nel mondo l’anno scorso. Ma quello che più sconforta è il confronto con il numero di decessi per COVID con quello di persone decedute per aborto. Worldometers indica in circa 3,5 milioni le persone decedute a causa di COVID in tutto il mondo nel 2021. Molti si chiedono se queste cifre sono accurate, poiché una percentuale considerevole di decessi per COVID non sono effettivamente risultate causate direttamente dal virus stesso, ma si tratta di persone che avevano il virus nel momento in cui sono morte per qualche altra causa. Se consideriamo che le cifre siano abbastanza aderenti alla realtà ne risulta che l’aborto è 12,17 volte più letale del COVID. Il numero di aborti è altissimo, e ognuno di quei 42,6 milioni di aborti nel mondo nel 2021 rappresenta un essere umano la cui vita è stata violentemente distrutta nel grembo materno. Ogni bambino non ancora nato aveva già il proprio DNA unico, che lo distingueva dalla madre. Quel DNA indicava se il bambino era un maschio o una femmina, il colore degli occhi e dei capelli, la sua altezza, possibili malattie genetiche e altre disabilità e molto altro. Negli Stati Uniti, poco meno di 1 milione di bambini vengono abortiti ogni anno. Sebbene i tassi di aborto siano diminuiti negli ultimi dieci anni, l’aborto rimane la principale causa di morte negli USA. Anche in Italia il tasso di abortività è diminuito negli ultimi anni. Dai dati ISTAT si può osservare che tra il 1980 e il 2019 i tassi di abortività calcolati sulla popolazione femminile sono diminuiti di oltre il 50 per cento per tutte le classi di età, con la sola eccezione delle donne giovanissime (15-19 anni), per le quali si presenta una riduzione più contenuta (ma pur sempre rilevante) pari al 35,0 per cento. Nel triennio 2017-2019 la riduzione del tasso è rallentata, soprattutto per le donne oltre i 35 anni. Nel 2019 continuano a essere le donne giovani (25-29 anni) a mostrare valori più elevati con 10 interruzioni di gravidanza ogni mille arrivando ad un totale di 71.642 aborti. In questi numeri, che indicherebbero una positiva riduzione delle IVG, però mancano i dati relativi all’uso di pillole dei 3/5 giorni dopo che sfuggono ai dati raccolti da ISTAT nelle strutture sanitarie italiane. Su questo aspetto abbiamo già parlato a lungo e criticato aspramente la decisione del ministero di rimuovere la prescrizione medica per la vendita di questi farmaci a minorenni. Anche questo è un aspetto dei Valori Non Negoziabili che fanno parte del DNA del Popolo della Famiglia, e per questo non cesseremo mai di denunciare i rischi per la salute derivanti dall’assunzione di questi farmaci senza controllo e che riducono l’aborto al pari di un semplice mal di testa e fastidio risolvibile con una pastiglia. La Vita vale molto di più.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2022
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Mary Gatter vuole “una Lamborghini”

Così ha detto ridendo l’alta funzionaria di Planned Parenthood nel nuovo video pubblicato ieri dal Center for Medical Progress: si parla di veri e propri “compensi”, non di “rimborsi spesa”; ma «ne deve valere la pena». Planned Parenthood è nel caos per gli affondi ricevuti in quello che si annuncia come un temibile “abortionleaks”: ieri sera è stata diramata una lista di nomi di “anti-choice”, una vera e propria lista di proscrizione. Ora la Richards e i suoi collaboratori accusano gli altri di mentire, laddove gli altri semplicemente pubblicano le dichiarazioni pubbliche dei primi mettendole a confronto con quelle private

Leggi tutto

Chiesa

Una parrocchia ad Ostia e cinque nuovi cardinali per Papa Francesco

Fine settimana intenso per il Santo Padre, impegnato in attività comprese tra il governo della Chiesa particolare di Roma e quello della Chiesa universale. Da una parte la benedizione delle famiglie in una parrocchia di Ostia, in compagnia del parroco; dall’altra l’annuncio di un nuovo concistoro

Leggi tutto

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi, il cavaliere nero

Su Reteluna è uscita una lunga intervista, per chi è proprio molto curioso di alcuni dettagli sulla vita vita presente e passata di Mario Adinolfi: “Ho imparato che conta solo ciò che dura. Quanto alla visibilità, non l’ho mai cercata: mica ci guadagni nulla se finisci cento volte su Dagospia”.

Leggi tutto

Chiesa

CEI: al via il Consiglio permanente

Bassetti sottolina come una “grave inquietudine la prospettiva di un referendum per depenalizzare l’omicidio del consenziente. Autorevoli giuristi hanno messo in evidenza serie problematiche di compatibilità costituzionale nel quesito per il quale sono state raccolte le firme e nelle conseguenze che un’eventuale abrogazione determinerebbe nell’ordinamento”. “E’ necessario ribadire che non vi è espressione di compassione nell’aiutare a morire, ma il prevalere di una concezione antropologica e nichilista in cui non trovano più spazio né la speranza né le relazioni interpersonali. C’è una contraddizione stridente tra la mobilitazione solidale, che ha visto un Paese intero attivarsi contro un virus portatore di morte, e un’iniziativa che, a prescindere dalle intenzioni dei singoli firmatari della richiesta referendaria, propone una soluzione che rappresenta una sconfitta dell’umano”, confida il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.

Leggi tutto

Storie

Covid, il virus nelle particelle (che sfuggono alle mascherine) è infettivo

Covid, il virus nelle particelle che sfuggono alle mascherine è infettivo: lo studio dell’università di Trieste

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano