Storie

di Nathan Algren

Honduras - Assassinato un operatore pastorale indigeno

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Condanniamo con la massima fermezza l’omicidio di Pablo Isabel Hernández, leader del gruppo indigeno Lenca, nella zona occidentale dell’Honduras. Delegato della Parola di Dio (operatore pastorale ufficiale della Chiesa cattolica dell’Honduras), direttore di ‘Radio Tenán, la voce indígena Lenca’, difensore dei diritti umani e della Casa Comune, presidente della Rete degli Agroecologi della Biosfera Cacique Lempira, promotore dell’Università Indigena e dei Popoli e Sindaco di La Auxiliaría de La Vara Alta de Caiquín, nel dipartimento di Lempira”. Così si esprime la dichiarazione congiunta firmata da Monsignor Miguel Cabrejos Vidarte, Arcivescovo di Trujillo, Presidente del Consiglio episcopale latinoamericano (CELAM), e da Mons. Gustavo Rodríguez Vega, Arcivescovo di Yucatan, Presidente della Rete ecclesiale ecologica mesoamericana (REMAM), in merito all’omicidio di Pablo Isabel, avvenuto nel comune di San Marcos de Caiquín, dipartimento di Lempira, quando uomini sconosciuti gli hanno sparato alla schiena.

“Paolo era un uomo di Dio – ricorda il comunicato -, che amava la sua famiglia, amava la propria gente, rispettava e faceva rispettare la Casa Comune. Domenica mattina si dirigeva verso la comunità per guidare una celebrazione della Parola. Ora partecipa alla Domenica senza tramonto”.

I due Presidenti del CELAM e della REMAM presentano le condoglianze alla moglie, ai figli, ai parenti e agli amici di Pablo, esprimendo sostegno anche “al popolo dell’Honduras, vittima di potenti reti criminali che hanno reso il paese il quinto al mondo per il maggior numero di omicidi di difensori dell’ambiente”.
Insieme al popolo honduregno, alle istituzioni e organizzazioni internazionali, ai difensori dei diritti umani e dell’ambiente, il comunicato “esige dalle autorità competenti il rapido chiarimento di questo vile crimine, nonché la sottomissione alla giustizia penale dei responsabili e l’immediata esecuzione delle misure di protezione per gli attivisti del movimento sociale, ambientale e per i diritti umani dell’Honduras”.

Anche la rete “Iglesias y Minería” ha condannato “con energia e dolore l’omicidio del difensore dei diritti umani e comunicatore sociale”, chiedendo che le autorità “svolgano un’indagine rapida, esaustiva e indipendente che includa tra le sue linee di indagine il lavoro di difesa dei diritti umani esercitato da Pablo Hernández”. L’opinione pubblica internazionale è invitata a mobilitarsi affinché in Honduras, e in tutti i paesi, siano garantite la verità, la giustizia e la riparazione delle vittime per questo tipo di crimini, e allo stesso tempo per difendere e sostenere giornalisti e media che “promuovono la democrazia, difendono i diritti delle persone, delle comunità e della natura”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2022
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

A voi piace un mondo così?

l’editoriale di presentazione de La Croce Quotidiano da parte del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Storie

Sangue italiano sparso sulle strade del Congo

Attanasio, 44 anni da compiere a maggio, era a Kinshasa dal 2017. Quattro mesi fa aveva vinto il Premio Nassiriya per la pace “per aver contribuito alla realizzazione di progetti umanitari distinguendosi per l’altruismo a sostegno delle persone in difficoltà.

Leggi tutto

Media

Storie di donne consacrate vittime del male

E’ nelle librerie il volume di Salvatore Cernuzio intitolato “Il velo del silenzio. Abusi, violenze, frustrazioni nella vita religiosa femminile”, edito da San Paolo. Ecco la prefazione al libro scritta dal suor Nathalie Becquart, sottosegretario della Segreteria generale del Sinodo dei Vescovi

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco - Dio si trova nella realtà di ogni giorno

Il Papa invita ancora a chiedersi come ci poniamo noi davanti al Signore, se come i suoi compaesani crediamo “di sapere tutto su di Lui”, pensiamo di conoscerlo bene “con le nostre idee e i nostri giudizi”, rischiando di chiuderci alle novità di Gesù e di rimanere “fissi sulle nostre posizioni”. Il Signore ci chiede “una mente aperta e un cuore semplice e quando una persona ha una mente aperta, un cuore semplice ha la capacità di sorprendersi”. Quindi indica Maria come modello di umiltà e disponibilità: che lei “ci mostri la via per accogliere Gesù”.

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - La gente chiede al governo di proteggere le minoranze religiose

Leggi tutto

Storie

COSTA RICA - Appello dei Vescovi: stop a corruzione e criminalità

“Come Pastori del popolo di Dio, facciamo un appello veemente per arginare l’ondata di violenza e delinquenza che sta colpendo la nostra nazione”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano