Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Spagna - Giornata dell’Infanzia Missionaria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Domenica prossima, 16 gennaio, i bambini spagnoli hanno un appuntamento con la Giornata dell’Infanzia Missionaria - “la Domenica dei bambini” -, per aiutare i missionari nel loro lavoro con l’infanzia. “L’ Infanzia Missionaria non è una Ong che fa cose belle per i bambini, è lo strumento della Chiesa perché i territori di missione abbiano i mezzi per prendersi cura dei bambini in quei luoghi” ha spiegato don José María Calderón, Direttore nazionale in Spagna delle Pontificie Opere Missionarie (POM), presentando la Giornata. Questa iniziativa, nata nel 1984, è stata la pioniera nella difesa dei bambini. Come ha commentato don Calderón, “la Chiesa è avanti, la cura dei bambini è sempre stata molto importante”.

Il Direttore nazionale POM ricorda che grazie ai fondi raccolti dall’Infanzia Missionaria - per lo più grazie alle donazioni dei bambini - si possono sostenere progetti di evangelizzazione, educazione e salute per i piccoli e le loro mamme, perché possano nascere e crescere con dignità, mangiare, studiare ... Dalla Spagna, l’Infanzia Missionaria ha inviato nel 2021 € 1.933.313,21, raggiungendo più di 300.000 bambini in 34 paesi. “Per molti bambini, l’unico posto dove trovano casa è la Chiesa” ha sottolineato.

La missionaria in Brasile Sofía Quintans, delle Francescane Missionarie della Madre del Divino Pastore, racconta come la Chiesa accompagni i profughi venezuelani che arrivano in Brasile, molti dei quali sono bambini. La missionaria è a Boa Vista da 3 anni, impegnata nell’“Operazione Benvenuto”, che risponde all’emergenza umanitaria. In coordinamento con lo Stato, l’Onu e varie Ong, la Chiesa cattolica accompagna queste persone nei campi profughi: a Boa Vista ci sono 13 campi, con 700-1.000 persone ciascuno. Ospitano temporaneamente i rifugiati in modo che possano inserirsi nella vita normale. “I venezuelani portano uno zaino carico di molte sofferenze” ha spiegato la missionaria, che ha posto particolare enfasi sull’angoscia dei bambini. “La situazione stressante dei loro genitori pesa su di loro, sono delle spugne”, questi bambini vivono “infanzie rubate”, “vogliono giocare ma non possono”. Pertanto, cerchiamo di creare spazi sicuri per loro in modo che possano continuare a giocare e imparare, anche se le cose non sono facili. Alla tratta dei bambini, al furto di neonati per I trapianti di organi, allo sfruttamento sessuale, ora si è unita anche la pandemia con le sue conseguenze.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/01/2022
2601/2022
Santi Timoteo e Tito

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Società

INDIPENDENZA NON E’ AUTODETERMINAZIONE

La Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti è fondamentale per tre regioni: cita esplicitamente “Dio” e non in termini rituali, richiama con chiarezza la “Legge di Natura” ed è dunque un Carta giusnaturalista, infine indica come primo diritto quello alla Vita, cui consegue il diritto alla Libertà (e sì, come dicevamo, quello molto american-mucciniano alla “ricerca della felicità”). Queste premesse fanno sì che ancora oggi, duecentoquarantuno anni dopo quel 4 luglio 1776, le banconote dei dollari americani contengano un esplicito riferimento alla fede (“In God we trust”) e qualsiasi presidente americano, di qualsiasi colore politico, non possa concludere un suo discorso pubblico senza invocare la benedizione divina sul proprio paese: God bless America.

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “No all’ideologia nella Chiesa”

Durante la Messa celebrata a Santa Marta, il Papa ha esortato a non concepire la fede con condizione. Le due figure della Chiesa, oggi: la Chiesa di quegli ideologi che si accovacciano nelle proprie ideologie, lì, e la Chiesa che fa vedere il Signore che si avvicina a tutte le realtà, che non ha schifo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano