Società

di Nathan Algren

Gran Bretagna: due sentenze pro cristiani discriminati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel Regno Unito, negli ultimi giorni, due sentenze ‘storiche’ hanno riaffermato con forza il diritto assoluto alla libertà di religione e coscienza nella sfera pubblica e nella sfera professionale per i cristiani.

Il primo caso è quello accaduto alla infermiera cattolica di Londra Mary Onuoha che era stata rimossa dal suo ruolo di praticante del servizio sanitario (NHS) al Croydon University Hospital nel sud di Londra nel giugno 2020, dopo aver affrontato anni di ostilità da parte dei suoi superiori e dei capi dell’ospedale stesso. Il suo torto era stato quello di non accettare l’invito a togliersi dal collo o nascondere la catenina che indossava con il crocifisso esposto sul camice. Alla Onuoha è stato chiesto di rimuovere la sua collana nel 2014, 13 anni dopo aver iniziato a lavorare in ospedale, e successivamente nel 2015 e 2016. Le era stato detto che indossare una collana con un ciondolo forma di croce era una violazione del ‘codice di abbigliamento’ ospedaliero e che se non l’avesse tolta avrebbe affrontato un’azione disciplinare. Quando Mary Onuoha si è rifiutata, è stata rimossa dalle aree cliniche in cui operava e degradata a vari ruoli amministrativi, sino alla posizione di ‘receptionist’, prima di dimettersi nell’agosto 2020 a causa delle umiliazioni e vessazioni subite per la ‘croce’ che portava al collo.

Forte delle proprie ragioni e sostenuta dal team legale del Christian Legal Center, la Onuoha ha presentato denuncia contro l’Ospedale della Croydon University, chiesto il reintegro nelle proprie funzioni, i danni per le vessazioni subite ed il pieno rispetto del proprio diritto di libertà religiosa e, dunque di poter lavorare con in collo e sulla divisa la croce cristiana. Ha sostenuto che la direzione ospedaliera aveva violato il suo diritto alla libertà di religione ai sensi dell’articolo 9 della Convenzione europea sui diritti umani e che il trattamento era una discriminazione religiosa, una molestia e una vittimizzazione ai sensi dell’Equality Act inglese del 2010. Nella sua sentenza il Tribunale del lavoro di Londra ha criticato l’Ospedale per non aver preso in considerazione i diritti religiosi della Onuoha e per non aver applicato coerentemente la sua politica del codice di abbigliamento, visto che altre infermiere indossavano in bella mostra altri simboli e ciondoli, hijab, turbanti e braccialetti religiosi. Di conseguenza, ha ritenuto che il suo licenziamento fosse “senza una causa ragionevole e adeguata… perché “Non c’era alcuna spiegazione spiegazione adeguata del perché questi articoli fossero permessi, ma la collana a croce no”.

La sentenza ha notato l’importanza di permettere ai cristiani di vivere pienamente e pubblicamente la loro fede basata sull’insegnamento biblico, aggiungendo che “impedire ai cristiani di mostrare la croce è stata una caratteristica di campagne di persecuzione ” in tutto il mondo. Tutta la stampa inglese ha dovuto prenderne atto e rilevare l’importanza della decisione, ribadita dal capo di Christian Concern e Legal Center Andrea Williams che ha rilevato come “la sentenza chiarisce che il calvario di Mary è derivato in gran parte dall’incomprensione da parte dei dirigenti dell’Servizio Sanitario Nazionale (NHS) della guida del Dipartimento della Salute sulle uniformi per il suo personale… Sarebbe facile modificare la guida per chiarire che l’uso di croci da parte del personale medico deve essere consentito”.

La seconda sentenza di capitale importanza è quella presa dalla Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo che, nel rigettare il ricorso di un leader dei diritti LGBTI inglesi, ha confermato la validità assoluta della sentenza della Corte Suprema del Regno Unito a favore di una coppia panettieri e pasticceri di Belfast che si erano rifiutati di preparare un torta che inneggiava al matrimoni gay. Il caso è arrivato a conclusione lo scorso 6 gennaio, sette anni dopo che la Ashers Baking Co., un negozio di panificazione e pasticceria a conduzione familiare di cristiani, ha rifiutato di scrivere “sostenete il matrimonio gay” su una torta del valore di 36 sterline. Uno dei leaders dei diritti LGBTI inglesi, Gareth Lee aveva allora denunciato i coniugi Mc Arthur, proprietari della Ashers, nel 2015, i quali erano stati condannati per ‘discriminazione’ sulla base dell’orientamento sessuale, dal tribunale di contea di Belfast e da una corte d’appello della stessa città. Tuttavia, i coraggiosi e giovani pasticceri Daniel and Amy McArthur non si erano dati per vinti e avevano impugnato le sentenze davanti alla Corte Suprema del Regno Unito. Il 10 ottobre 2018 la più alta Corte del Regno Unito dava ragione ai coniugi McArthur stabilendo, con una sentenza deliberata all’unanimità, che il rifiuto della panetteria Ashers di fare una torta con uno slogan a sostegno del matrimonio omosessuale non era discriminatorio. Una sentenza che proteggeva la libertà di parola e la libertà di coscienza di tutti, ma che per l’attivista LGBTI Gareth Lee era invece preoccupante per “le implicazioni per tutta la comunità gay”.

Fatto ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, le pretese LGBTI di imporre i propri desideri ai cristiani sono crollate definitivamente. La Corte di Strasburgo ha riconosciuto che la Suprema Corte inglese abbia rispettato i diritti umani dei propri cittadini nel rispetto delle norme inglesi e della Convenzione Europea dei Diritti Umani. Il ricorso è stato respinto, perché inammissibile. E’ una grande vittoria per la libertà di espressione, religiosa e d’impresa.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2022
2501/2022
Conversione di San Paolo apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La lobby lgbt bullizza gli studenti di Bergamo

In nome della libertà di tutti si chiude il giornalino studentesco. Gesto ridicolo e tanto più inquietante in quanto colpisce un oggetto dal raggio effettivo più che modesto. Appunto perché simbolico, la punizione che subisce dev’essere esemplare: così l’Arcigay locale tira le leve giuste perché pochi adulti ricchi e potenti possano imbavagliare pochi studenti liberi.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Politica

L’Europarlamento condanna la Polonia sul divieto di aborto

I deputati del Parlamento Europeo hanno ribadito la loro ferma condanna per la sentenza pronunciata dal Tribunale costituzionale illegittimo il 22 ottobre 2020, che impone un divieto di aborto pressoché assoluto e mette a repentaglio la salute e la vita delle donne.

Leggi tutto

Società

TRE CIFRE, TRE LETTERE, FORSE UNO SPIRAGLIO ?

C’è un sistema fatto di persone che hanno dimenticato la civiltà e il senso dell’umano, c’è un insieme di funzioni, di uffici, di scrivanie popolati dal genere umano che di umano pare avere ben poco in particolar modo se l’umano da “trattare” è l’infanzia, l’infanzia in senso lato.
Pensiamo a come ogni tassello sia al suo posto e a come il valore più importante quale il tempo venga dilatato e reso “biblico”… i giorni i mesi e gli anni si sommano ora dopo ora,  i figli sono strappati dilaniati psichiatrizzati psicologizzati nel tentativo di cancellare colei che ha donato loro la vita.

Leggi tutto

Politica

Vittorie e proposte

Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale.

Leggi tutto

Storie

Gran Bretagna. Le ostetriche cancellano i termini mamma e donna

Polemiche per le linee guida «neutre» del Royal College of Midwives, la più antica delle organizzazioni britanniche votate alla maternità

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano