{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} HAITI - Consacrata la nuova chiesa di San Gerardo

Chiesa

di Tommaso Ciccotti

HAITI - Consacrata la nuova chiesa di San Gerardo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Domenica 9 gennaio resterà indelebilmente una data segnata per sempre nel cuore dei parrocchiani e negli annali della Congregazione dei Redentoristi per l’inaugurazione della nuova chiesa parrocchiale di San Gerardo Maiella, nel quartiere Carrefour-Feuilles della capitale, Port-au-Prince. Dopo quasi 12 anni dal terremoto che distrusse la vecchia chiesa parrocchiale, e dopo quattro anni di duro lavoro e il sacrificio di molti lavoratori, l’Arcivescovo di Port-au-Prince, Monsignor Max Leroy Mesidor, ha inaugurato la nuova chiesa parrocchiale, in clima un di festa, di preghiera e di gioia.

Come informa il missionario redentorista padre Renold Antoine, l’Arcivescovo è stato il primo ad entrare nel tempio in solenne processione, seguito da sacerdoti, religiosi, gruppi, autorità e fedeli. La nuova chiesa, sebbene di ampie dimensioni, era comunque troppo piccola per accogliere quanti volevano partecipare alla celebrazione. La cerimonia, carica di simboli, è stata vissuta intensamente da tutti i presenti. Tra i momenti più emozionanti l’accensione delle candele, l’unzione dell’altare con il crisma, l’incensazione del tempio, la prima consacrazione… Il tutto accompagnato dai canti eseguiti dal coro parrocchiale.

Il parroco, padre Jean-Claudel Pierre, C.Ss.R, nel suo discorso ha ringraziato il Signore per questo lavoro e ha anche ringraziato l’Arcivescovo per la sua cura pastorale verso i fedeli di San Gerardo, gli architetti, gli ingegneri e gli operai che hanno lavorato per ricostruire questo edificio. Allo stesso modo ha ringraziato tutte le istituzioni e le persone che hanno contribuito economicamente. La chiesa comunque non è stata completamente terminata, restano ancora molte cose da ultimare in una seconda fase di lavori, per questo è ancora necessaria la generosità dei parrocchiani e di tutte le persone di buona volontà.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/01/2022
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

Il caso Ladaria e gli errori di certa stampa

Per chi sappia come funzionano le trafile nella Curia Romana, la nomina di Luís Ladaria a prefetto dell’ex Sant’Uffizio è tutto fuorché una sorpresa: anche i giornalisti che avevano per tempo confezionato il pezzo con cui “impallinarlo” lo sapevano bene. In ogni critica però è presente un’autobiografia, e il tempismo con cui si stracciano certe vesti dice bene lo stile dell’“informazione”.

Leggi tutto

Politica

Su Gerusalemme tutti contro Trump e Putin

Gerusalemme, uno strappo inutilmente pericoloso.  Neppure un solo Paese, a parte Israele, sembra appoggiare Trump nella sua mossa unilaterale. Sarà la scelta giusta?

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paolo Giulietti e la Fede ai tempi del Coronavirus

La tutela della salute, infatti, è senza dubbio un bene primario, per il quale è giusto fare delle rinunce. Mi domando però se una società possa considerare irrilevante o marginale ciò che alimenta il “capitale morale” della nazione (e i riti religiosi sono certamente un elemento importante da questo punto di vista). Il senso del dovere e del sacrificio non sono innati, ma sono il frutto di esperienze educative e spirituali alle quali debbono continuare ad alimentarsi, pena il dilagare di quegli atteggiamenti di irresponsabilità ed egoismo che hanno sicuramente aggravato la crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano