Storie

di Nathan Algren

USA: detenuti maschi trans trasferiti segretamente in una prigione femminile

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nello stato dell’ Illinois diversi uomini violenti sono stati trasferiti in una prigione femminile negli ultimi mesi senza preavviso pubblico, dopo che un tribunale distrettuale ha deciso che le carceri statali non dovrebbero ospitare automaticamente i detenuti sulla base dei loro genitali o del loro aspetto fisico. Uno degli uomini è stato poi messo in isolamento dopo che un’indagine ha stabilito che aveva violentato in carcere diverse donne dopo aver interrotto l’assunzione di ormoni.

L’American Civil Liberties Union (ACLU) ha lavorato a stretto contatto con gli uomini per aiutarli a ottenere i trasferimenti, intentando un’azione collettiva per loro conto. Sebbene i nomi di nascita degli uomini rimangano i loro nomi legali, l’ACLU ha fatto usare agli uomini nomi falsi e femminili su tutti i documenti del tribunale. Ciò ha avuto l’effetto di impedire che i precedenti penali di violenza sessuale degli uomini che richiedevano il trasferimento venissero resi noti al pubblico.

Il dottor William Puga, capo della psichiatria IDOC (il Comitato che sovrintende la sicurezza, il collocamento e il trattamento dei detenuti che si identificano come transgender) ha riferito che i detenuti maschi non sono stati “ben accolti” nella prigione femminile: “Molte donne affidate all’IDOC sono state esposte a violenze domestiche, fisiche o emotive e sono quindi spaventate dai prigionieri maschi”. Tuttavia, “queste difficoltà non hanno dissuaso il Comitato dal considerare le richieste di trasferimento su base individuale”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2022
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

“Mamma, papà e gender”: gli errori di Michela Marzano sull’uomo, su Dio e su altre bazzecole

Da pochi giorni è in vendita in libreria l’ultimo pamphlet di Michela Marzano, che della c.d. “lotta per i diritti civili” ha fatto la cifra del suo impegno politico. La filosofa romana naturalizzata parigina spende (comprensibilmente) molte energie per promuovere il suo ultimo lavoro, ma a questa recensione – che dell’opuscolo in questione rileva gravi limiti – non ha riservato che una malcelata stizza. Un motivo di più per sottoporla al giudizio dei prudenti lettori, che sapranno giudicare. Resta beninteso che se lei volesse andare oltre gli insulti elusivi cui si è finora limitata, ribattendo nel merito alle nostre critiche, noi saremmo felici di ospitarla in un dibattito veramente alla pari (e senza tagli)

Leggi tutto

Società

Forse l’Ohio salverà i down

Il problema resta chi salverà noi, dalla nostra ipocrisia e dalla nostra schizofrenia: da una parte facciamo (giustamente) di tutto per attenuare le ingiuste discriminazioni e neutralizzare le barriere sociali come quelle architettoniche; dall’altra ci compiaciamo di approvare progetti eugenetici che comportano ipso facto l’uccisione attiva e volontaria di decine di migliaia di esseri umani. Qualche Paese al mondo (Indiana, Nord Dakota e Ohio, pare) fa marcia indietro

Leggi tutto

Storie

Unicef: 170 bambini haitiani espulsi da USA e Cuba

Secondo l’Unicef, circa 170 bambini haitiani sono arrivati due giorni fa a Port-au-Prince con i loro genitori dopo esser stati espulsi dagli Stati Uniti e da Cuba. Molti dei bambini provengono da Haiti sudoccidentale e sono partiti due o tre settimane dopo il terremoto dello scorso agosto nel tentativo di raggiungere gli Stati Uniti.

Leggi tutto

PoliticaMedia

Il film sull’aborto. «Unplanned» finalmente visibile in televisione

Sabato 26 febbraio si può vedere sulla tv di casa il film campione di incassi negli Usa che racconta la storia di Abby Johnson, da dirigente di clinica per aborti ad attivista pro life.

Leggi tutto

Società

USA - Lesbiche fanno causa alla clinica per la fertilità

Una coppia lesbica ha fatto causa a una clinica per la fertilità dopo aver saputo che l’embrione che avevano impiantato in una delle due era un maschio e non una femmina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano