Società

di Danilo Bassan

È l’aborto e non il COVID la principale causa di morte nel 2021

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Rispetto a qualsiasi altra causa l’aborto è stata la maggior causa di morte nel mondo durante lo scorso anno. Una notizia confermata dalle statistiche pubblicate da Worldometers (sito web che fornisce dati statistici in tempo reale per diversi argomenti, facente parte del Real Time Statistics Project, gestito da un gruppo internazionale di sviluppatori, ricercatori e volontari). Il sito indipendente raccoglie dati da governi e altre organizzazioni attendibili e quindi riporta i dati, insieme a stime e proiezioni. Ci viene così indicato che 42.640.209 persone sono morte per aborto nel 2021. Confrontando il numero di aborti con altre cause di morte, inclusi cancro, HIV/AIDS, incidenti stradali e suicidio, gli aborti superano di gran lunga ogni altra causa. Sempre nel 2021 8,7 milioni di persone sono morte di cancro, 5 milioni di fumo, 13 milioni di malattie e 1,7 milioni di HIV/AIDS. Sul totale di 58,7 milioni di persone morte per cause diverse dall’aborto, gli aborti hanno rappresentato il 42% di ogni morte nel mondo l’anno scorso. Ma quello che più sconforta è il confronto con il numero di decessi per COVID con quello di persone decedute per aborto. Worldometers indica in circa 3,5 milioni le persone decedute a causa di COVID in tutto il mondo nel 2021. Molti si chiedono se queste cifre sono accurate, poiché una percentuale considerevole di decessi per COVID non sono effettivamente risultate causate direttamente dal virus stesso, ma si tratta di persone che avevano il virus nel momento in cui sono morte per qualche altra causa. Se consideriamo che le cifre siano abbastanza aderenti alla realtà ne risulta che l’aborto è 12,17 volte più letale del COVID. Il numero di aborti è altissimo, e ognuno di quei 42,6 milioni di aborti nel mondo nel 2021 rappresenta un essere umano la cui vita è stata violentemente distrutta nel grembo materno. Ogni bambino non ancora nato aveva già il proprio DNA unico, che lo distingueva dalla madre. Quel DNA indicava se il bambino era un maschio o una femmina, il colore degli occhi e dei capelli, la sua altezza, possibili malattie genetiche e altre disabilità e molto altro. Negli Stati Uniti, poco meno di 1 milione di bambini vengono abortiti ogni anno. Sebbene i tassi di aborto siano diminuiti negli ultimi dieci anni, l’aborto rimane la principale causa di morte negli USA. Anche in Italia il tasso di abortività è diminuito negli ultimi anni. Dai dati ISTAT si può osservare che tra il 1980 e il 2019 i tassi di abortività calcolati sulla popolazione femminile sono diminuiti di oltre il 50 per cento per tutte le classi di età, con la sola eccezione delle donne giovanissime (15-19 anni), per le quali si presenta una riduzione più contenuta (ma pur sempre rilevante) pari al 35,0 per cento. Nel triennio 2017-2019 la riduzione del tasso è rallentata, soprattutto per le donne oltre i 35 anni. Nel 2019 continuano a essere le donne giovani (25-29 anni) a mostrare valori più elevati con 10 interruzioni di gravidanza ogni mille arrivando ad un totale di 71.642 aborti. In questi numeri, che indicherebbero una positiva riduzione delle IVG, però mancano i dati relativi all’uso di pillole dei 3/5 giorni dopo che sfuggono ai dati raccolti da ISTAT nelle strutture sanitarie italiane. Su questo aspetto abbiamo già parlato a lungo e criticato aspramente la decisione del ministero di rimuovere la prescrizione medica per la vendita di questi farmaci a minorenni. Anche questo è un aspetto dei Valori Non Negoziabili che fanno parte del DNA del Popolo della Famiglia, e per questo non cesseremo mai di denunciare i rischi per la salute derivanti dall’assunzione di questi farmaci senza controllo e che riducono l’aborto al pari di un semplice mal di testa e fastidio risolvibile con una pastiglia. La Vita vale molto di più.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La cattiva coscienza di una civiltà

Sui giornali e tra i social è virale la fotografia del bambino siriano migrante affogato in un naufragio e depositato dalla marea sulle rive turche; stupisce ancora di più il silenzio assordante sulle sconvolgenti rivelazioni provenienti dai video del Center for Medical Progress. Sintomi di una civiltà schizofrenica

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Società

L’Irlanda s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”

Iil 25 maggio 2018 rappresenta un passaggio destinato a segnare un’epoca: l’Irlanda, terra di secolari radici cristiane, s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”. Crediamo, però, abbia gli anticorpi per scuotersi finalmente e risalire la china.

Leggi tutto

Società

Il Consiglio di Stato francese e la vita di Vincent Lambert

L’udienza si è svolta venerdì 29 marzo 2019 e i giudici amministrativi supremi si sono concessi tre settimane per esprimere il loro giudizio. Giudizio che può spaziare dall’accettazione della cessazione delle cure (e quindi condannare a morte di Vincent Lambert) alla raccomandazione di trasferire Vincent Lambert in un istituto specializzato che abbia l’esperienza e la competenza per prendersi cura del suo stato semi-relazionale (coscienza minima), stato nel quale vivono circa 1.700 persone in Francia.

Leggi tutto

Storie

I corto circuiti dell’intelligenza oggi. E domani?

Dove ci porteranno i cortocircuiti dell’intelligenza. Che essi esistano e siano sempre più evidenti e invadenti appare indubitabile.

Leggi tutto

Politica

Curiosità sul G20

Vaccini, clima e salute al centro dell’agenda del capi di Stato. In programma oggi il meeting congiunto dei ministri delle Finanze e della Salute per fare il punto sui vaccini e sulla situazione pandemica.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano